"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le rivelazioni bomba dell’ex premier del Qatar sulle complicità con il terrorismo jihadista, ignorate dai media

La bomba della rivelazione della colpevolezza statunitense e saudita nella creazione di ISIS Ignorata dai Media Mainstream – e dal Team Trump

Ecco, proprio dalla tana del lupo! L’ex primo ministro del Qatar rivela da solo il modo in cui il suo paese ha lavorato con l’Arabia Saudita e con  la Turchia sotto la direzione degli Stati Uniti – vale a dire l’amministrazione Obama – per fornire armi e soldi ai terroristi jihadisto in Siria:

“L’intervista esplosiva dell’ex Primo Ministro del Qatar, Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani, costituisce un alto livello”  di rivelazione pubblica circa la collusione e il coordinamento tra quattro paesi per destabilizzare uno Stato indipendente, [incluso] il possibile sostegno a Nusra / al-Qaeda “. …

L’ex primo ministro del Qatar, Jaber al-Thani, che ha supervisionato le operazioni di Siria per conto del Qatar fino al 2013, ha dichiarato, riconoscendo che le nazioni del Golfo stavano armando i jihadisti in Siria con l’approvazione e il sostegno degli Stati Uniti e della Turchia: ” Non voglio entrare nei dettagli ma abbiamo documenti completi su di noi per come abbiamo gestito la situazione in Siria “. Al-Thani ha sostenuto che sia il re Abdullah dell’Arabia Saudita (che regnò fino alla sua morte nel 2015) sia gli Stati Uniti hanno posizionato il Qatar in un ruolo di primo piano per le operazioni segrete dirette ad eseguire la guerra per procura.

“I commenti dell’ex primo ministro, mentre sono molto rivelatori, erano intesi come difesa e scusa del sostegno del Qatar per il terrorismo e come critica degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita per aver mandato avanti essenzialmente il Qatar” tenendo la borsa dei finaziamenti “per sostenere la guerra contro Assad . Al-Thani ha spiegato che il Qatar ha continuato a finanziare gli insorti armati in Siria, mentre altri paesi hanno infine diminuito il sostegno su larga scala, per questo si è scagliato contro gli Stati Uniti e i Sauditi, che inizialmente “erano con noi sulla stessa trincea”. ‘ [“ In Shocking, intervista virale, Qatar confessa i segreti dietro la guerra siriana “, Zero Hedge , 29 ottobre]

Rotto il silenzio! Prendere in considerazione la vulnerabilità degli ex funzionari americani che erano responsabili in quel momento, il presidente Barack Obama e il segretario di Stato Hillary Clinton. Proprio ora, quest’ultima aveva avuto la sua settimana peggiore dopo aver perso le elezioni con le rivelazioni sul dossier Steele, la faccenda dell’Uranium One e l’implicazione del gruppo Podesta nel “RussiaGate “. L’unica cosa è rimanere indietro e guardare lo spettacolo dei fuochi d’artificio ! Da Tom Luongo (citando Zero Hedge ):

“Folks, ci ha detto già da acuni giorni che il muro di complicità attorno a Hillary Clinton sta scomparendo. Ora il Qatar, che non ha nulla da perdere a questo punto, rivela la complicità di questa amministrazione con il Jihadismo, specialmente perché i Sauditi hanno cambiato faccia ed hanno cercato di rendere il Qatar quale capro espiatorio per l’insurrezione terroristica fallita in Siria.

«Tuttavia, puntare direttamente il dito sul Dipartimento di Stato e sulla CIA, quando era sotto il controllo di Hillary Clinton, è assolutamente la cosa più dannosa che potevano fare in questo momento».

Ecco che arriva! Devono quasi sentirsi dispiaciuti per la povera Hillary! La squadra di Trump ei loro sostenitori nei media – partendo da Fox News , che stavano ballando sulla tomba politica di Hillary per tutta la settimana scorsa – saranno su tutta questa storia in pochissimo tempo! (si pensava).

