Le guerre di Washington erodono il suo peso globale

Se la guerra è politica con altri mezzi, le guerre in corso di Washington in Medio Oriente e in Europa orientale hanno lo scopo di rafforzare la sua influenza globale da un lato e indebolire i suoi concorrenti dall’altro. Ma la domanda è: come funziona questa politica con altri mezzi per Washington? Non così bene.
Le recenti vittorie militari della Russia in Ucraina e le estese incursioni della Cina in Medio Oriente insieme al crescente antiamericanismo nella regione (dovuto al sostegno di Washington a Israele e alla sua incapacità di prevenire un genocidio dei palestinesi) indicano una generale incapacità americana di modellare la geopolitica globale. in modo unilaterale a vantaggio esclusivo di Washington e dei suoi alleati in Europa e altrove.

Le recenti conquiste militari della Russia in Ucraina, ad esempio, hanno chiaramente stabilito le sue credenziali militari come potenza in grado di resistere alla forza militare combinata degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei riuniti nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). Cosa significa questo per le politiche di Washington in Asia centrale? Certamente, Washington non può semplicemente presentare la Russia come una potenza militare “debole” che può essere semplicemente “isolata”. Ma soprattutto, la Russia sta sfruttando le sue vittorie sulla NATO in vari modi.

Ad esempio, quando iniziò il conflitto militare tra Russia e Ucraina, sostenuto dalla NATO, la maggior parte dei resoconti dei principali media statunitensi iniziarono a diffondere falsi messaggi sull’Asia centrale che potenzialmente si sarebbe sottratta al cosiddetto “influenza russa”. Gli Stati Uniti vi hanno visto un’opportunità per spingersi nella regione. Ma questo si è rivelato un fiasco. Quando gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla Russia, molte aziende russe hanno iniziato a trasferire le proprie attività in Asia centrale, contribuendo direttamente all’impressionante tasso di crescita dell’Asia centrale del 4,8% nel 2023. Secondo i risultati della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la regione è prevista registrare un livello di crescita ancora più impressionante, pari a quasi il 5,7% nel 2024-25.

In altre parole, grazie alle sanzioni di Washington, l’economia politica russa è ora più profondamente connessa con l’Asia centrale rispetto a prima del febbraio 2021, il che sta anche rafforzando l’Unione economica eurasiatica. Ora che questa integrazione sta funzionando a vantaggio dell’Asia centrale significa che quest’ultima ha poco o nessun incentivo a prestare troppa attenzione a Washington e/o agli imperativi di muoversi con decisione verso Washington.
Ciò significa che non solo la politica di espansione della NATO attraverso l’Ucraina dell’amministrazione Biden è fallita finora nella stessa Ucraina, ma anche la “nuova” politica per l’Asia centrale inaugurata sulla scia del conflitto Russia-Ucraina non è riuscita ad avere alcun impatto sul paese.

Medio Oriente, Russia, Mondo Arabo

La Russia ha sconfitto il progetto americano anche affrontando le relazioni con gli Stati dell’Asia centrale in modo da dare loro spazio sufficiente per rimanere neutrali nel conflitto. Sebbene l’Occidente abbia visto questa neutralità come un segno della debolezza russa nella regione e della crescente assertività degli Stati dell’Asia centrale, non è riuscito a leggere come ciò fosse parte della strategia della Russia per coltivare i propri legami in modo più equilibrato. Questo equilibrio è abbastanza evidente anche nel modo in cui la Russia non si è opposta, o addirittura ha resistito, alla crescente presenza della Cina nella regione, anche se i resoconti dei media occidentali spesso vedono il ruolo della Cina in Asia centrale a scapito della Russia. Ma l’Occidente sembra aver interpretato male questa regione.

Per quanto riguarda la guerra di Washington in Medio Oriente, il suo sostegno militare a Israele e la sua incapacità di fermare il genocidio ne hanno eroso la credibilità. Supponiamo che Washington abbia sostenuto Israele per mantenere il suo dominio in Medio Oriente. In tal caso, l’eccessivo sostegno di Washington sta ora facendo deragliare i suoi obiettivi, dal momento che il Medio Oriente esercita ora molta più autonomia strategica nei confronti di Washington rispetto a quanto avveniva fino a pochi anni fa.

Negli ultimi mesi, una raffica di attività cinese lo indica molto più chiaramente di qualsiasi altra cosa. La Cina ha convocato vertici della leadership, incontrato delegati arabi, sostenuto la loro posizione nei confronti di Israele e tenuto esercitazioni militari congiunte con uno dei più importanti alleati degli Stati Uniti nella regione (Arabia Saudita). Gli Emirati Arabi Uniti, altrimenti uno stretto alleato degli Stati Uniti e uno dei primi stati a firmare gli accordi di Abraham per riconoscere Israele e stabilire legami diplomatici con esso, si sono effettivamente ritirati dalla task force navale guidata dagli Stati Uniti nel maggio 2023, indicando differenze politiche e basate sugli interessi .

Gli Emirati Arabi Uniti sono anche un paese del Medio Oriente in cui vivono oltre 100.000 cinesi coinvolti in numerose attività commerciali. Ma quando si tratta del Medio Oriente stesso, e del fatto che molti paesi della regione sono coinvolti nella Belt & Road Initiative (BRI), vediamo che il commercio della regione con la Cina registra una crescita complessiva di quasi il 45% nel 2021 e nel 27. per cento nel 2022.

Considerata l’integrazione economica, il Medio Oriente si sta rivelando una regione in cui il peso di Washington sta diminuendo rapidamente, senza alcun segno di ripresa almeno nell’immediato futuro. Sebbene gli attacchi statunitensi nel Mar Rosso contro gli Houthi siano intesi a indicare la volontà di Washington di offrire un ombrello di sicurezza agli stati del Golfo (contro i gruppi sostenuti dall’Iran), la regione sembra aver superato il punto in cui è necessario avere gli Stati Uniti dalla propria parte. per garantire la sicurezza. La percezione dell’Iran come nemico da parte degli Stati del Golfo sta cambiando, grazie alla mediazione di Pechino.

I Baghdad Solidarietà conla Palestina

Per quanto riguarda il sostegno di Washington a Israele e per quanto riguarda la minaccia di una guerra più ampia nella regione, gli Stati del Golfo sono sull’orlo di un conflitto che potrebbe minare direttamente i loro programmi di modernizzazione – progetti di sviluppo che coinvolgono principalmente la Cina in varie capacità.

Pertanto, se il coinvolgimento di Washington nella guerra contro Israele aveva lo scopo di riportare indietro l’era del dominio statunitense, sta accadendo l’esatto opposto, sia in Medio Oriente che in Asia centrale, che sono due delle regioni più ricche di energia del mondo.

Salman Rafi Sheikh, analista ricercatore di Relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”(Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Le guerre di Washington erodono il suo peso globale

  1. L analista pakistano ha colto il segno. Washington ed i suoi vassalli scadono nella falsa credenza ancestrale, che esibire potenza militare li faccia rispettare e ben volere da tutti. Erano riusciti a far odiare, anche con le manipolazioni politiche come l’ Iraq di Saddam, l’ Iran a quasi tutti gli stati arabi mediorientali. Strumentalizzando la combattività religiosa, e le divisioni, tra le fazione sunnite e sciite. Demoni del male. Erano risaliti di credibilità quando evitarono d’ intervenire a fianco d’ Israele nella seconda intifada, ma perché avevano Osama nella testa e l’ Afghanistan. Usarono l’ Onu più volte, approfittandosi della commozione mondiale dopo l’ 11 settembre come alibi, ed i suoi stati membri per avere risoluzioni a favore. Avrebbero dovuto cambiare strategia ma come il Maligno persistono nell’ errare, ed alla fine tutti hanno capito che sono solo schiavi vaccari dei loro padroni sionisti. La feccia del mondo.

    1. Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, in tale caso s’intende il demonio ebreo-statunitoide che domina l’impero del male, cioè il diavolo può creare situazioni maligne ma non può nasconderle per sempre e la verità verrà a galla … forse anche in questo paese di zombi.

      Cari saluti

  2. Intanto, mentre quella che era la superpotenza esempio di democrazia e libertà esportata a suon di bombe e guerre ibride implode, quello che io definisco IL PIÙ GRANDE STATISTA MONDIALE di due ere ha inaugurato il forum di Sochi. Oltre 20000 giovani ed atleti, hanno battezzato anche una nuova forma d’ ‘olimpiade’ con gare anche digitali, appartenenti a 180 paesi si sono riuniti con Putin per fondare un mondo migliore e più libero dalle logiche politiche e finanziarie neocon. Queste cose più della stessa guerra stanno decretando IL DEFINITIVO ISOLAMENTO E DECADIMENTO DELL’ OCCIDENTE NAZISTA E SIONISTA. SLAVA ROSSI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM