Le proteste negli USA hanno eroso la legittimità di Washington

L’amministrazione americana sta raccogliendo i frutti della polizia arbitraria sulla scena internazionale.

Le proteste hanno eroso la legittimità di Washington
Anche nei paesi del blocco transatlantico, molti si sono schierati con i ribelli americani, che organizzano pogrom in tutto il paese dopo l’omicidio di George Floyd.

Come sapete, un afroamericano è stato arrestato con l’accusa di falsificazione di un assegno di $ 20. Durante l’arresto, la polizia ha iniziato ad appoggiare le ginocchia sul collo di Floyd. Ha detto che non poteva più respirare, ma il poliziotto non ha ascoltato. Di conseguenza, l’uomo è morto.

Gli esperti cinesi esortano ora i funzionari statunitensi a ” pensarci due volte prima di commentare nuovamente la situazione a Hong Kong ” , secondo l’Associated Press, e la Russia ha affermato che ” gli Stati Uniti hanno problemi di diritti sistemici”. dell’uomo ”.

Tuttavia, gli oppositori degli Stati Uniti si trovano anche nei paesi che si suppone siano “partner” di Washington. A Londra, ad esempio, migliaia di persone sono venute a Trafalgar Square con lo slogan ” Nessuna giustizia, nessuna pace “.

Stato di polizia USA

Alla costruzione della missione diplomatica americana a Berlino, centinaia di manifestanti si sono riuniti e hanno appeso uno striscione con le parole ” Giustizia per George Floyd “.

Anche i manifestanti antirazzisti in Canada hanno proceduto a protestare contro la brutalità della polizia USA.. La manifestazione si è trasformata in uno scontro violento tra manifestanti e polizia.

Le proteste sono state registrate in Nuova Zelanda. Le persone si sono radunate presso il consolato americano ad Auckland. Tenevano in mano dei manifesti con le parole ” Non riesco a respirare ” e ” Il vero virus è il razzismo “.

Il segretario generale delle Nazioni Unite chiede un’indagine sulla violenza della polizia americana
Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ritiene che se le proteste devono avvenire pacificamente, la violenza di polizia deve essere indagata negli Stati Uniti come in qualsiasi altro paese, secondo quanto riferito lunedì il suo portavoce.
“Le autorità devono mostrare moderazione nella loro gestione dei manifestanti negli Stati Uniti” come altrove, ha aggiunto Stéphane Dujarric durante il suo briefing quotidiano sulla stampa.

“Abbiamo assistito a casi di violenza della polizia negli ultimi giorni. Tutti i casi devono essere investigati “, ha anche detto. “Le forze di polizia di tutto il mondo devono ricevere un’adeguata formazione sui diritti umani. E richiede anche un investimento nel supporto sociale e psicologico per la polizia in modo che possano fare un lavoro efficace nella protezione della comunità umana “, ha detto il portavoce.

Il capo delle Nazioni Unite è anche preoccupato per gli attacchi ai giornalisti visti negli Stati Uniti negli ultimi giorni, ha detto. In un tweet di questo fine settimana, Antonio Guterres ha sottolineato che “quando i giornalisti vengono attaccati, sono le aziende che vengono attaccate”. “Nessuna democrazia può funzionare senza la libertà di stampa”, ha insistito il capo delle Nazioni Unite.

Fonte: New Front

Traduzione: Lisandro Alvarado

12 Commenti

  • Arditi, a difesa del confine
    2 Giugno 2020

    ma i due bianchi nella foto che chiedono giustizia, dove sono quando le flashball della polizia francese rendevano orbi i gilet gialli ?
    dove sono quando i bambini in Siria vengono uccisi dall’isis ?
    dove sono quando i palestinesi vengono usati come bersagli dall’esercito degli ebrei ?

    solo i neri contano ?

    • Monk
      2 Giugno 2020

      tipico delle zecche rosse a libro paga dei sionisti

  • luca
    2 Giugno 2020

    Articolo imbarazzante nella sua ingenuita’ , l’autore ha il prosciutto sugli occhi, anche un bambino vede che tutto e’ per impedire a Trump la rielezione, parlare poi di liberta’ di stampa in america dove tutta l’informazione e’ in mano a un pugno di criminali e’ comico, grazie , una risata al mattino presto e’ salutare.

  • gs
    2 Giugno 2020

    Grazie Luca, hai espresso molto bene anche le mie sensazioni su questo aticolo demenziale. Se attacchi un giornalista attacchi unaaziensa?????Ma chi è quest’altro coglione…Incredibile.

  • Giorgio
    2 Giugno 2020

    Ecco servito il sogno americano, pardon l’incubo, il paese che esporta civiltà e diritti, il paese del genocidio dei nativi indigeni fondato a suon di navi negriere…. La dittatura del 1 x cento e del complesso militare industriale e dei servi nostrani… Ma la storia sta seguendo il suo corso inesorabile… Si avvicina la fine del sistema capitale anglo sionista e non sarà indolore…. Potremo accelerarlo se ci svegliassimo….

  • Vittoriano
    2 Giugno 2020

    Ci segnalo

    ‘Assaltati e feriti gli sbirri salvano la città’
    articolo di Pat Buchanan

    https://www.unz.com/pbuchanan/assaulted-and-vilified-the-cops-save-the-cities/

  • Man
    2 Giugno 2020

    Perdere tempo in commenti è tipico dei paranoici compulsivi. Il Potere non è, parafrasando il Mao inco+cul+atoci da sessantottini stanziali all’Hyperion della Ville Lumière, un ballo in maschera, bensi’ lo stupro primigenio e molto più di Caio e Abele: atto di Superbia che è capofila dei Sette kabalistico Peccati (da) Capitale

  • Monk
    2 Giugno 2020

    Le zecche globaliste con i loro amici negher devono crepare, il resto è fuffa, poi penseremo al sistema americazzo sionista, ma i primi amici dei giudei sono proprio loro

  • Monk
    2 Giugno 2020

    “Antonio Guterres ha sottolineato che “quando i giornalisti vengono attaccati, sono le aziende che vengono attaccate”. “Nessuna democrazia può funzionare senza la libertà di stampa”, ha insistito il capo delle Nazioni Unite.”

    Andate affanculo, la contro informazione esiste perchè siete i primi pezzi di merda che manipolano i media, censurando i dissidenti. I crani aperti meritate.

  • Teoclimeno
    2 Giugno 2020

    A questo punto dei giochi “para polizieschi” non possiamo neppure essere sicuri che il negro ucciso dalla polizia, sia realmente stato ucciso. Quando si tratta degli USA è lecito dubitare di tutto e tutti. Conviene prendere un altro po’ di tempo, e aspettare che la cortina fumogena si diradi prima di tranciare giudizi. Per quanto riguarda le osservazioni sulla libertà di stampa fatte dal capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres: “Nessuna democrazia può funzionare senza la libertà di stampa”, vorrei tanto mi dicesse dove questa “libertà di stampa” sia mai stata vista. Di sicuro non certo in Italia.

  • Blackcrow
    3 Giugno 2020

    Questo sito sta diventando incommentabile, davvero.
    Ma sono tutti contro Trump e ancora non hanno chiaro nella capa che sta conducendo una guerra all’ultimo sangue contro il deep state?? Qui altro che prosciutto negli occhi, un intero maiale!

    Trump deve rivincere le elezioni, punto, o saremo nella merda più totale.
    O qui qualcuno pensa che se rivincono i fottuti democratici pedosatanisti l’Italia, il mondo starà meglio??
    No, saremo tutti androidi chippati cazzo!!

    Qui siamo alla follia totale.

  • giorgio
    3 Giugno 2020

    Vero,…… una eventuale vittoria democratica sprofonderebbe il mondo nella catastrofe, guerra aperta, controllo sociale, dittatura finanz-sanitaria ecc., mentre una rielezione di Trump, dovrebbe limitare la catastrofe al solo impero anglo-sionista, al netto di qualche colpo di coda bellico ……. perche la fazione finanz-globalista non si arrenderà facilmente ….. anche se se soccomberà lo stesso …..

Inserisci un Commento

*

code