LE ORGANIZZAZIONI CHE PROMUOVONO L’IDEOLOGIA DEL SIONISTA SOROS SONO CREATE PER ESERCITARE PRESSIONI SUI PAESI

Il concetto stesso di società aperta, l’idea principale della Fondazione Soros, è stata creata da globalisti, sostenitori di un mondo unito sotto il loro controllo, con alcune strutture sovranazionali che tentano di assumere il ruolo di governo mondiale.

Lo ha affermato il vicecapo del Rapporto del Movimento internazionale euroasiatico (MED), il politologo russo Valery Korovin.

«Questa idea esiste da molto tempo, è maturata in Occidente già nel 20 ° secolo e il compito dei globalisti è quello di aprire gli stati nazionali all’intervento esterno e globalista, per la loro espropriazione a favore del progetto Open Society, per la loro integrazione nel progetto globalista “, ha affermato V. Korovin

Secondo lui, il principale ostacolo alla globalizzazione sono i governi nazionali, le amministrazioni e gli interessi nazionali di questi stessi stati, che raramente coincidono con gli interessi dei globalisti.

“Tali proteste sono di natura strumentale, cioè non sorgono spontaneamente, non naturalmente, ma sobillate per ordine delle strutture globaliste con la loro attiva influenza finanziaria, amministrativa e politica, con la partecipazione di strateghi politici globalisti”.

“Per eliminare questi ostacoli, gli attuali regimi vengono destabilizzati, in particolare quelli che si sostengono a vicenda e non vogliono aprirsi ai centri globalisti. Tali proteste sono di natura strumentale, vale a dire che non sorgono spontaneamente, non naturalmente, ma per ordine di strutture globaliste con la loro influenza finanziaria, amministrativa, politica attiva, con la partecipazione di tecnologi politici globalisti … In tutti i casi quando parliamo di questo tipo delle rivolte, condotte sotto il motto del raggiungimento di “libertà”, “diritti umani”, diritti delle minoranze, libertà delle persone LGBT, democrazia e altre sciocchezze globaliste: ovunque in questi casi c’è un agente delle centrali globaliste. Questo è un eccesso di azione esclusivamente politico e tecnologico, nulla a che fare con la libertà, la democrazia o pretesi diritti umani.

Parlando della personalità e del ruolo del famoso finanziere e speculatore americano George Soros nei processi globalisti, V. Korovin ha indicato di essere questi un ideologo della globalizzazione e un apologeta delle idee di Karl Popper, il creatore del concetto di “società aperta” , autore di una specie di Bibbia globalista: «Open Society and Its Enemies». »

«Soros ha assunto la missione di tradurre questo concetto in realtà. È una specie di apostolo Karl Popper, che ha dedicato la sua vita e il suo patrimonio per attuare questi concetti ”, ha sottolineato lo scienziato politico russo.

Korovin ha osservato che G. Soros lavora con alcune strutture transnazionali, sono una sorta di moduli tecnici per promuovere il progetto della “società aperta”.

“Senza Soros, questa idea non era così elaborata, né efficace, né diffusa”, ha aggiunto V. Korovin.

EU commission President Jean-Claude Juncker (L) welcomes George Soros, Founder and Chairman of the Open Society Foundations prior to a meeting in Brussels,

Secondo lui, oggi la giovane generazione partecipa attivamente all’ideologia globalista, che compie la sua ricerca, dà risposte complete a tutte le domande che sorgono nella sua formazione. Ha sottolineato che le organizzazioni giovanili che promuovono gli interessi e l’ideologia di G. Soros sono create come mezzo di pressione sull’élite politica di diversi stati per raggiungere determinati obiettivi.

«Il globalismo è la propria, speciale, alternativa all’immagine tradizionale del mondo. È una sorta di nuova realtà che cattura la coscienza dei giovani che sono avidi di significato. Dal momento che i giovani sono la parte più attiva e appassionata di qualsiasi società, si tratta anche del suo massimalismo per dare vita a questa idea ”, ha affermato V. Korovin.

“I globalisti, cercando di instillare le loro idee, le contrastano con tutto il resto, con coloro che si oppongono sulla base della difesa della identità e della sovranità, dando a quest’ultima una connotazione ed un valore negativo.”

Secondo loro, i globalisti, el cercare di instillare le loro idee, disprezzano come retrogadi coloro che rifiutano i loro concetti, affermando che “Tutto ciò che non è globalista è cattivo. Tutto ciò che non è aperto è chiuso. Non diritti umani, ma tirannia e dittatura. Tutto ciò che non è sviluppo è stagnazione, tutto a livello di significati è dipinto in toni positivi quando si tratta di globalismo, in toni negativi quando è un’alternativa al globalismo. Le giovani menti immature, che trovano la loro ricerca esistenziale in queste idee, sono utilizzati e manipolati , questo è per le sue (di Soros)esigenze di visione del mondo “, ha dichiarato il vicedirettore di MED.

Secondo il politologo, la macchina globalista può anche essere gestita e messa in azione nell’esecuzione di qualsiasi compito specifico.

“Oltre all’obiettivo finale: creare un mondo globale unico sotto il controllo di centri globalisti transnazionali, ci sono compiti locali, inclusi compiti finanziari, materie prime, politiche e di sicurezza. È possibile attivare una piccola rete globalista, esercitare pressione locale, concentrarsi, raggiungere il risultato reale e quindi spegnerlo fino al momento della demolizione completa di un’amministrazione o del regime attuale “, ha affermato V. Korovin.

Parlando della prospettiva di un progetto globalista globale, il politologo ha affermato che la lotta nei prossimi decenni determinerà se il progetto globalista sarà in grado di ottenere una “quota di controllo nel mondo e iniziare a imporre completamente il globalismo”, o se gli oppositori alla globalizzazione possono difendere il diritto a una varietà di forme di esistenza: politica, civiltà, culturale, religiosa.

«Un’alternativa alla globalizzazione è un mondo multipolare, un mondo di varie civiltà, un mondo di diversità culturale, un mondo complesso pieno di significati, un mondo che non mescola, non è semplificato, non è primitivo, come creato da Globalisti, un mondo che non consiste di bio-amecanoidi, ma di popoli, gruppi etnici, culture, tradizioni, cioè questo è il mondo originale.
Pertanto, l’alternativa alla globalizzazione è la tradizione, la multipolarità, la diversità delle forme, il ripristino del ruolo delle religioni, che è un’alternativa, una persona nella sua interezza in senso ontologico e non in forma non mescolata, meccanicoa«, ha sottolineato il vicedirettore di MED.

Il politologo russo ha espresso la speranza che le prospettive di una “ripresa” delle identità sia possibile e che ci si possa presto sbarazzare del progetto globalista evitando di farlo prevalere.

Fonte: Report.az

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti

  • Max Dewa
    31 Agosto 2019

    Soros l’ebreo vecchiaccio di 90 anni una Mummia che nelle interviste parla Un ‘inglese stentato puo’ solo fare da parafulmine non conta una mazza e come lui juncker l’alcolizzato da Osteria sempre sotto spirito viene tenuto in piedi per LA giacca da 2 security scene pietose , e questi sono i temibili super uomini ?ma perpiacere ! LA Rete criminale Giudaica con personaggi del genere non ha nemmeno bisogno neanche di Tante operazioni Ricattatorie particolari almeno col Berlusca c’era da divertirsi con le battone che spuntavano dappertutto , I Giudei possono dormire sonni tranquilli lo stato bandito di Israele diventera’ capitale del Mondo oggi lo stato Della Micronesia Nauru ha riconosciuto gerusalemme capitals d’israele ,viva israele stato canaglia! Viva Fiano vs lechon !

  • atlas
    31 Agosto 2019

    Landini ha dichiarato oggi che il prossimo governo dovrà essere antifascista e antirazzista

    • atlas
      31 Agosto 2019

      ma i giudei hanno già tutto il mondo in mano (quasi)

      ma no è il mondo che ha maledetto quel popolo, è Dio

  • eusebio
    31 Agosto 2019

    Visto che i russi hanno definito “sionista” il loro principale nemico Soros, quindi dovrebbero smetterla di essere così protettivi verso l’entità abusiva sionista e lasciar fare ai popoli che la circondano la sua cancellazione.

    • atlas
      31 Agosto 2019

      cmq Soros non è sionista. Il pd è democratico, un’altra forma di giudaismo sefardita per governare il mondo

      il pr è sionista, giudei ashkenaziti

Inserisci un Commento

*

code