Le forze di occupazione americane stanno ora affrontando la guerriglia di resistenza in Medio Oriente

Gli Stati Uniti sono noti per aver dimostrato un completo disprezzo per gli interessi della popolazione di quei paesi che sono precipitati nel caos con le loro azioni distruttive negli ultimi decenni. Tra questi paesi si possono citare l’Afghanistan, l’Iraq e la Siria, ma il problema non è che Washington sta solo affrontando un costante aumento dei sentimenti anti-americani a causa di questo disprezzo, deve affrontare azioni militari di rappresaglia organizzate dalla popolazione di questi paesi.

In linea di principio, difficilmente si può descrivere questo sviluppo come sorprendente, poiché attacchi simili furono commessi durante la seconda guerra mondiale contro le forze di occupazione in vari paesi del mondo, dove i movimenti partigiani avrebbero ottenuto un sostegno schiacciante tra le persone che si sentivano oppresse da una potenza straniera ostile .

E non c’è quasi nessun altro modo per descrivere quello che il Pentagono sta facendo a quegli stati senza usare il termine occupazione. Così, oltre a utilizzare un convoglio di 300 camion di carburante per trasportare il petrolio siriano rubato in Iraq, le truppe statunitensi hanno assemblato un convoglio più piccolo di 41 camion di carburante l’11 aprile, che avrebbero poi utilizzato per trafficare il petrolio siriano rubato dal Governatorato di Al-Hasakah, in Iraq, riferisce l’agenzia statale siriana SANA.

Oltre alle continue accuse di furto di petrolio, le autorità siriane e le organizzazioni pubbliche accusano anche gli Stati Uniti di saccheggio sistematico di antichi cimeli dai musei locali e la distruzione dei siti del patrimonio culturale dell’UNESCO nella zona di Palmyra, dove furono costruiti durante l’epoca della civiltà Sumero-accadica. In genere, gli Stati Uniti lanciano attacchi aerei in un’area specifica che viene poi occupata da militanti filo-USA che procedono a saccheggiare gli edifici antichi solo per correre con il loro bottino alla più vicina base americana, da dove gli antichi manoscritti vengono poi trasportati da aerei militari negli Stati Uniti. Secondo fonti dei media, in questo modo sono già stati sottratti alla Siria circa 2.8 trilioni di dollari di manufatti storici.

Oltre alle ripetute suppliche rivolte da Damasco al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite chiedendo che gli Stati Uniti smettano di saccheggiare la ricchezza nazionale della Siria, il Ministero degli esteri siriano ha recentemente chiesto un risarcimento a Washington per i danni e la distruzione inflitti allo stato siriano come un risultato della politica estera degli Stati Uniti.

All’inizio di aprile, le autorità siriane e russe hanno attirato l’attenzione di Washington sull’assenza di qualsiasi pretesto formale per la presenza militare statunitense in corso nel territorio della Repubblica araba siriana, e hanno esortato quest’ultima a fornire una spiegazione di questo fatto alla comunità internazionale. La dichiarazione congiunta del quartier generale di coordinamento di Russia e Siria ha rilevato che la presenza delle forze armate statunitensi in territorio siriano senza una decisione pertinente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e senza un invito ufficiale da Damasco costituisce un’occupazione che aggrava la situazione nel paese e nella regione nel complesso.
Allo stesso tempo, è stato aggiunto che la presenza militare statunitense in Siria aveva già portato alla ripresa delle operazioni terroristiche in tutto il Medio Oriente. Inoltre,

Forze occupanti USA in Siria

In assenza di qualsiasi reazione visibile da parte degli Stati Uniti e di una serie di istituzioni internazionali, che consentono alle forze armate statunitensi di saccheggiare la Siria nella totale impunità, il popolo siriano ha fatto ricorso a tattiche di guerriglia.
Così, il 15 aprile una delle basi militari statunitensi situate a nord di Deir ez-Zor è diventata l’obiettivo di un attacco missilistico di “origine sconosciuta”, il che significa che nessuno ha rivendicato l’attacco. Secondo il canale televisivo iracheno Al Etejah, che citerà fonti sul campo, un certo numero di militari statunitensi è rimasto ferito a seguito dell’attacco, poiché questi sono stati rapidamente portati in un vicino ospedale.

Secondo l’agenzia di stampa Mehr e altre fonti dei media regionali, l’attacco missilistico avrebbe preso di mira “il quartier generale responsabile dell’esportazione illegale di petrolio dalla Siria”. Gli autori di questo attacco rimangono sconosciuti. Si presume che l’attacco potrebbe essere stato commesso da milizie filo-iraniane che combattevano dalla parte di Bashar al-Assad, o da altri gruppi militanti che non sono d’accordo con la linea di condotta degli Stati Uniti che Washington ha adottato in Siria. Allo stesso tempo, negli ultimi mesi, si sono verificati attacchi simili contro un certo numero di strutture americane nell’est e nel nord-est della Siria. Finora, Washington ha stabilito nove installazioni militari: quattro nel governatorato di Deir ez-Zor e altre cinque nel vicino governatorato di Al-Hasaka.

Oltre alle azioni violente della popolazione locale contro le forze armate statunitensi in Siria, fatti simili vengono sempre più rilevati nel vicino Iraq. Quindi, secondo i resoconti dei media iracheni, a metà aprile la base aerea di Al Asad è stata attaccata da tre droni. Il canale iracheno Telegram Sabereen News, vicino alle “forze di resistenza” nella regione mediorientale, ha riferito che questo è il secondo attacco del genere commesso in una settimana contro le strutture statunitensi, a seguito di un attacco nell’area di Erbil. Un paio di giorni dopo, un’altra base aerea in Iraq è stata attaccata, la base aerea di Balad poiché la gente del posto sapeva che i militari statunitensi vivevano intorno a quell’installazione militare.

Convoglio USA attaccato in Iraq


In totale, da quando Joe Biden è entrato in carica, sono stati effettuati più di 40 attacchi missilistici di questo tipo in Iraq, rivolti a personale militare e diplomatico statunitense. Di regola, nessuno rivendica la responsabilità di tali attacchi, o talvolta viene rivendicato da gruppi che nessuno conosce, che, secondo alcuni esperti, può servire da “cortina fumogena” per le organizzazioni sostenute dall’Iran che sono presenti da tempo in Iraq.
Qais Khazali, una figura sciita filo-iraniana di alto rango nel gruppo paramilitare Hashd al-Shaabi che è stato creato nel 2014 con il sostegno di Teheran per combattere il Daesh (un gruppo terroristico), ha detto di recente che “le forze della resistenza contro l’occupazione statunitense hanno realizzato una serie di attacchi contro gli Stati Uniti e saranno obblligate ad intensificarli in futuro, se gli USA non procederanno a ritirare tutte le loro forze di occupazione da ciascuna delle zone dell’Iraq dove si trovano”.

Vladimir Danilov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook “.

(Fonte: New Eastern Outlook)

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 20:23h, 28 Aprile Rispondi

    USA GB e i servi eurpei tra cui i vili governucoli italici, han commesso crimini di massa in Medioriente per 20 anni
    ci vorrà un Norimberga 3 per impiccare i comandanti colpevoli di un ventennio infame

Inserisci un Commento