APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Le guerre commerciali di Washington rendono spiacevolmente grande la coalizione delle vittime degli USA

di  Grete Mautner (*)

In questi giorni, gli esperti sia dentro che fuori dagli Stati Uniti tendono ad essere d’accordo sul fatto che Washington abbia fatto ricorso alle sanzioni come strumento di scelta della propria politica estera troppo spesso, espandendo e rafforzando così la cosiddetta coalizione dei paesi vittime delle sanzioni americane. Inoltre, questo approccio tende ad essere incredibilmente dannoso per la percezione pubblica degli Stati Uniti in tutto il mondo, che potrebbe rivelarsi un serio colpo autoinflitto al sistema globale del dollaro.

Come è stato riportato dal Washington Post, in uno studio redatto dallo studio legale Gibson Dunn, mostra che l’amministrazione Trump ha inserito nella lista nera quasi 1000 persone ed entità, l’anno scorso. Gli esperti ritengono che gli Stati Uniti si sono già ben sbilanciati sul terreno con l’elenco degli individui e entità sanzionati che comprende più di 1100 pagine.

Mentre la lista dei paesi sanzionati da Washington aumenta, i loro rispettivi leader iniziano a riconsiderare i legami che i loro stati erano soliti utilizzare con gli Stati Uniti, il che li inserisce nell’elenco delle coalizioni delle vittime americane. Innanzi tutto, il nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, unitamente a tariffe aggiuntive imposte sulle esportazioni cinesi, ha portato all’ulteriore rafforzamento dei legami bilaterali tra Pechino e Mosca. In questi giorni, questi due Stati hanno rafforzato il più profondo legame economico e militare dall’ultima separazione formale tra i due stati nel 1979, quando la Russia faceva ancora parte dell’Unione Sovietica. Solo lo scorso anno, il fatturato commerciale bilaterale tra questi stati è aumentato del 20%, con un volume che supera i cento miliardi di dollari.

Per decenni, la Russia si sarebbe astenuta dal fornire alla Cina le sue attrezzature militari di prima qualità per non far infuriare l’Occidente, ma le cose sono cambiate. Per aggiungere la beffa al danno, la Cina e la Russia conducono regolarmente esercitazioni militari congiunte in tutta l’Eurasia, formano il Mar del Giappone nel Mediterraneo. Il nuovo ministro della Difesa cinese, Wei Fenghe, ha scelto di visitare Mosca durante il suo viaggio all’estero, con nuove capacità, ed è stato piuttosto articolato nel promuovere lo stato della cooperazione bilaterale, affermando che:

“La parte cinese è venuta a mostrare agli americani gli stretti legami intercorrenti ra le forze armate di Cina e Russia. Siamo venuti per supportare questa alleanza”.

Protesta contro le sanzioni USA

Sia Mosca che Pechino stanno mandando chiari segnali agli Stati Uniti che non potranno essere messi da parte sulla strada per il futuro ordine mondiale. È curioso che tra le ragioni per cui gli Stati Uniti siano riusciti a vincere la Guerra Fredda è stato il fatto che gli USA riuscirono a richiamare la Cina nel lontano 1972. Tuttavia, anche uno sguardo superficiale alla storia moderna delle relazioni internazionali rende ovvio, che La Russia è stata anche utilizzata da Washington in diverse occasioni per esercitare una maggiore pressione sulla Cina. Tuttavia, ai moderni politici americani non potrebbero importare di meno delle lezioni di storia, poiché sono determinati a portare avanti la loro corsa alle sanzioni senza mai dare un secondo pensiero alle possibili conseguenze. Attaccando contemporaneamente entrambi questi giganti eurasiatici, Washington trasforma i loro stretti legami in un’alleanza strategica.

Grazie alla sua continua crescita e all’evidente ambizione di soppiantare gli Stati Uniti, la Cina è una sfida a lungo termine molto più grande per l’America della stessa Russia. Non meno, una figura come Henry Kissinger – l’architetto di quella riconciliazione con la Cina nel 1972 – avrebbe riferito a Donald Trump che avrebbe dovuto perseguire una “strategia inversa della Nixon-Cina” cercando di fare amicizia con Mosca e isolare Pechino.

Tuttavia in questi giorni la coalizione dei paesi vittime delle sanzioni americane non è più limitata alla Russia e alla Cina. Quest’ultima, ad esempio, ha incoraggiato attivamente altri paesi a unirsi al fronte anti USA per minare la capacità di Washington di dettare la propria volontà al mondo. In particolare, alla vigilia del vertice dei BRICS a Johannesburg, il vice ministro degli esteri della Cina, Zhai Junh, ha espresso la fiducia che Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica mostreranno una risposta adeguata al rafforzamento delle politiche protezionistiche da parte degli Stati Uniti. Questo, pur sottolineando che le politiche commerciali di Washington rappresentano una vera minaccia per l’economia globale. Zhai Junh ha anche aggiunto che la posizione che i paesi BRICS occupano è unanime, poiché sostengono fermamente i meccanismi multilaterali di cooperazione e commercio, che sono esattamente l’opposto del protezionismo unilaterale.

Proprio di recente, uno storico di Oxford e docente delle relazioni internazionali all’Università di Bilkent in Turchia, Mark Almond, ha cercato di fornire a The Telegraph una risposta esauriente alla domanda: le vittime della “guerra commerciale” di Trump si sarebbero unite contro di lui?

Secondo la sua dichiarazione, Individualmente, Russia, Turchia, Cina, Iran e altri sono vulnerabili, ma insieme potrebbero causare molti problemi agli Stati Uniti. Forse una coalizione tra Iran e Turchia potrebbe essere respinta perché non più fattibile. Ma aggiungi a questa Russia e Cina, e all’improvviso hanno un nuovo entroterra geopolitico.

Ancora un importante pensatore dei nostri tempi e un collaboratore regolare dell’Asia Times, David Paul Goldman, analizzerebbe anche i flussi di investimento in Europa e in Asia, nonché la formazione di nuove alleanze economiche in risposta al bullismo americano. Entrambi sono giunti alla conclusione che la Cina e la Russia sarebbero presto raggiunte dall’UE e dal Giappone, poiché anche le ultime due entità si sentivano sempre più frustrate dalle politiche di Washington.

Trump e le sanzioni

Secondo Goldman, una volta che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla Turchia, la Germania avrebbe annunciato di essere disposta a fornire aiuti finanziari ad Ankara, mentre il Qatar ha già impegnato 15 miliardi di dollari in nuovi investimenti per oltre 3 miliardi di dollari in Turchia. A loro volta, le banche cinesi sono ora disposte a fornire miliardi di dollari in nuovi prestiti ai turchi che sono a corto di contanti.

L’amministrazione Trump rimprovera la cancelliera tedesca Angela Merkel per l’acquisto di gas naturale russo attraverso il gasdotto Nord Stream II. Il vertice avvenuto della Merkel con il presidente russo Vladimir Putin e la conferma dell’accordo dell’oleodotto, oltre anche a un accordo per aiutare la ricostruzione della Siria in cooperazione con la Russia ha definito il nuovo rapporto di cooperazione.
La decisione del Giappone di espandersi nel mercato cinese non è altro che un ulteriore passo verso l’isolamento dell’America.

Quando Donald Trump è entrato in carica, le sue smargiassate infantili sono state una costante fonte di stupore e divertimento per la comunità internazionale. Ma a questo punto non sembra che tutti si siano più divertiti, dato che Washington sospinge un giocatore internazionale dopo l’altro a subordinare il proprio interesse nazionale alla volontà degli USA. Pertanto, non sorprende vedere la coalizione di Stati vittime delle sanzioni americane crescere giorno dopo giorno, che ora è in grado di costringere gli Stati Uniti ad un completo isolamento, rendendo estinta la fallita egemonia.

*Grete Mautner è una ricercatrice indipendente e analista dalla Germania, lavora in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook. ”

Fonte: New Eastern Outlook.

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Leopardo 2 settimane fa

    Applicare l’ autarchia, è il miglior regalo che
    Trump potesse fare ai suoi elettori. Ci rimettono
    i giudei, padroni dei commerci USA. Per questo,
    in contropartita, ha dovuto cedere su Gerusalemme
    e rinnovata tensione con l’ Iran. Ora, lodare la Cina,
    come fa la giornalista, è demenziale. L’ Europa ” bianca”
    ha l ‘ obbligo e la convenienza a ridimensionare
    fin da ora, cinesi ed africani, razze che si moltiplicano
    a dismisura , che dopo aver ridotto i propri territori
    a montagne di spazzatura, sono pronte ad infettare
    il resto del pianeta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicola 2 settimane fa

    Be, attendo con soddisfazione il giorno che siano predisposte delle riserve ai suprematisti, guarda caso sempre “bianchi”, a modo di
    contrappasso di ciò che hanno dovuto subire i gloriosi “indiani” nordamericani. Ritengo che lei possieda i requisiti per entrare in tali riserve
    insieme alla (chissà?) maggioranza degli abitanti di quei fottuti paesi ( Usa-Israel). Comicissima la sua avversione a Israel, la cultura
    che ha fondato e incarnato, nella storia umana, la supremazia razziale. Per conclusione: La sua preoccupazione del calo dell’ etnia a cui
    pensa di appartenere intende che si risolva con politiche favorenti la generazione, cominciando con la lotta alla cultura edonistico-godereccia
    o favorendo un contenimento degli individui dei non appartenenti alla sua etnia, auspicando tutto l’armamentario che il “glorioso”
    occidente, con Usa in testa, ha utilizzato che va dalla diffusione di disastri salutistico ambientali alle guerre.
    Grandiosa la proiezione psicanalitica del suo scritto “…dopo aver ridotto i propri territori a montagne di spazzatura,
    sono pronte ad infettare il resto del pianeta.” (soluzione: anteporre prima della parola “…dopo…” la seguente locuzione
    “Le popolazioni occidentali…”).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nicola 2 settimane fa

    (Punto interrogativo dimenticato)
    …Per conclusione: La sua preoccupazione del calo dell’ etnia a cui
    pensa di appartenere intende che si risolva con politiche favorenti la generazione(?) Cominciando con la lotta alla cultura edonistico-godereccia
    o favorendo un contenimento degli individui dei non appartenenti alla sua etnia, auspicando tutto l’armamentario che il “glorioso”
    occidente, con Usa in testa, ha utilizzato che va dalla diffusione di disastri salutistico ambientali alle guerre….

    Rispondi Mi piace Non mi piace