Le forze di intelligence iraniane arrestano diverse cellule terroristiche collegate all’MKO a Teheran,


Le forze di intelligence iraniane hanno identificato e smantellato diverse cellule operative affiliate al gruppo terroristico Mujahedin-e-Khalq Organization (MKO) nelle province di Teheran, Esfahan e Kordestan.

Lo ha annunciato martedì il ministero dell’Intelligence iraniano, affermando che l’arresto è avvenuto dopo aver rintracciato e identificato le cellule di sabotaggio, insieme a una serie di operazioni di coordinamento nelle province di Teheran, Esfahan e Kordestan, che hanno portato all’arresto di 10 persone operative e di supporto, tutti elementi del MKO.

Il ministero ha affermato che le cellule hanno compiuto atti terroristici e numerosi attacchi di mortaio contro centri amministrativi, militari, delle forze dell’ordine e residenziali durante le recenti rivolte sostenute da stranieri, aggiungendo che hanno inflitto danni alimentando un’atmosfera di paura e insicurezza.

“In diverse operazioni terroristiche, i membri di queste cellule si sono imbarcati nel lancio di granate fatte a mano in raduni pubblici e hanno condotto attacchi di mortaio contro i centri sopra menzionati, e stavano tramando per azioni molto più severe”, osserva la dichiarazione.

Il ministero dell’intelligence iraniano ha affermato che tutte le attività terroristiche delle cellule sono state condotte sotto la guida diretta del quartier generale europeo dell’MKO in Albania e che nelle loro operazioni hanno persino utilizzato elementi veterani e di lunga data del gruppo terroristico, che sono stati graziati e commutata dalla Repubblica islamica negli anni ’80.

Le armi e le attrezzature appartenenti alle cellule, come mortai, granate, materiali e attrezzature per fabbricare granate fatte a mano, armi leggere e molotov, sono state scoperte e confiscate, ha aggiunto.

Disordini ed attacchi in Iran

Le proteste sono scoppiate in diverse città iraniane dopo la morte il 16 settembre di Mahsa Amini, una donna iraniana di 22 anni di origine curda morta in ospedale tre giorni dopo essere crollata in una stazione di polizia a Teheran. Un’indagine ha attribuito la sua morte alle sue condizioni mediche, respingendo le accuse secondo cui era stata picchiata dalle forze di polizia.

Nonostante il chiarimento dei funzionari iraniani sulle circostanze della morte di Amini, violente proteste di piazza hanno portato ad attacchi contro agenti di sicurezza e atti di vandalismo contro proprietà pubbliche e luoghi sacri.

La Repubblica islamica ha fortemente censurato diversi paesi per aver provocato le rivolte attraverso le loro agenzie di spionaggio e il loro apparato di propaganda. Londra, in particolare, ospita diverse reti anti-iraniane, tra cui Iran International, Manoto e BBC Persian.

In una dichiarazione pubblicata sabato, il Consiglio di sicurezza del ministero dell’Interno iraniano ha affermato che il nemico ha intrapreso una guerra ibrida contro la Repubblica islamica per indebolire la solidarietà nazionale e ostacolare il progresso del paese, sottolineando che circa 200 persone hanno perso la vita nelle rivolte scatenate dai separatisti e gruppi terroristici dal momento del loro scoppio a settembre.

Ha affermato che i rivoltosi hanno condotto atti di vandalismo, violenza e insicurezza in Iran e hanno spianato la strada a gruppi separatisti e terroristi per infiltrarsi nel paese e compiere attacchi brutali contro persone innocenti.

Nota: La mano dei servizi occidentali e di Israele è apparsa evidente negli scontri verificatisi in Iran, che non sono dovuti a proteste spontanee, come affermano falsamente i media occidentali, ma alla infiltrazione di agenti provocatori e di terroristi addestrati ed appoggiati dalle potenze occidentali che hanno l’obiettivo di destabilizzare l’Iran dall’interno. Tutto si svolge secondo il consueto manuale della CIA, lo stesso che era stato applicato in Siria e che è fallito per la coriacea resistenza del popolo siriano e del suo esercito. Facile prevedere che fallirà anche in Iran.

Fonte: Press Tv

Traduione: Luciano Lago

5 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 08:50h, 07 Dicembre Rispondi

    Dietro la retorica dei “diritti umani delle donne iraniane” ci sono i soliti noti ….
    Cia – Mi6 – Mossad e le organizzazioni per i diritti civili con sede a Washington, Londra, Bruxelles, Tel Aviv ….
    MA NON PREVARRANNO !!!

  • Giorgio
    Inserito alle 09:08h, 07 Dicembre Rispondi

    Dietro i cosiddetti “diritti umani delle donne iraniane” c’è la lunga mano di Cia-Mi6-Mossad ….
    e delle organizzazioni “umanitarie” con sede a Washington, Londra, Bruxelles e Tel Aviv …
    FORZA IRAN !

  • rossi
    Inserito alle 10:49h, 07 Dicembre Rispondi

    W LE DONNE ISLAMICHE CON L’hijab. A MORTE L’EUROCENTRISMO! W IL MONDO MULTIPOLARE. I paradigmi occidentali non sono universali, anzi sono le lastre di pietra di false buone intenzioni di cui è lastricata la strada per l’inferno…………………. la pseudopandemia non è riuscita ad aprire completamente gli occhi persino a molti “ribelli alternativi al sistema”.

  • antonio
    Inserito alle 11:05h, 07 Dicembre Rispondi

    Fermate i satanisti London City

    • Giorgio
      Inserito alle 13:02h, 07 Dicembre Rispondi

      In attesa di vedere incenerita la city londinese mi ascolto un vecchio brano dei Clash (non è il mio genere preferito di musica) ….
      si intitola London burning ….

Inserisci un Commento