Le menzogne dei media occidentali sulla guerra in Afghanistan sono emerse clamorosamente

I media “sono complici nel nascondere la verità” sulla guerra in Afghanistan, consentendo una “grande bugia di 20 anni”, afferma il caporedattore di WikiLeaks.

Kristinn Hrafnsson* ha detto a RT che la verità sul conflitto oggi è stata svelata al mondo intero, mentre Washington e i suoi alleati si stanno ritirando freneticamente dall’Afghanistan, che è caduto nelle mani dei talebani in poche settimane.

Lo sforzo bellico degli Stati Uniti in Afghanistan è stato una “grande bugia per 20 anni” di cui ha beneficiato solo del complesso industriale militare nel paese nordamericano e degli appaltatori privati (contractors), ha dichiarato mercoledì a RT il caporedattore di WikiLeaks, Kristinn Hrafnsson. Secondo il giornalista investigativo, quello che attualmente sorprende non è l’affrettato ritiro delle truppe statunitensi e dei loro alleati dal territorio afghano, ma il fatto che i media mainstream non si siano resi conto delle “bugie” che hanno prolungato per anni il conflitto.

WikiLeaks aveva pubblicato una serie di documenti che “dipingevano un quadro fedele di ciò che stava accadendo in Afghanistan 11 anni fa ” , ha ricordato Hrafnsson, riferendosi ai cosiddetti “Diari di guerra in Afghanistan”, una raccolta di documenti militari interni degli Stati Uniti. Documenti trapelati dalla CIA e relativi al periodo compreso tra gennaio 2004 e dicembre 2009.

La fuga di notizie, che includeva più di 91.000 documenti, è stata considerata una delle più grandi nella storia militare degli Stati Uniti e ha portato all’arresto e al perseguimento di Bradley Manning (poi Chelsea Manning) – un ex analista dell’intelligence che ha fornito le informazioni classificate – e ha messo l’organizzazione e il suo fondatore, Julian Assange, nel mirino delle persecuzioni Washington (Julian Assange è da anni detenuto nel Regno Unito in attesa di estradizione negli USA).

Tuttavia, nonostante la pubblicazione dei documenti, in qualche modo la percezione generale della guerra in Afghanistan non è cambiata e “le bugie sono continuate”, ha affermato il caporedattore, definendo la situazione “sconcertante”. Risulta estremamente sorprendente quanto sia durato ” , ha detto, aggiungendo che il conflitto è diventato una “guerra dimenticata”, messa in ombra da un’altra campagna militare statunitense: la guerra in Iraq.

Kabul nel caos dopo ritirata USA

Ha spiegato che i dibattiti su quanto stava realmente accadendo nel territorio afghano sono stati “in gran parte evitati” fino a quando il Washington Post non lo ha rivelato di nuovo pubblicando “The Afghanistan Papers” nel 2019. Quelle interviste a persone chiave e promemoria non pubblicati hanno dipinto un quadro di uno sforzo sostenuto da varie amministrazioni statunitensi per fuorviare il pubblico sull’impegno in Afghanistan , ha aggiunto. Hrafnsson ha accusato i media occidentali, che non hanno prestato attenzione alla realtà, nell’essere “complici per nascondere questa verità” e di consentirla.
“Secondo me, i giornalisti devono fare un grande esame di coscienza”, ha detto (e non solo quelli americani ma di tutti i paesi occidentali).

L’editore di WikiLeaks ha affermato che alla fine è stato il complesso industriale militare statunitense a beneficiare di quello che sembra essere un enorme spreco di denaro. ” Più di un trilione di dollari è andato nelle tasche del complesso industriale militare statunitense e degli appaltatori privati ​​che presumibilmente stavano addestrando la polizia afgana”, ha spiegato, aggiungendo che i più grandi produttori di armi hanno visto il valore delle loro azioni “moltiplicato per dieci” durante i quasi 20 anni che è durata la guerra.

Secondo Hrafnsson, la verità sulla guerra è stata oggi svelata al mondo intero, mentre Washington ei suoi alleati si stanno ritirando freneticamente dall’Afghanistan, che è caduto nelle mani dei talebani * in poche settimane.

Tuttavia, è improbabile che questo cambi il corso politico delle élite occidentali, che continuano a preferire “punire coloro che dicono la verità” piuttosto che trarre lezioni dai propri errori, ha affermato.

“La guerra che è ora è anche la guerra contro il giornalismo libero e una guerra contro Julian Assange, che deve ancora trascorrere del tempo in prigione a Londra”, ha dichiarato, aggiungendo che l’accusa di Assange è “politica”. “Non si tratta più di legge… La verità avrà importanza lì? Ne dubito”, ha concluso.

Nota: In Italia si sono distinti, nelle bugie e per le fake news sulla guerra in Afghanistan, i grandi giornali come La Stampa, Il Corriere della Sera, Repubblica, la RAI Tv, la 7 e altri grandi media, oltre agli analisti e giornalisti di questi organi di stampa notoriamente al servizio delle centrali atlantiste.

*Kristinn Hrafnsson (nato il 25 giugno 1962) è un giornalista investigativo islandese che è redattore capo di WikiLeaks . È stato il portavoce di WikiLeaks tra il 2010 e il 2017.
Ha lavorato per vari giornali in Islanda e ha condotto il programma televisivo Kompás sul canale islandese Stöð 2 , dove lui e il suo team hanno spesso denunciato attività criminali e corruzione nelle alte sfere . Nel febbraio 2009, durante le indagini sulla connessione tra la Kaupthing Bank islandese e Robert Tchenguiz e Vincent Tchenguiz , il programma è stato interrotto e Kristinn e il suo equipaggio sono stati licenziati. [4]

Fonte: RT Actualidad

Traduzione e nota: Luciano Lago

1 Commento
  • Farouq
    Inserito alle 13:52h, 26 Agosto Rispondi

    Leggi adesso che i Talebani hanno trovato documenti e computer con file segreti “lasciati” dagli americani, come al solito era difficile fare un falò prima di andare

    I media venduti metteno in guardia per la caduta di questi documenti nelle mani dei talebani e non per il fatto che gli americani hanno lasciato apposta questi documenti, tattiche da quattro soldi e media venduti

Inserisci un Commento