"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le forze siriane respingono i tentativi dei gruppi terroristi di riguadagnare terreno nell’est e nel centro del paese

L’Esercito siriano ha respinto questa domenica varie operazioni terroriste sui fronti dell’Ovest, del sud est e del centro del paese, riconquistando territori.
Secondo quanto informato da fonti militari siriane, l’Esercito siriano ha frustrato i piani del gruppo terrorista takfiri dell’ISIS (Daesh in arabo) di penetrare nella città di Deir al-Zur, situata nell’est del territorio della Siria.

Allo stesso modo, hanno aggiunto, le operazioni aeree dell’aviazione siriana contro le posizioni dei terroristi a Deir al-Zur hanno ottenuto lo sdradicamento della presenza dei terroristi nelle regioni adiacenti dell’aereoporto situato in questa città.
Nel sud est del territorio siriano, le forze del Governo di Damasco sono avanzate  considerevolmente ed hanno respinto anche gli attacchi del gruppo terrorista, Fronte Al Nusra (di recente autoproclamatosi Fronte Fath al-Sham ) e Ahrar al-Sham contro le sue posizioni nella provincia di Quneitra.

Nello stesso tempo, hanno potuto prendere il controllo di varie zone di frontiera con i territori occupati palestinesi, oltre a provocare grandi perdite nelle fila dei terroristi e con distruzione dei loro equipaggiamenti, come segnalato dalle fonti militari.
Le battaglie nel centro del paese si sono concentrate nelle regioni limitrofe dell’aereoporto militare di Al-Tifor, ad ovest di Palmira, dove sono stati abbattuti decine di elementi terroristi.

Soldati esercito siriano

Attualmente, grazie alla resistenza delle forze siriane, hanno aggiunto le fonti, è stata pienamente garantita la sicurezza dell’aereoporto, così come quella dei giacimenti di gas e petrolio ubicati al nord dell’aereoporto.
Con la sconfitta definitiva dei terroristi nella città di Aleppo, questi elementi tentano disperatamente di estendere il loro raggio di azione per dissimulare il loro fallimento. Tuttavia, i loro tentativi non hanno potuto dare alcun frutto.

Un alto comandante iraniano ha osservato che la Siria sta vincendo una guerra mondiale contro i terroristi appoggiati da potenze straniere (USA ed Arabia Saudita) grazie ai sacrifici e la resistenza del suo popolo.

Nota: Nonostante i successi dell’esercito siriano e dell’asse di resistenza costituito da Hezbollah-Siria-Iran, non è possibile deporre le armi o abbassare la guardia in quanto le trame dell’Amministrazione Obama e dei monarchi dell’Arabia Saudita sono ancora in atto per rovesciare il governo di Damasco e smembrare il paese.

La ferma resistenza dell’Esercito siriano, assieme ai suoi alleati, ha dimostrato al mondo che una nazione ed un popolo possono resistere e rifiutare di inginocchiarsi davanti all’aggressione imperialista contro il proprio paese, la propria comunità e difendere la sovranità nazionale.
Questo non è facilmente accettato da quelle centrali di potere che vogliono assoggettare i paesi al proprio dominio imperiale e che ritengono l’esempio della Siria come un precedente pericoloso che può essere di esempio per altri popoli in altre zone del mondo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 11 mesi fa

    Indubbiamente, c’è una strana attività delle bande terroristiche in Siria, che si producono in fallimentari attacchi perdendo mezzi e mercenari, come l’isis a Deir Ezzor.
    Queste offensive fallimentari sono stranamente concomitanti con l’uscita di scena del criminale internazionale Barack Obama e l’insediamento di Trump quale presidente Usa.
    Colpi di coda del serpente Obama?

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace