Le forze USA in Iraq in allerta: Si intensificano gli attacchi della resistenza contro le basi americane

Al-Alam – Il nostro corrispondente ha riferito che la scorsa notte, la base aerea di Balad è stata presa di mira a Salah al-Din, che include forze statunitensi e membri della Locht Martin Company, che mantiene aerei F-16 situati in quella base, osservando che l’attacco è stato effettuato con tre missili, che non hanno provocato vittime, secondo una dichiarazione della Media Cell. della Sicurezza irachena.

Il corrispondente ha spiegato che un secondo attacco ha preso di mira la base Victoria vicino all’aeroporto di Baghdad, dove sono presenti anche forze americane, visto che il targeting è stato effettuato in maniera tattica con tre droni esplosivi senza pilota ed è stato colpito l’obiettivo, non ha parlato però se questi attacchi hanno portato a danni materiali o perdite umane. Inoltre risulta che il portavoce delle forze statunitensi ha confermato che “questo attacco è avvenuto ed ha affermato che sono attualmente in corso indagini per verificare se abbia portato a perdite, riconoscendo che l’attacco ha colpito quello che ha chiamato il centro di supporto diplomatico a Baghdad”.

Il nostro corrispondente ha sottolineato che la base di Victoria aveva recentemente installato rinforzi per i sistemi di difesa missilistica nonché sirene di allerta precoce e operazioni e rinforzi per questa base, sottolineando che la tattica di prendere di mira queste basi conferma che le misure di rinforzo non hanno funzionato e non sono stati in grado di contrastare gli attacchi dei droni.

Nota: Questi attacchi si aggiungono a quello verificatisi nei giorni scorsi e rendono l’ambiente sempre più ostile alle forze di occupazione americane che non hanno iniziato il ritiro dal paese, come richiesto fin dall’anno scorso dal Parlamento iracheno, a seguito dell’assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani e del vice comandante delle Forze Popolari Irachene, Abu al-Muhandis presso l’aeroporto di Baghdad. Quell’omicidio ha scatenato l’indignazione di tutte le fazioni irachene e fu chiesto a gran voce il ritiro delle forze occupanti. Da allora è iniziata una vera e propria guerriglia attuata dalle forze di resistenza irachene contro obiettivi delle truppe occupanti e loro basi militari.

Fonte: Al Alam

Traduzione: Fadi Haddad

Nota: Luciano Lago

9 Commenti
  • max
    Inserito alle 17:28h, 10 Giugno Rispondi

    eliminate tutti i suini sionusaeu

  • Giorgio
    Inserito alle 19:17h, 10 Giugno Rispondi

    W la guerriglia popolare irachena ……. morte agli occupanti us-nato ……

  • ARMIN
    Inserito alle 19:25h, 10 Giugno Rispondi

    Le Batoste subite dai liberatori-pirati anglosassoni sono TREMENDE.
    I Puritani sono PERDENTI. e sono sempre più INDEBOLITI. NON CI SANNO FARE.
    Putroppo per ESSI, Il ” bacino del DNA” (la vera ricchezza di un Paese) lo hanno perso nella 1GM e soprattutto nella 2GM, con TUTTI QUEI MORTI, MOLTISSIMI MORTI,
    TANTISSIMI, CIFRE ASTRONOMICHE DI MORTI, NON DICHIARATI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    E si illudono di essere vincenti. Se una Nazione perde i migliori figli in guerra, restano poche speranze di risollevare la sorte………………………………………………………………………………………..
    IT IS IMPOSSIBLE.
    .Auguri.

    • atlas
      Inserito alle 04:13h, 11 Giugno Rispondi

      e poi hanno i feriti, mutilati per sempre

  • дуx
    Inserito alle 20:06h, 10 Giugno Rispondi

    Onore ai popoli di:
    Irak
    iran
    Libia
    Siria
    onore al Mullah Omar (Afghanistan).
    Gloria a queste genti, che ebbero la forza di Nessuno contro il ciclope.
    Il Signore distruggera’ i miserabili ladroni del tempio
    Russia e Cina,,, cancelleranno questo lurido occidente …meno di 800 milioni di individui, che pretende di imporre la sua lurida ignoranza (materiale, culturale, spiritruale).. su altri 5 miliardi di persone.

    • atlas
      Inserito alle 04:15h, 11 Giugno Rispondi

      ‘ il Mullah Omar ‘ ? Sei fuori strada

      • дуx
        Inserito alle 09:53h, 11 Giugno Rispondi

        …a marescia’ ! ..qui non siamo sotto l’arma in cui tu sei il comando di gruppo e gli altri devono guardare la realta’ come dice il colonnello.
        Tu citi sempre la sovranita’ delle Due Sicilie.. benvenga, ma ti sei mai chiesto da sottufficiale (o forse EX) chi gestisce a tuttoggi, le varie “criminalita organizzate” ?? ..organiyyate da chi ?? ..le varie “mafie” continuano a lavorare dall’epoca dello sbarco in sicilia dei luridi porci, poiche’ i luridi strinsero esattamente gli affari , proprio con la tua ridicola corrotta arma, e supportarono lo sviluppo delle varie poliyie di controllo (ps e gdf), al fine di controllare, sviluppare e coordinare il banditismo dell’epoca e utiliyyarlo quale strumentyo di controllo dell’economia parallela e di conseguenya la socialita’. Dovresti gia’ conoscere le risposte sul terrorismo dagli anni sessanta fino a ventanni fa… era gestito proprio dai tuoi luridi comandanti che furono in combutta con la cia .
        Pertanto, il Mullah Omar, fu l’eroe del vero nayionalismo spontaneo Afgano…
        i Mujaiddin hanno fatto un errore a fidarsi dei luridi americani…. questi maiali distrussero completamente il paese

  • antonio
    Inserito alle 14:33h, 11 Giugno Rispondi

    gli USA dovrebbero togliersi dalle scatole e rifondere 1’000 miliardi di danni al popolo iracheno per 30 anni di stragi genocidi rapine distruzioni e contaminazioni con uranio

  • дуx
    Inserito alle 15:47h, 11 Giugno Rispondi

    gli usa…
    vanno isolati , sulle coste pacifiche e atlantiche, con un attacco in serie di siluri status 6.
    Gia’ oltre meta’ del loro potenyiale di comando sara’ disintegrato .
    poi il restante dell’entroterra cancellato con i nuovi icbm avantgard. e burevestnick…
    in risposta ,sicuramente partiranno missili aviotrasportati da basi americane dalleuropa… non supereranno brest litovsk, o murmansk, o vladivostok… !! …saranno gia’ stati intercettati da missili ipersonici kinshal e S-500

Inserisci un Commento