Le manovre militari della NATO negli Stati baltici indicano la preparazione di un “grande conflitto”


Le manovre della NATO negli Stati baltici, in Polonia e nel Mar Nero e nel Mar Baltico indicano che l’alleanza si sta preparando per un grave conflitto, ha detto il capo dello staff russo, Valery Gerasimov, martedì alle forze armate straniere.

“Le attività militari sono in aumento negli Stati baltici e in Polonia, nel Mar Nero e nel Mar Baltico. L’intensità degli esercizi militari del blocco NATO è in aumento. I loro scenari indicano la preparazione mirata della NATO allo spiegamento delle sue forze armate in un conflitto militare su vasta scala “, ha citato il quotidiano Krasnaya Zvezda (Stella Rossa).

Allo stesso tempo, l’alleanza sta promuovendo una tesi sulle “minacce militari russe” in cui interpreta le misure di sicurezza della Russia o altre attività pianificate di costruzione militare trasparenti come “minacce alla pace”, ha osservato Gerasimov. “Nelle indicazioni di Bruxelles, la Russia ha lo status di avversario”, ha sottolineato.

Gerasimov ha anche ricordato le decisioni prese all’ultimo vertice della NATO a Londra. “Al fine di garantire il dominio nello spazio, i partecipanti al vertice hanno deciso di riconoscere lo spazio come un’area separata per la guerra a fianco della terra, dello spazio aereo, della marina e dello spazio cibernetico”, ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a utilizzare i sistemi di difesa antimissile in Europa.

Tuttavia, Gerasimov ha affermato che “secondo la nostra opinione non ci sono attualmente segnali che una guerra possa iniziare su larga scala”. Tuttavia, la situazione nel mondo rimane instabile e gli sviluppi sono più imprevedibili, ha aggiunto. La ragione di questo risiede negli sforzi di alcuni paesi per imporre i loro principi su altri stati sovrani, “anche usando la forza”, ha osservato.

“Esiste una pressione politica, economica e informativa senza precedenti sui paesi che cercano di perseguire politiche indipendenti, compresa la Russia”, ha affermato Gerasinov, aggiungendo che questo potrebbe potenzialmente portare a crisi che potrebbero degenerare in un conflitto grave.

Gerasimov con Putin

Inoltre, i cambiamenti nelle forme di guerra indicano che tutte le aree saranno utilizzate per la guerra in futuro, ha continuato. “Come ho notato prima, il vertice della NATO a Londra lo conferma riconoscendo lo spazio come area operativa. Dobbiamo assolutamente essere pronti a possibili sviluppi e non ci faremo sorprendere”, ha sottolineato Gerasimov.

In conclusione, Gerasimov ha osservato che il potenziale di difesa della Russia viene mantenuto al livello necessario per evitare un attacco contro la Russia di qualsiasi dimensione e portata.

https://de.news-front.info/2020/01/26/nato-manover-im-baltikum-deuten-auf-die-vorbereitung-eines-grosen-konfliktes-hin/

Fonte: New Front

Traduzione: Sergei Leonov

12 Commenti

  • eusebio
    27 Gennaio 2020

    L’impero anglosionista si regge sul dominio del dollaro come valuta di riserva globale, senza quel ruolo la ormai deindustrializzata economia USA non reggerà il peso del debito pubblico fuori controllo e finirà in bancarotta.
    Per questo guarda caso spunta una strana epidemia in Cina per distrarre il sempre più potente ed armato dei russi,, mentre con frenetica e disperata fretta si cerca di eliminare Maduro a favore di Guaidò e si elimina Soleimani per neutralizzare l’Iran.
    Intanto si completano le operazioni militari di accerchiamento della Russia organizzando il casus belli in Crimea.
    Il guaio è che un attacco alla Russia prevederebbe un attacco nucleare tattico e i russi reagirebbero incenerendo l’Europa.

    • Teo
      27 Gennaio 2020

      Sei patetico

      • Teo
        27 Gennaio 2020

        Preciso. Eusebio top.

        Ste, sei patetico.

        • atlas
          28 Gennaio 2020

          ste-minkie, sed vaste probabilmente ignora che i russi, già dai tempi del sovietismo (e oggi l’hanno ripristinato), hanno un sistema che, anche qualora tutti gli operatori siano morti, lancia in automatico le testate nucleari di rappresaglia contro gli obiettivi prefissati così che non vi siano vincitori

          in realtà teme solo che uno di questi missili gli s’infili su per il culo, per questo cambia sempre nomignoli e si sposta da una parte all’altra del mondo (dice)

          ma i sistemi russi lo beccheranno lo stesso FIUMMM

          e poi SPLASH, SPLASH

  • Ubaldo Croce
    27 Gennaio 2020

    Ste,sei veramente un infame a scrivere certe cose sui russi e la Russia.

    • atlas
      28 Gennaio 2020

      ma non è altro che sed vaste che si diverte

  • Idea3online
    27 Gennaio 2020

    La NATO ha tanto da perdere, il Debito Globale trova come creditore l’occidente, appena darà inizio ad una guerra su larga scala, l’Occidente tornerà indietro al 1071 in un secondo, ed i cittadini occidentali in una notte saranno i più poveri del globo. Prima che gli USA decidano l’attacco, dovranno avere convenienza che essere catapultati indietro nel tempo, ed il dollaro verrà macinato dall’oro. La Terza Guerra Mondiale ci sarà solo quando la Geopolitica Celeste permetterà alla pazzia degli esseri umani di uccidersi per un pugno di avidità. Ma non diamo la colpa a Dio, se dovesse venire Gesù nuovamente, nuovamente verrebbe ucciso per 30 monete d’argento.

    • Mardunolbo
      28 Gennaio 2020

      Commento errato ! Quando ritonerà Gesù arriverà nella gloria, dice il Vangelo e l’Apocalisse, quindi non sarebbe più ucciso ma sarebbe ucciso l’Anticristo con un solo soffio della bocca divina.

      • atlas
        28 Gennaio 2020

        commento giusto mardunolbo: ucciderà lui il falso messia

        aggiungo per i veggenti come te, che ascoltando padre Livio si gonfiano di adrenalina pura, che poi spezzerà la croce che è in mano a un papa nero e governerà con la Legge Islamica per un certo periodo in cui vi sarà benessere nel mondo. Poi morirà come tutto il genere umano

        preparati a schierarti dalla parte giusta perchè forse i tempi sono vicini, ma solo Dio lo sa. Viceversa se continui a errare si mette male per te.

  • Woland
    27 Gennaio 2020

    Dissento, in fondo 2000 anni fa erano malvagi come oggi, ma avevano più buonsenso, infatti almeno si sono presi 30 monete d’argento.
    oggi si prenderebbero 30 bitcoin e resterebbero fregati.

  • atlas
    28 Gennaio 2020

    intanto non è sempre festa

    qualcosa eppur si muove. La mano di Dio ha colpito i satanici in cielo

    “In Afghanistan, si è schiantato un aereo-spia Bombardier E-11 dell’USAF”

    http://aurorasito.altervista.org/?p=10007

  • Andrea
    28 Gennaio 2020

    ci si dimentica sempre di un’aspetto quando si parla di un possibile conflitto armato Nato-Russia:

    gli Scarponi

    ovvero quelli che dovranno combattere (e molti morire) quel milione di militari effettivi russi, a casa loro,
    parliamoci chiaro,
    Polonia, Ucraina, quei 3 statarelli di Lituania ecc., da soli hanno già perso dal primo giorno, ci vuole tutta la Nato,

    e voglio vederli i soldati inglesi, francesi, tedeschi,spagnoli, italiani ecc andare a combattere (e morire) contro i russi, a casa loro,
    anche i marines Usa li voglio vedere combattere (e morire) contro i russi, sempre a casa loro, perché i russi combatteranno per la loro terra, per le loro famiglie,

    uuuh se li voglio vedere,
    vedere quanto resisteranno MENTALMENTE, quando inizieranno a chiedersi perché combattere (e morire) i russi, a casa loro,
    resisteranno mentalmente un paio di settimane …..

    poi i russi non sono i talebani, o le milizie sciite, o i ribelli yemeniti, ma manco per niente,
    sono un grande esercito, addestrato e organizzato, hanno reparti corazzati a go go, artiglieria a go go, aviazione a go go, missili a go go,
    insomma armi tattiche e strategiche a go go,

    voglio vederlo ad es. il fante spagnolo che va a morire per l’Ucraina, per la Crimea o per la Lettonia,
    uuuh se lo voglio vedere ….

    e la Nato può scordarsi uno scenario come la IIGM,
    può scordarsi l’obbligo della Leva con i giovani d’oggi, può fare tutta la propaganda che vuole ma col piffero che i giovani d’oggi andranno a morire al posto degli ucraini, dei polacchi, dei lituani,
    ne tanto meno riusciranno a convincerli dicendo che i russi vogliono invadere la UE, la loro casa,
    non crederanno mai a questa menzogna.

Inserisci un Commento

*

code