Le multinazionali evadono miliardi ma il governo vuole la galera per idraulici e muratori

di Paolo Becchi e Giovanni Zibordi

Dato che il governo non vuole aumentare il deficit pubblico e neanche l’IVA, deve alla fine aumentare tante piccole tasse di qui e di là , e dato che si tratta di una coalizione traballante, di gente che non ha mai lavorato nel settore privato e che crede che ci siano 200 o 300 miliardi di “sommerso”, pensa di cavarsela con “la caccia all’evasione”.
Come noto in Italia idraulici e altri che fanno lavori artigianali fanno del nero, a differenza ad esempio degli Stati Uniti dove ti danno regolare fattura. Stiamo ovviamente scherzando, perché chi ha vissuto a New York o a Los Angeles sa che nemmeno i meccanici accettano mai, anche per importi di migliaia di dollari, qualcosa di diverso dal cash, i contributi alle domestiche sono sconosciuti, i ristoratori di origine italiana raccontano come sia bello vivere senza libri IVA,registratori di cassa, redditometri e studi di settore.

Sì perché appunto, non esistendo strumenti di rilevazione come questi, in America negozianti, ristoratori e artigiani dichiarano qualcosa di plausibile e poi, se gli capita l’ispezione, vanno a discutere e patteggiano di pagare di più (ma non essendoci documentazione tipo libri IVA come da noi è più che altro un tira e molla in cui alla fine ci si mette d’accordo). Poi ci sono circa 15 milioni di immigrati non regolari, il che implica che interi settori come la raccolta della frutta o l’edilizia utilizzino lavoro in nero.


In America però ti mettono in galera! Questo è vero. Ma solo perché gli USA hanno due milioni e mezzo di carcerati, cioè da loro si va dentro per dozzine di reati per i quali in Europa e in Italia non succede un cazzo. Ad esempio migliaia di persone finiscono in carcere per debiti (incredibile ma vero). E’ vero quindi che ci sono evasori che in USA vanno in carcere, ma semplicemente perché è un Paese dal carcere facile, per ogni tipo di reato grande e piccolo, dalla manifestazione non autorizzata al mancato pagamento degli alimenti. Vogliamo fare così anche da noi? Pensata allora prima alla costruzione di nuove carceri, ma è questo il vero problema?
Ci sono multinazionali che grazie a Irlanda, Olanda, Lussemburgo (paesi europei!) eludono circa un terzo delle tasse, perché pagano in media un 20% effettivo quando le aliquote sono sul 33% negli ultimi anni. In Italia ad esempio Google, Facebook, Apple o Nerflix non pagano quasi niente, fanno figurare gli utili in Olanda e poi in Irlanda e alla fine nei Caraibi. E lo stesso fanno in una certa misura le grandi famiglie e gruppi italiani dalla Fiat in giù che hanno ora sedi appunto in Olanda.
Come si vede qui sotto dal grafico le multinazionali USA fatturano e operano in tutta l’Europa e Asia, ma mostrano i profitti in Lussemburgo, Irlanda, Olanda e Svizzera. Fingono di non guadagnare niente in Germania, Francia e Italia e di avere utili solo nei paradisi fiscali e i governi li lasciano tranquillamente fare.

Profitti grandi gruppi


Il nero o sommerso legato all’uso del contante tra chi lavora in proprio fornendo servizi in persona è fisiologico in tutto il mondo, tanto in America quanto in Italia. Noi oggi vogliamo colpire quello come il male assoluto. Ma il fenomeno clamoroso della nostra epoca è la colossale elusione delle tasse che con la globalizzazione le multinazionali e le elites oggi possono orchestrare, tramite sofisticate strategie legali e finanziarie e persino con la complicità di alcuni governi europei. Il vero problema è questo, ma noi abbiamo deciso che è più importante sbattere in galera idraulici, elettricisti, tappezzieri, muratori ecc.ecc., che lavorano in nero per sopravvivere.

Fonte: Paolo Becchi

12 Commenti

  • Eugenio Orso
    25 Ottobre 2019

    Che la grande evasione fiscale faccia la parte del leone, anche in Italia è verissimo.
    La piccola evasione, detta “di sopravvivenza” di questi tempi, peserà sul totale dell’evasione italica per circa una decina di miliardi, poco più o poco meno.
    Tutto vero, però … c’è sempre un però.
    Le “partite iva” di mezza età, sono quelle che hanno sostenuto, all’inzio, il libero mercato, quelle che “lavoriamo solo noi”, quelle che volevano il massacro del lavoro dipendente e potevano scamparla occultando una parte del reddito (anche più della metà, in certi casi)..
    Ora sono anche loro nel mirino e oggetto di massacro sociale …
    Troppo tardi per versare lacrime di coccodrillo!

    Cari saluti

  • giuseppe sartori
    25 Ottobre 2019

    come sempre l’italietta è l’ultimo paese a ribellarsi; ma ora è pieno di immigrati che per es. non pagano i biglietti del treno, mentre molti italiani che pagano devono anche pagare le multe perchè si sono dimenticati di timbrare; tra non molto scorrerà il sangue e gli italiani sono pecore feroci.

  • GIORGIO
    25 Ottobre 2019

    L’evasione internazionale non la si puà sconfiggere da soli, è necessaria la cooperazione degli altri Stati. Il Governo parte con una tassa sui giganti del web. Per cui è sulla buona strada.

  • Sed Vaste
    26 Ottobre 2019

    E di grazia Sartori e di chi sarebbe I’ll Rosso scarlatto che scorrerebbe? Degli italioti ? Quei pavidi che per 10 anni si soon fatti invadere da tute le razze le piu cenciose Della Terra ! Ah beh LA vedo dura secondo me e’ piu facile che gli autoctoni ( per ora ) italioti rimasti diano fin l’ultima particola di dietero ai negroidi che arrivano ,ah su quello potere starci certo con le sirene ebraiche che vi rincoglioniscono Dalla mattina alla Sera gad vermer mentana saviano de maledetti mieli ecc ecc ecc Sara’ una bazzecola , vi vedo gia come massimo ceccherini nella bara ,tappami levante tappami !italiani Popolo di pagliacci con un comico alla guida Grillo il vero maitre a penser che si merits un popolo simile

  • amadeus
    26 Ottobre 2019

    Che tristezza veder finire così un paese che fino a pochi anni fa era stimata la quinta potenza economica mondiale, cosa sono stati capaci di fare una manciata di delinquenti e incapaci mentre il popolo pecora stava a guardare e li lasciava fare senza opposizione alcuna, un attenzione particolare va rivolta ai traditori del Italia, senza la loro collaborazione, nulla di quello che é stato fatto e continuano a fare, sarebbe stato possibile, un grazie di cuore da parte di tutto il popolo che a suo tempo fece grande l’Italia con la propria capacità e lavoro.

    • atlas
      26 Ottobre 2019

      guarda il Cile: un milione in piazza. A dimostrare che se un popolo vuole il governo delle cose cambia. Ma i cileni sono vincolati razzialisticamente per questo sono uniti. E se sono uniti nemmeno l’eurogendfor può farci nulla.

      Oggi sono stato in una libreria Fascista e Nazional Socialista a Milano per un incontro su Nicola Bombacci, fra gente di cultura universitaria e ci sono stato bene. Ma il vincolo era ideale, non razziale. Non basta. E poi poche, molto poche le persone di valore rispetto alle grandi masse.

      Finchè si tengono uniti a forza sotto il regime democratico di Roma popoli diversi che non lo avrebbero mai dovuto essere stati non ci sarà mai alcuna reazione popolare positiva

  • Sandro
    26 Ottobre 2019

    I vantaggi o il denaro proveniente dagli evasori ottunda coscienze deboli.
    La soluzione è alla portata di tutti, anche per gli ignoranti come me.
    Un caso: Guadagni meno dei tuoi dipendenti? Nella migliore delle ipotesi sei un inetto. Via la licenza, non la meriti e, oltre tutto, ti preservo da un peggioramento delle tue condizioni economiche . Altro caso: Dati alla mano, gli introiti che dichiari non ti permettono di continuare a condurre questa attività florida. Dicci chi ti sostiene e a che pro, oppure via la licenza. Di contro: hai dimostrato di aver avuto un grave imprevisto che ha reso la tua attività vicino al fallimento? Ti finanzio fino all’occorrente. Non sono un buono. La tua impresa, rimessa in piedi, mi occorre per i contributi che produrrà. Si può sostenere: La aziende chiuse produrranno disoccupazione! Nulla i tutto ciò. Verranno concesse ad un soggetto attendibile o condotte a livello statale.

    • atlas
      27 Ottobre 2019

      leggiti ‘la disintegrazione del sistema’, Franco Freda

      c’è tutto

      tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato

      • Sed Vaste
        27 Ottobre 2019

        Atlas il Rousseau musulmano ma va ciapa’ I rat ! Parli da massone ciccio fatti affiliato in una qualche loggia cenciosa dalle tue parti CE ne stanno a strafottere

  • OC
    27 Ottobre 2019

    Sul fatto che l’evasione dei piccoli sia di una decina di miliardi mi pare molto molto riduttiva…liberi professionisti di tutti i tipi , dall’idraulico al notaio al dentista ecc. ecc. in Italia penso siano una milionata almeno e dividendo 10 mld di euro per un milione di persone si ottiene un’evasione annua di solo 10000 euro a testa …. praticamente quello che moltissimi di loro guadagnano in un mese…. ( detto da una persona che conosco e ritengo affidabile che ha lavorato come contabile in un ufficio della confartigianato ….) . Ogni tanto dalle mie parti passando davanti ad un’officina di un semplice meccanico che tutti sanno non emettere nessun tipo di fattura, dal numero di auto presenti giorno per giorno e sapendo quanto sia abile e veloce il tipo a lavorare se ne deduce con facilita che stando stretti questo come minimo incassa 500 euro puliti al giorno ( ribadisco stando molto molto stretti ) moltiplicati per 25 giorni al mese di lavoro questo arriva tranquillo a 12/15 mila euro al mese e come lui ce ne sono a bizzeffe….in tutta italia .
    A questo punto anche se potrebbe essere una cosa molto pericolosa sotto certi aspetti, sotto altri è sicuramente ferocemente efficace l’abolizione totale del contante… mafie varie, tangenti ai politici mangerie, spaccio di droga , prostituzione ,evasione fiscale ecc ecc sparirebbero come d’incanto portando automaticamente ad una forte riduzione delle tasse per tutti. Chissa’perchè ma ho come l’impressione che i contanti non verranno mai aboliti …..

  • The roman
    27 Ottobre 2019

    L’Italia e gli italiani sono sotto un occupazione di un elite ostile, cosi’ come gli altri europei . Chi denigra il proprio popolo commette uno sbaglio; non siamo peggio degli svedesi o dei grecii e neanche dei britannici o dei tedeschi. Ogni popolo ha i suoi punti deboli , e l’elite che tiene al guinzaglio gli italiani , la stessa cricca cosmoolita che soggioga tutto l’ occidente, , conosce e sfrutta i limiti degli italiani: la smodata avidita’ e la propensione alla piaggeria esterofila. Le razze esistono e noi italiani siamo una fusione tra alpini e mediterranei che mal si amalgamano , ma questo non basta a giustificare l’inazione , e’ l’instupidimento edonista e la svirilizzzazione , comuni a tutto l’occidente, il problema. IL controllo mondiale giudaico e’ in primo luogo controllo delle informazioni e formazione delle coscienxe e dei comportamenti. Solo pochi riescono a pensare in modo indipendente , la massa e’ sempre asinina…..ovunque. E’ la natura . Solo la forza della personalita’, l’esempio nel conseguire l’ideale , puo’ elevare l’uomo della folla e formare un unita’ di popolo .

    • atlas
      27 Ottobre 2019

      a me basta tu sia stato l’unico quì ad aver riconosciuto che razza alpina e Mediterranea non si possono nè debbano amalgamare

      ciò naturalmente non impedisce tutto il resto (vicendevole stima, rispetto, educazione, cameratismo, amicizia, mutuo soccorso)

      ma sul ritorno alle Due Sicilie per parte mia non transigo: proprio perchè siamo ostaggio di eletti. Per questo una radicale riforma antidemocratica può partire solo dall’unità popolare ora che non c’è più il Fascismo a fasciarci. Necessità diverse, esigenze diverse, da affrontare diversamente.

      Diversi valori creativi razziali a cui dare la giusta importanza; a ognuno. Per il benessere di ognuno.

      Nessun Siciliano partirà mai per il piemonte a mobilitarsi per una loro causa e nessun lombardo farà lo stesso per un Calabrese

      è così che il giudeo internazionalista impera

Inserisci un Commento

*

code