Tranne che non lo fossero. Mentre Luongo indicava ciò che doveva accadere, non veniva fuori neppure un sospetto o una accusa da parte di alcuno nell’amministrazione. Niente neppure dalla Fox News . Entrambi erano come la mamma dei media mainstream, che prevedibilmente erano rimasti silenziosi come le tombe delle centinaia di migliaia di siriani macellati dai jihadisti.

Nessun fuoco d’artificio, nssuna campagna di accuse, solo il cinguettio dei grilli. Come ho previsto a quel tempo , la storia del Qatar sarebbe stata totalmente ignorata dai media mainstream americani (e dei vassalli europei). In realtà, non un singolo media importante negli Stati Uniti gestisce la storia, anche se ci sono stati pochi articoli in lingua inglese in Medio Oriente. Le uniche pubblicazioni di queste rivelazioni negli Stati Uniti sono state fatte  dai media alternativi come Zero Hedge, l’Istituto Ron Paul , Antiwar.com e alcuni altri, soprattutto blogger che prendono la parte di Zero Hedge .

In breve, lontano da essere una notizia di successo , era quello un non evento. Non-notizie. Non è accaduto . La storia non èstata notata neppure da coloro che avevano un interesse politico diretto e schierato per utilizzarlo.

Proprio come l’ultima volta.

Ricordate: già avvenuto nell’agosto 2016 Donald Trump aveva accusato Barack Obama e Hillary Clinton di essere rispettivamente il “fondatore” e la “co-fondatrice ” dell’ ISIS. Scandalo nei media e nel mondo politico ! Le presunte fonti di fatto, che sembravano neutrali, saltarono in azione per denunciare Trump. “Falso”, aveva dichiarato FactCheck.org . , guai a flirtare con “teorie di cospirazione”, Snopes annusava . “castagne sul fuoco”, aveva dichiarato PolitiFact .

Beh, certo, che cosa ti aspetti dal coro dei media mainstream e dai loro portaborse? Quanta dolce la vittoria sarebbe stata qualora il Team Trump avesse colpito con la prova! In attesa di anticipazione ho mandato via email alcuni contatti che lavorano sulla campagna (11 agosto 2016):

Tutti sappiamo quanto i media mainstream siano bugiardi, ma l’accusa di DJTrump che Obama e Hillary sono stati fondatore e co-fondatore di ISIS è risultata perfettamente vera. Mettere soldi e armi in sostegno per gli jihadisti era stato previsto (quando Hillary era stato Segretaia di Stato) nel 2012 i n un memo della DIA (Defence Inelligence Service) per realizzare un “principato salafita” in una parte della Siria , ciò che è diventato l’ISIS nel 2013. Michael Flynn (l’ex generale addetto alla sicurezza) ha dichiarato che questa non era un “occhio cieco” ma una decisione deliberata “!

“Non ho visto una inchiesta in merito a questo memo ed ai commenti fatti da Flynn in un qualsiasi punto di partenza, nonostante l’accusa di essere il ” fondatore / co-fondatore “.
(…….)
I ‘MEDIA HANNO IGNORATO IL MEMO DELLA DIA CHE PROVA L’ACCUSA DI TRUMP CHE OBAMA E CLINTON’ HANNO FONDATO ‘ISIS

“L’ultimo esempio dei comportamenti del grande media” nel fronte per sostenere Hillary “è stata la risposta isterica all’accusa di Donald J. Trump che il presidente Barack Obama e l’ex segretario di Stato Hillary Clinton sono rispettivamente” fondatore “e” co-fondatore ” dello Stato islamico (ISIS, ISIL).

“Nessuno dei grandi media si è preso il disturbo di menzionare il documento ufficiale che dimostra la verità assoluta delle accuse di Mr. Trump.

“Nel 2015, fatte salve le richieste della FOIA di Judicial Watch, era stata resa pubblica una relazione dell’Agenzia di Difesa della Difesa (DIA) di agosto 2012 . Questa ha precisato che il sostegno esterno alle forze jihadiste – in cui l’Al Qaeda in Iraq (AQI) e la Fratellanza Musulmana figurano in maniera prominente – per combattere contro il governo siriano ha creato la “possibilità di istituire un principato dichiarato o non dichiarato delle forze del terrorismo islamico nell’ Oriente della Siria, e questo è esattamente quello che i poteri di supporto all’opposizione volevano , per isolare il regime siriano “. Hillary Clinton era allora il segretario di Stato di Barack Obama.

“L’anno successivo, nell’aprile 2013, il principato” principio salafista “previsto si è veramente realizzato , con i gruppi terroristi dichiaratisi come lo” Stato islamico dell’Iraq e della Siria “- ISIS.

“Come ha sottolineato il signor Trump, una precondizione necessaria per l’emergere di ISIS è stata la precipitosa ritirata di forze americane provenienti dall’Iraq da Barack Obama, che ha agevolato l’estensione delle operazioni da parte di Al Qaeda e ISIS in Siria. Ma anche essenziale è stata la decisione sconsiderata della Casa Bianca di Obama e del Dipartimento di Stato di Clinton di perseguire in Siria la stessa politica di “cambiamento di regime” che aveva portato ai disastri in Libia. Ciò ha significato pompare soldi e armi nella guerra siriana a sostegno dei jihadisti diretti da al-Qaeda.

Mike Flinn

“L’anno scorso, commentando la relazione DIA del 2012, il generale Mikael Flynn, già direttore della DIA e successivamente consulente per la sicurezza del signor Trump, ha commentato che l’ascesa di ciò che è diventato ISIS non è il risultato di  trasformare un ” occhio cieco “ma piuttosto  di una” volontaria decisione “per consentire la realizzazione del previsto” principato salafita “. Come lo stesso General Flynn ha commentato in un’intervista rilasciata alla TV Al Jazeera :

Vedi: Foreign Policy

Nota: Queste rivelazioni dimostrano ancora una volta la falsificazione sistematica  delle notizie da parte dell’apparato dei grandi media che hanno ignorato la “pistola fumante” delle dichiarazioni che provano la complicità degli USA, dell’Arabia Saudita e dei loro alleati nell’aver creato, armato e favorito i gruppi terorristi dell’ISIS e di A- Quaeda per utilizzarli come truppe mercenarie al servizio degli interessi USA nel rovesciare il governo di un paese sovrano come la Siria.

Il silenzio complice su queste responsabilità continua e viene ereditato dalla nuova Amministrazione di Donald Trump, nonostante questi avesse delle buone carte in mano per fare fuori la sua rivale nelle elezioni presidenziali. A conferma di come gli apparati dello Stato Profondo (the Dep State) sono quelli che guidano realmente la politica estera USA, a prescindere dai presidenti.

Il conflitto in Siria ha causato oltre 450.000 vittime, secondo una stima per difetto, decine di migliaia di feriti, mutilati, 6/7 milioni di profughi, immani distruzioni, la più grande emergenza umanitaria dopo la Seconda Guerra mondiale.

Un giorno forse qualcuno dovrà chiedere  conto agli Stati Uniti ed ai loro alleati di questa immane  tragedia ed allora sarà necessario istituire un nuovo “processo di Norimberga” per crimini contro l’Umanità.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione e nota : Luciano Lago

*

code

  1. Max 2 settimane fa

    Ma la traduzione di questo articolo l’avete fatta con Google translator? Non si capisce niente!!
    È un articolo interessantissimo ma purtroppo reso impresentabile dalla tradizione senza alcuna logica! Proverei imbarazzo a condividerlo con qualcuno… (cosa che avrei fatto se non fosse scritto così) Peccato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace