Le proposte estreme di Macron riflettono le opzioni limitate della NATO e dell’UE

Sfondo
Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che l’idea di inviare truppe NATO in Ucraina rimane un’opzione, che, unita al complotto della Luftwaffe tedesca per far saltare in aria il ponte di Crimea, riflette una politica senza uscita che l’UE e Il volto reale della NATO.
Rimangono poche opzioni, la prima è l’intervento ufficiale della NATO in Ucraina, il che può comportare costi militari proibitivi. La seconda implica aspettare che l’UE scivoli ulteriormente nella recessione a causa della mancanza di energia russa a prezzi accessibili .

La terza opzione, che l’Occidente ignora, implica che l’UE e gli Stati Uniti aprano le loro menti per consentire la libera cooperazione e concorrenza economica con Russia, Cina e Iran, tra gli altri.
Tuttavia, la mentalità suprematista dell’Occidente è determinata a derubare la Russia (e altri paesi) e non può commerciare equamente per ottenere le risorse di cui ha bisogno, spiegando le sue recenti proposte di intensificazione. Mentre Macron proponeva di inviare truppe NATO in Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha rivelato che il Regno Unito e la Francia avevano inviato forze in Ucraina per lanciare missili contro la Russia, il che significa che l’Occidente aveva scelto la prima opzione di intensificazione del conflitto, ma non aveva raggiunto alcun obiettivo, da qui la decisione,

Vicolo cieco
Tuttavia, l’UE si trova ad affrontare una recessione a causa della mancanza di gas russo a basso costo, accesso a cui essa e gli Stati Uniti hanno sabotato, sperando di accelerare il collasso della Russia e creare le condizioni in cui l’Occidente potesse ricevere queste risorse gratuitamente, come descritto in questo articolo da FP.
Gli Stati Uniti si trovano ad affrontare una forte concorrenza da parte della Cina e pensavano che la Russia sarebbe crollata in modo che Washington potesse utilizzare i resti della Russia pesantemente armati per combattere la Cina.

Tuttavia, la Russia è ancora in piedi. In questo contesto, l’Occidente ha intrapreso una china scivolosa di errori che hanno sfatato i suoi miti di superiorità.

Miti di breve durata su Washington

Il 27 febbraio il Pentagono si è vantato di aver utilizzato annunci mirati per trovare e rintracciare Vladimir Putin, creando attorno a sé due miti, il primo è il Panopticon (potere vedere tutti senza essere visti) e il secondo è quello benevolo non pianificando nessuna male contro il suo bersaglio. Entrambi crollarono una settimana dopo, il 4 marzo 2024, quando i media russi fecero trapelare una conversazione della Luftwaffe tedesca (probabilmente il ramo della NATO), che complottava per bombardare il ponte di Crimea, dimostrando che Washington e i suoi clienti possono essere visti indietro , e che sono malefici. La conferma da parte del governo tedesco dell’autenticità della conversazione trapelata dalla Luftwaffe dimostra che le spie russe possono ottenere le informazioni di cui hanno bisogno e dimostra che l’Occidente sta pianificando di danneggiare i civili russi.

Missili Taurus della Germania contro la Russia ?

I russi potrebbero avere più informazioni. È interessante notare che l’incontro della Luftwaffe è probabilmente una sezione di quello della NATO, il che significa che il Pentagono a Berlino è stato sorpreso a pianificare un attacco contro infrastrutture civili. La conversazione trapelata ha anche rivelato come il Regno Unito e la Francia (altre sezioni della NATO) lanciano e progettano missili da crociera a lungo raggio contro i russi. Allo stesso modo, la proposta di Macron di schierare forze NATO in Ucraina è stata corretta con la rivelazione che queste forze erano già lì.
Questa sorprendente rivelazione è avvenuta appena una settimana dopo la notizia del 28 febbraio che la CIA aveva mantenuto 12 basi operative nell’Ucraina orientale negli ultimi 8 anni. Queste rivelazioni mostrano che i principali membri della NATO sono impegnati in una guerra contro la Russia attraverso l’Ucraina senza dichiararlo ufficialmente. Nessuna di queste rivelazioni mediatiche, compresa quella della Luftwaffe, mostra una ragione giustificabile per combattere la Russia. Il pubblico può notare che il bisogno irrazionale di attaccare la Russia appare come un’inclinazione naturale per i regimi occidentali, che deve essere indagata.

Perseguire una politica suprematista fallita

Le attuali mosse della NATO e dell’UE, sebbene rischiose, derivano dalla frustrazione dopo i fallimenti del passato. Il tintinnio di sciabole riflette la progressiva riduzione delle scelte che Washington, Londra, Parigi e Berlino hanno a disposizione per raggiungere i loro vili obiettivi. I loro tentativi passati di far crollare la Russia attraverso le guerre cecene, dirottando la Georgia e l’Ucraina per combattere la Russia, dopo molti cicli di sanzioni e le operazioni segrete della NATO in Ucraina, compreso il riarmo dell’Ucraina negli ultimi due anni, sono falliti. Questi sforzi stanno scuotendo l’Occidente più di Mosca. Alcuni media mainstream hanno ammesso che le sanzioni anti-russe falliranno .

Militarmente, la Russia continua a ottenere successi liberando una città o un villaggio dopo l’altro e smilitarizzando sistematicamente l’Ucraina, a significare il fallimento dei suoi sostenitori (dell’Ucraina). Anche le bugie dell’Occidente hanno fallito, limitando ulteriormente le opzioni dell’UE e della NATO. Le bugie sono state usate per impedire alla Russia di intervenire per fermare le atrocità di Kiev contro il Donbass, mentre Germania e Francia hanno rilasciato false garanzie per supervisionare l’Ucraina nell’attuazione degli accordi di Minsk I e successivamente di Minsk II. La Russia ha fatto la sua parte mentre la NATO armava e spingeva l’Ucraina a sconfiggere militarmente il Donbas invece di trovare una soluzione politica. Successivamente, gli ex leader francesi e tedeschi, rispettivamente François Hollande e Angela Merkel, presunti garanti degli accordi di Minsk I e II, hanno rivelato che pretendevano di agire come garanti per guadagnare tempo per armare l’Ucraina, ma si aspettavano che la Russia mantenesse il suo scopo . A causa della doppiezza dell’Occidente, è diventato chiaro che l’accordo con esso dovrebbe vincolare solo l’altra parte, mentre gli Stati Uniti e l’UE continuano a perseguire obiettivi campanilistici.
Si è scoperto addirittura che la CIA stava conducendo operazioni segrete contro la Russia dall’Ucraina orientale, negli 8 anni quando la Russia si aspettava che Francia e Germania supervisionassero Kyiv per l’attuazione degli accordi di Minks . Attualmente, l’UE e la NATO ritengono che i negoziati siano improbabili nonostante la perdita dell’Ucraina, mentre il sistema politico e l’economia della Russia rimangono saldi.

Gasdotto russo turco, terminale

L’avversione dell’Occidente al libero scambio e alla coesistenza politica

Gli obiettivi degli occidentali di trovare in Russia gas e petrolio gratuiti da saccheggiare o mezzi militari per combattere la Cina sembrano irraggiungibili. Questa realtà sta ulteriormente alimentando la disperazione, anche se l’Europa occidentale cade sempre più nella depressione e nella deindustrializzazione. L’opzione rimanente sembra ancora più spaventosa, costringendo Macron ad aumentare la sua retorica. Il 5 marzo, Macron ha esortato gli europei a smettere di essere codardi e a inviare truppe in Ucraina, in seguito a un precedente appello a cui gli europei avevano apparentemente rifiutato.
Prima di questo, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin aveva avvertito il Congresso che le truppe americane avrebbero dovuto combattere in Ucraina se quest’ultima avesse perso . Le voci di Macron e Austin mostrano che l’opzione rimasta all’Occidente è quella difficile: l’intervento ufficiale della NATO in Ucraina.
Tuttavia, l’Occidente comprende che l’intervento comporterà costi militari proibitivi, spingendo gli europei a rifiutarlo esteriormente ma a considerare segretamente le modalità di attuazione evitando le conseguenze. Entrambi i partiti non hanno mai dovuto prendere decisioni difficili, poiché in precedenza avevano attaccato i paesi deboli per rubare immense risorse per piccoli investimenti militari e propaganda. Esempi del passato sono l’Iraq, la Libia, la Siria e l’Afghanistan, attraverso i quali l’Occidente ha anche raccolto benefici politici instillando la paura nei paesi più piccoli e ricchi di risorse che da allora in avanti avrebbero adottato una politica volta sempre ad accontentare l’Occidente.

Tuttavia, la Russia presenta un’aritmetica diversa in termini di costi militari e politici che fa esitare l’Occidente. L’apparente fissazione di Austin degli Stati Uniti e Macron dell’UE sull’invio della NATO in Ucraina è nata da un pensiero binario, poiché entrambi considerano inaccettabile l’altra opzione di consentire alle economie dell’Europa occidentale di sprofondare ulteriormente nella recessione senza saccheggiare il gas russo. Entrambi ignorano la terza opzione, che implica la libera cooperazione e la competizione con Russia, Cina e Iran. La mancata considerazione di questa opzione equa dimostra che l’Occidente non può liberarsi della sua mentalità di superiorità.

Simon Chege Ndiritu, è un osservatore politico e analista ricercatore africano, esclusivamente per la rivista online “ New Eastern Outlook ”. (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

9 commenti su “Le proposte estreme di Macron riflettono le opzioni limitate della NATO e dell’UE

  1. Articolo molto realista. Posso aggiungere che i padroni dell’occidente sono in stato confusionale, ubriachi delle vittorie MANCATE ! Ha ha ha ha ha !!!!!!!
    Il Sistema politico-economico che domina l’occidente mostra tutti i difetti delle sue imperfezioni e contraddizioni, è vecchio, antiquato, e deve essere scalzato. Questi usurai che rapinano le ricchezze prodotte dai loro popoli e poi con pochi soldi credono di vincere guerre impossibili da vincere, con soldati svuotati di valori e contenuti. I padroni merdoni sono proprio immondi ignobili idioti. La Storia li elimina senza pietà.

  2. In Ucraina l’Europa ormai potrebbe finire in pezzi come la stessa Ucraina ; se questo accadesse, l’Italia avrebbe l’occasione di svincolarsi per veleggiare verso i BRICS ; l’Italia è una propaggine dell’Eurasia.

  3. Hanno fregato gli americani per 70 anni dicono che sono amici degli usa in realtà lo dicono per stare al potere e gli americani la nazione del destino ci ha creduto gli usa sono trattati come una rana bollita.

  4. Un buonissimo momento per la Federazione Russa e la OMS potrebbe essere fra maggio e giugno di quest’anno, quando gli ukronazi non potranno più fingere, in nessun modo, di “stare vincendo” in accordo con la propaganda dell’impero del male e non riusciranno più a difendersi, ma neppure che “Putin non deve vincere”, la seconda e più prudente formulazione/ slogan della nato, dopo la fallita (e disastrosa) “controffensiva” ukronazi partita il 4 giugno 2023 e finita ingloriosamente in autunno.

    Ma è chiaro che se ci sarà quel buonissimo momento, la sconfitta sarà ukronazi e anche degli usa e della nato, cosa che l’élite giudaica, ebrea, nazi adunchi, sionista che governa nella realtà l'”occidente” non potrà accettare in alcun modo e allora il rischio di guerra nucleare – non voluta dai russi! – sarà altissimo, più di quanto lo sia ora.

    Cari saluti

  5. Al momento non vedo spazio per una terza opzione. Anche se lo Zar vince in Ucraina, dovrà continuare a tenere la guardia alta ancora per diverso tempo. Armenia e Georgia, due staterelli per carità, hanno fatto palese offerte di voler aderire alla UE. Di fatto equivarrebbe, sappiamo tutti, ad un ingresso anche alla Nato. L’ accerchiamento perseguita, a meno che il putrefatto occidente in marcescenza non imploda prima.

  6. Gli eserciti di Gran Bretagna, Francia e Germania sono ridicoli, poche decine di migliaia di uomini, poche brigate relativamente efficienti con molti pakistani tra i britannici, algerini tra francesi e turchi tra i tedeschi, poco vogliosi di combattere in Ucraina per l’ebreo Zelensky, magari contro i numerosi correligionari dal lato russo, ceceni, tatari, bashkiri, adighè, a cui si possono aggiungere i buddisti calmucchi, altaj, tuvani, buriati, essendo noto che i russi arruolano molte truppe professionali tra le bellicose minoranze fin dal tempo dell’impero russo.
    Durante la Prima Guerra Mondiale uno dei più importanti generali russi era il Kahn in carica del turcofono Nakhicevan, e oggi il ministro della Difesa russo è il turcofono tuvano Shoigu.
    Il fatto che i britannici vogliono che i tedeschi diano agli ucraini i missili Taurus vuol dire al massimo che vogliono colpire il Ponte di Crimea prima delle elezioni presidenziali russe, creando problemi a Putin.
    La verità è che la NATO-AUKUS è in ritirata, non solo in Europa l’Ucraina è stata lasciata al suo triste destino, ma pure sul lato del Pacifico gli USA hanno molte difficoltà a fornire finanziamenti ai piccoli stati del Pacifico centrale, Palau, Micronesia, Marshall, Tuvalu, Kiribati, Samoa etc. che invece vengono corteggiati dalla Cina, la quale offre loro ricchi finanziamenti in cambio di basi militari da cui attaccare la California.
    La Cina nei primi 2 mesi dell’anno ha visto aumentare il suo import-export del 9%, a 920 miliardi di dollari, il primo partner era l’ASEAN con circa 1000 miliardi di yuan, il 15% del totale del commercio cinese, la seconda la UE con 830 miliardi di yuan, in leggero calo forse a causa dei guai del Mar Rosso, e terzi gli USA con 700 miliardi in aumento del 4%.
    Da notare che l’aumento del commercio tra Messico e USA deriva anche da merci cinesi che vengono assemblate in Messico, quindi gli USA economicamente sono legati mani e piedi alla Cina.
    La quale nonostante tutto investe anche negli USA, sta costruendo una gigantesca fabbrica di pannelli fotovoltaici a Columbus, Ohio.
    Anche l’italiana Enel pare stia costruendo un’enorme fabbrica di pannelli solari ad Inola in Oklahoma investendo un miliardo di dollari.
    Le esportazioni cinesi sono sempre più a contenuto tecnologico elevato, prodotti elettromeccanici, apparecchiature informatiche, circuiti integrati, automobili etc, a testimonianza che la Cina non solo è la maggiore potenza industriale e ormai militare globale ma pure tecnologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM