LE FORZE RUSSE VINCONO LA BATTAGLIA PER LISICHANSK

Negli ultimi giorni, i combattimenti tra l’avanzata delle forze a guida russa e le Forze armate ucraine (AFU) nell’area di Lysychansk sono stati particolarmente tesi. A seguito di scontri, le forze a guida russa hanno preso il controllo del territorio dell’intera Repubblica popolare di Luhansk.

Negli ultimi giorni, le unità russe e LPR hanno preso il controllo delle posizioni delle forze ucraine in ritirata in diversi insediamenti nella regione, di conseguenza la città di Lisichansk è stata quasi completamente circondata.

Le forze guidate dalla Russia sono avanzate dalla periferia settentrionale e meridionale e hanno preso il controllo dei distretti centrali. Il 2 luglio hanno rivendicato il controllo della città. Le affermazioni sono state avanzate da diversi militari russi, LPR, giornalisti militari russi e dal capo della Cecenia Ramzan Kadyrov.

Le restanti unità AFU hanno abbandonato la trappola e si sono spostate verso la città di Seversk.

Le affermazioni sono state confermate dallo Stendardo della Vittoria innalzato sull’edificio dell’amministrazione comunale. Il militare del 6° reggimento cosacco intitolato a Platov del PM LPR tiene lo stendardo della vittoria su Lisichansk. Le unità ucraine in ritirata avevano distrutto diversi edifici amministrativi, incluso il municipio.
L’operazione di rastrellamento continua per le strade della città di Lisichansk. La distruzione delle ultime sacche di resistenza ucraina potrebbe richiedere ancora qualche giorno.

L’AFU si è ritirata dalle loro posizioni militari a Lysychansk, lasciando armi, droghe e cibo. Un grande lotto di armi straniere è arrivato nelle mani dei combattenti russi.

I giornalisti militari russi stanno già lavorando in città, mostrando la distruzione, intervistando i residenti locali. I civili lasciano i loro rifugi, accolgono i soldati russi. Molti di loro testimoniano sui crimini di guerra dei combattenti ucraini, affermano che questi avevano bombardato i civili e li avevano usati come scudi umani.
Nei giorni scorsi la città di Lisichansk è stata quasi completamente circondata. La raffineria di petrolio di Lysychansk, la miniera di Matrosskaya, la fabbrica di gelatina e l’insediamento di Topolevka sono stati prese sotto il controllo di LPR. L’AFU ucraina ha anche abbandonato i villaggi di Zolotarivka, Shypylivka e la città di Novodruzhesk.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM