Le linee rosse della Russia, mentre armano l’Ucraina per la guerra

placeholder

di Stephen Lendman
L’Ucraina è una base militare americana virtuale lungo il confine con la Russia, un punto critico ad alto rischio per una possibile guerra calda nel cuore dell’Europa.

Le forze oscure statunitensi installano e controllano il regime fantoccio filo-occidentale di Kiev, uno stato di polizia pseudo/fascista infestato dai nazisti, ostile allo stato di diritto e a tutte le presenze della Russia.

Mosca ha linee rosse da non oltrepassare.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha spiegato che quello che Putin ha menzionato si riferisce agli “interessi nazionali della Russia”, aggiungendo:
Sono “anche certamente legati alle relazioni bilaterali con altre nazioni, inclusa l’Ucraina, e alle relazioni con diverse alleanze internazionali”.

Attraversarle genererebbe una risposta dura.

Putin ha criticato “azioni ostili nei confronti della Russia”, spiegando che con modi “rapidi … duri e asimmetrici” difenderanno i loro interessi se necessario.

Il ripristino del dialogo russo / statunitense su questioni di reciproco interesse è fuori discussione a Washington.

Quello che Mosca cerca è irraggiungibile perché le forze oscure statunitensi sono decise a volere che la Russia si trasformi in uno stato cliente sottomesso, con le sue risorse saccheggiate, la sua gente sfruttata – guerra per sempre con mezzi caldi e / o altri mezzi sono le loro strategie preferite.

La guerra senza fine degli Stati Uniti contro l’umanità in patria e all’estero mostra quali sono gli obiettivi egemonici di Washington.

La sua rabbia per riprendere il dominio globale incontrastato rischia una guerra globale impensabile 3.0.
Gli Stati Uniti, i loro partner imperiali e l’Ucraina colonizzata hanno distrutto le relazioni bilaterali con la Russia. Questa la realtà

Giorni prima, Leonid Pasechnik, capo della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), aveva affermato che “Kiev non ha intenzione di negoziare e risolvere pacificamente il conflitto”.

“Ancora una volta, siamo convinti che Kiev imiti solo il processo, ma non intende fermare le ostilità nel Donbass”.
Le sue azioni “sabotano o bloccano l’intero processo di negoziazione”.

“Questo spettacolo continua in mezzo alla crescente situazione sulla linea di contatto.”
Washington chiama a sferrare i colpi. Kiev saluta e obbedisce.

Controllato da una potenza superiore a Washington, il regime di Kiev installato dagli Stati Uniti ha condotto una guerra intermittente contro le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk nel Donbass da oltre sette anni.

Non c’è alcuna prospettiva di fare un passo indietro dal baratro perché gli intransigenti dominanti degli Stati Uniti rifiutano la risoluzione dei conflitti.

Forze Ucraine

Loro vogliono uno stato permanente di guerra calda nel cuore dell’Europa lungo i confini della Russia.

La NATO dominata dagli Stati Uniti sostiene la sovranità e l’integrità territoriale (sic) dell’Ucraina, ha detto il suo servizio stampa.

Le forze di leva di Kiev, “sono in un alto grado di prontezza al combattimento (sic)”, secondo il suo comandante.

Giovedì, l’inviato dell’Ucraina a Washington Oksana Markarova ha detto che il Comitato per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti ha accettato all’unanimità di fornire a Kiev altri 300 milioni di dollari di armi pesanti e di altro tipo – per la guerra, non per la difesa.

Sfidando la realtà, ha affermato falsamente che è in risposta a “escalation della Russia e il comportamento aggressivo nei confronti dell’Ucraina (sic)”.
L’adozione del provvedimento da parte del Congresso è pressoché certa, forse all’unanimità.

Il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato Robert Menendez ha accusato falsamente la Russia di “invadere ” l’Ucraina (sic).
Ha ribaltato la verità sul regime illegittimo di Kiev.

Conducendo una guerra senza fine al Donbass per promuovere gli obiettivi egemonici degli Stati Uniti, Menendez ha sfidato la realtà affermando che i coscritti ucraini involontari hanno continuato a difendere la loro patria in modo disinteressato e coraggioso dagli attacchi russi di terra, mare e cyberspazio che violano la sovranità e la sicurezza ucraina (sic).

Biden con il capo del Pentagono

Il regime di Biden e il Congresso “stanno a fianco dell’Ucraina (fascista infestata dai nazisti).
I media occidentali inventano la propria realtà falsificata su tutto ciò che riguarda la Russia.
Secondo la disinformazione del Financial Times (FT) con sede a Londra, “Mosca … minaccia (ens) il fianco sud-orientale (sic) dell’Europa”.

Incolpando falsamente il Donbass per l’aggressione di Kiev, il FT ha accusato la Russia di eventi orchestrati dagli Stati Uniti a seguito del colpo di stato del 2014 del regime di Obama / Biden che ha trasformato l’Ucraina in uno stato di polizia fascista.

Giovedì, il consigliere per la sicurezza nazionale del regime di Zelensky, Oleksiy Danilov, ha falsamente accusato la Russia di “voler riportare l’impero russo in quei confini che esistevano nel secolo precedente (sic)”.

Secondo il portavoce del Dipartimento di Stato Price giovedì, il regime di Biden sta “monitorando la situazione” lungo il confine russo con l’Ucraina.
Ignorando l’aggressione di Kiev orchestrata dagli Stati Uniti contro il Donbass, Price ha ribaltato la verità, aggiungendo:
Mosca “ha bisogno di astenersi da azioni di escalation (sic) e cessare immediatamente tutta la sua attività aggressiva in Ucraina e dintorni (sic)”.

Washington continua a riversare armi, munizioni e attrezzature militari nell’Ucraina colonizzata istigando per una guerra senza fine al Donbass lungo il confine con la Russia.

Price ha falsamente affermato di fornire al suo regime (controllato dagli Stati Uniti) “l’assistenza di sicurezza di cui ha bisogno per difendersi dall’aggressione russa” che non esiste.

Il rischio che una guerra non dichiarata degli Stati Uniti alla Russia con altri mezzi si surriscaldi è minacciosamente alto.

Il cuore dell’Europa e la pace nel mondo sono minacciati dall’incoscienza del regime di Biden.

Un commento finale

Secondo il distretto militare orientale della Russia questa settimana, un aereo da guerra MiG-31 è stato scortato per scortare un aereo da ricognizione del Pentagono lontano dallo spazio aereo russo dell’Oceano Pacifico, una dichiarazione che dice quanto segue:

“Per identificare l’obiettivo aereo e prevenire la violazione del confine di stato della Federazione Russa, è stato schierato un caccia MiG-31 delle forze di difesa aerea del distretto militare orientale”.

“L’equipaggio del caccia russo ha identificato l’obiettivo aereo come un aereo da ricognizione strategico RC-135 della US Air Force e lo ha scortato sull’Oceano Pacifico”.

Quanto sopra è uno dei tanti esempi di comportamento provocatorio di Washington nei confronti della Russia.

Queste azioni potrebbero innescare un confronto diretto tra le due nazioni per caso o per progetto.

Fonte: https://stephenlendman.org/2021/04/russias-red-lines-weaponizing-ukraine-for-war/

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus