Le guardie di frontiera saudite massacrano quotidianamente i migranti africani, Yemen


Il canale di notizie yemenita Al-Masirah rivela filmati di migranti etiopi assassinati dalle guardie di frontiera saudite e cita i sopravvissuti affermando che i massacri vengono effettuati quotidianamente.
Sabato il canale di notizie yemenita Al-Masirah ha rivelato il filmato che si diceva fosse di una “fossa comune contenente dozzine di vittime africane uccise dalle guardie di frontiera saudite”.

Il filmato mostra le guardie di frontiera saudite che filtrano dozzine di migranti etiopi, che si ritiene siano stati catturati pochi istanti prima di essere uccisi.
Il canale ha citato i sopravvissuti africani al massacro affermando che “i soldati sauditi hanno deliberatamente fulminato dozzine di migranti etiopi in un locale in cui erano raccolti”.
“Le guardie di frontiera saudite sparano direttamente, spesso usando mortai, per eliminare gli assembramenti di migranti”, ha osservato un sopravvissuto.

I corpi dei migranti etiopi racchiusi nei sacchi

I migranti etiopi hanno confermato al canale che “le guardie di frontiera saudite uccidono circa 5 migranti al confine ogni giorno e ne feriscono molti di più”.

Da Al Mayadeen inglese
Nota: La Monarchia Saudita è uno stato che ha stretti rapporti di alleanza con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, come con altri paesi occidentali. L’Arabia Saudita è il maggiore importatore di armi USA e occidentali in tutta l’Asia e il Medio Oriente e riceve assistenza militare e logistica da parte degli Anglo USA nel suo conflitto di aggressione contro lo Yemen. Basi militari e un contingente di truppe USA è presente sul territorio saudita. Un alleato fondamentale delle “grandi democrazie”.

Traduzione e nota: Luciano Lago

6 Commenti
  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 05:53h, 13 Novembre Rispondi

    pianetax.wordpress.com -> 12 9MBRE 2022 -> “”Dei 90mila sbarcati solo quest’anno la metà, o forse meno, rimarrà in Italia”” “”potranno fare i ricongiungimenti famigliari. Fra 10 anni, saranno diventati 200.000 almeno”” “”L’Italia è già una “dépendance” dell’Africa””

  • Farouq
    Inserito alle 09:01h, 13 Novembre Rispondi

    Esistono dei poveri onesti e quelli non hanno il coraggio di chiedere la carità e dei poveri diversamente poveri e quelli fanno figli da far mantenere agli altri, nell’Islam chi non può mantenere i futuri figli non ha diritto al matrimonio, capisco la carità cristiana verso gli esseri umani ma il problema andrebbe risolto alla radice e non con una ciotola di riso, aiutare gli altri è giusto ma va fatto nel modo giusto
    Consiglio ai poveri etiopi non andate in Arabia Saudita perché vi spareranno e fate dei figli solo se potete mantenerli

  • amico
    Inserito alle 09:47h, 13 Novembre Rispondi

    Quello che fanno gli ukro nazi da dieci anni civili militari gente comune che non giura fedeltà alla causa nazionalista banderista e che le Z’s hanno gia’ denazificato abbastanza ma non tutto ancora.

  • Aplu
    Inserito alle 15:41h, 13 Novembre Rispondi

    Se sono cretini e continuano a figliare come animali, peggio per loro. Non possono pretendere di invadere altri Stati per farsi mantenere, se non li vogliono. Non possono lasciare la loro nazione senza fare nulla per migliorarla e preferire scappare in altre nazioni per farsi mantenere. C’è piuttosto da pensare che questa durezza verso di loro sarà alla fine usata anche dagli Europei nella grande conflagrazione che prima o poi scoppierà in Europa. Quando ci si sarà tolte le fette di salame dagli occhi e sarà morto lo stolto buonismo….

    • andrearossidevrgnano
      Inserito alle 22:22h, 13 Novembre Rispondi

      magari un po’ xo’ c’è la storia che in Africa c’è ancora tanta agricoltura e quindi c’è d+ bisogno d fare figli… e poi dopo (nn) c si sposta in base a come vanno gli affari… e poi magari è forte il cosidd. surriscaldamento glob. [ es. d (iutiub)clip che mostra global surrisc. -> “It’s Dangerous Business Walking Out Your Front Door (4:08) (underoathmusic)”], anche quando l’Italia éra agricola si facevano +figli e infatti esisteva anche il “Partito dei Contadini d’Italia”

      • Aplu
        Inserito alle 10:46h, 14 Novembre Rispondi

        Ma è dagli anni 60 che in Africa le popolazioni delle città sono aumentate vertiginosamente per via dei contadini che andavano a viverci attratti dal sogno del vivere meglio. Così si sono create sterminate periferie di gente che campa alla giornata e non ha alcuna qualifica lavorativa. Sono i figli e nipoti di questi che vanno all’avventura ad invadere l’Europa. E i loro governi, colpevoli di non aver mai fatto nulla di concreto per arginare l’abbandono delle campagne, sono fatti da corrotti e incapaci che mandano le loro super mercedes a tagliandare in Europa, alla faccia della loro gente. Forse si salvano quelli di altri stati che per esempio coltivano ed esportano il cacao. Ma un enorme continente com’è l’Africa, è possibile che non possa fornire soluzioni interne? Certo è molto più comodo lasciar partire tutti per andare a farsi mantenere in Europa. Finché dura.

Inserisci un Commento