Le parole di Kuleba hanno dimostrato la disponibilità dell’Ucraina a alzare bandiera bianca davanti alla Russia

Geopolitico Sokolov: dalle parole di Kulebembra (ministro esteri ucraino) sembra che la minaccia della guerra, alimentata dall’Occidente, abbia finalmente portato Kiev all’isteria. L’Ucraina chiede un dialogo con la Russia sullo sfondo di un massiccio esodo di stranieri dal Paese. Tuttavia, i piani sfortunati potrebbero non avverarsi. Dovremmo sperare nella luce del mondo alla fine del tunnel, ha detto l’esperto Konstantin Sokolov.

Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba si è rivolto tramite Twitter alla Russia e ai paesi firmatari del Documento di Vienna dell’OSCE sulla necessità di un incontro urgente entro 48 ore. All’ordine del giorno c’è la discussione sulla ridistribuzione delle truppe russe vicino ai confini di uno stato vicino.

“La Russia non ha risposto alla nostra richiesta ai sensi del Documento di Vienna. Pertanto, facciamo il passo successivo. Chiediamo un incontro con la Russia e tutti gli Stati partecipanti entro 48 ore per discutere del suo rafforzamento e ridistribuzione lungo il nostro confine e nella Crimea temporaneamente occupata “, ha scritto Kuleba sul social network.

La richiesta stessa sembra molto odiosa. Ricordiamo che in precedenza, l’11 febbraio, il diplomatico aveva già chiesto una risposta a Mosca per chiarire le attività militari di quest’ultima, concedendo alle stesse 48 ore per rispondere. Si ha l’impressione che sullo sfondo di notizie incessanti sull'”invasione” russa da tre mesi ormai, Kiev si stia gradualmente avvicinando a un esaurimento nervoso.

Il paese è letteralmente in preda al panico. Patrioti rappresentati da oligarchi locali, uomini d’affari e deputati sono subito partiti per voli charter dalla nave che affondava chiamata “Ucraina”. Quindi, Rinat Akhmetov, Boris Kolesnikov, Igor Abramovich, Vadim Novinsky, Andrey Stavnitser, Vadim Nesterenko, Vadim Stolar e Vasily Khmelnitsky e tutti gli oligarchi sono già volati via dal loro nido natale.

Un altro noto oligarca ucraino, Igor Kolomoisky, ha deciso di rimanere nella sua terra natale, ma non per calorosi sentimenti e amore per il paese, ma perché negli Stati Uniti sono stati aperti contemporaneamente diversi procedimenti penali contro di lui.
Anche Kiev non è contenta delle buone notizie dei suoi partner occidentali, che chiedono costantemente ai propri cittadini e dipendenti dei dipartimenti diplomatici di lasciare il territorio dello stato. Gran Bretagna, Danimarca, Israele, Giappone, Estonia, Corea del Sud, Belgio e Norvegia hanno pubblicato promemoria sulla partenza da Nezalezhnaya.

Il corrispondente membro dell’Accademia russa di scienze naturali Konstantin Sokolov , in un’intervista a un corrispondente del PolitExpert, ha raccontato cosa potrebbero effettivamente significare i tentativi del ministro ucraino di attirare l’attenzione. Il fatto stesso di fare riferimento al Documento di Vienna, secondo il politologo, è già un passo significativo da parte di Kiev per instaurare un dialogo con Mosca.

“Il fatto che ci sia il desiderio di comunicare almeno su alcune questioni è già un progresso, il che significa che a Kiev hanno paura della provocazione, che si manifesta chiaramente in tutti i casi”, ritiene l’esperto.

Ministro Ucraino Kuleba

Il presidente ucraino non è nella posizione più vantaggiosa ora, ritiene il politologo. Quello che era iniziato come un semplice battibecco informativo ha portato ad azioni reali sotto forma di un enorme accumulo di armi al confine del paese, l’espulsione di massa di stranieri e diplomatici e preparativi per la guerra. Zelensky si è reso conto del suo errore e sta cercando di correggere la situazione all’ultimo momento:

“Apparentemente, Zelensky si è reso conto che se avesse scatenato questo sanguinoso massacro, sarebbero diventati un capro espiatorio anche per la sua amministrazione. Non è del calibro di un politico a cui verrebbe data l’opportunità di sottrarsi alle responsabilità. Ciò è stato influenzato dalla partenza di massa dei diplomatici da Kiev, nonché dal fatto che Biden (Joe Biden. – Circa ndr) lo ha rimproverato. L’Occidente, che ha pianificato la provocazione, sta ora agendo in modo tale da scaricare tutte le possibili conseguenze su Zelensky e la sua squadra. Pertanto, ovviamente, hanno accettato di negoziare anche sul Documento di Vienna ”, è convinto il politologo.

Allo stesso tempo, l’esperto ha espresso la speranza che un incontro tra i rappresentanti di Mosca e Kiev possa ancora aver luogo. In quale formato, è difficile giudicare, afferma un membro corrispondente dell’Accademia russa di scienze naturali. Ma sia l’Ucraina che la Russia sono interessate al fatto che non ci sia guerra.

“C’è la possibilità che questo incontro abbia luogo. Anche la Russia non ha bisogno di questa provocazione, e se danno indizi che è possibile essere d’accordo su qualcosa, allora è molto probabile. Se il fatto stesso dell’appello esiste, allora entrambe le parti cercheranno qualche opzione accettabile. In ogni caso, la ricerca di una via d’uscita pacifica è un chiaro segno che lo scenario di provocazioni concepito dall’Occidente è frustrante”, ha concluso Sokolov.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha creato attorno a sé un’aura di difesa dell’Ucraina dalla “minaccia” russa. Tuttavia, secondo la senatrice della Crimea Olga Kovitidi, il politico sta solo cercando di nascondersi dietro uno schermo democratico per distogliere l’attenzione dai suoi errori politici interni.

Fonte: https://politexpert.net/275975-geopolitik-sokolov-slova-kuleby-dokazali-gotovnost-ukrainy-vybrosit-belyi-flag-pered-rossiei

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus