Le forze statunitensi inviano 60 camion cisterna carichi di petrolio siriano alle basi in Iraq

Mercoledì le forze statunitensi hanno inviato un totale di 60 camion cisterna di carburante siriano alle loro basi nel nord dell’Iraq, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa ufficiale SANA.

In una dichiarazione rilasciata a dicembre, il ministero degli Esteri siriano ha valutato le perdite economiche della Siria dovute alle operazioni militari statunitensi sul suo territorio a 111,9 miliardi di dollari.

Questa recente spedizione è l’ultima di una serie di spedizioni di petrolio siriano che sono state rubate dagli Stati Uniti nei campi petroliferi del nord della Siria, ha osservato SANA

Le perdite dirette sono stimate in 25,9 miliardi di dollari: 19,8 miliardi di dollari persi a causa del furto di petrolio e gas americano, 3,2 miliardi di dollari di danni alle infrastrutture pubbliche e 2,9 miliardi di dollari di danni agli impianti di petrolio e gas, secondo la dichiarazione.

Allo stesso tempo, il ministero ha valutato le perdite indirette a 86 miliardi di dollari.

Basi USA nei campi petroliferi in Siria

” Le forze di occupazione statunitensi e le milizie ad esse associate continuano il loro saccheggio organizzato di petrolio, grano e altre risorse di base, nonché la ricchezza nazionale del popolo siriano “, ha osservato il ministero.

Nota: La Siria si trova sotto sanzioni dell’occidente che non tollera il regime di Bashar al-Assad, nonostante che questi ha salvato la Siria dall’assalto dei gruppi terroristi (armati dalle potenze occidentali) che volevano distruggere e dividere il paese. Decisivo l’intervento della Russia nel 2015 a difesa della Siria e del suo governo per contrastare i piani degli USA e di Israele.

fonte: Xinhua

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM