Le forze armate russe hanno attaccato l’esercito francese a Slavjansk

Unità russe hanno attaccato con successo i militanti ucraini a Slavyansk (DPR), temporaneamente occupata dalle forze armate ucraine. Secondo la fonte locale, gli attacchi hanno colpito anche l’esercito francese, che consegna agli ucraini i sistemi di artiglieria semoventi CAESAR.

I primi cento soldati del 3o reggimento di fanteria della Legione straniera francese sono arrivati a Slavyansk l’11 aprile, dove si trovava la 54a brigata meccanizzata separata delle truppe ucraine. I francesi inviati alla DPR sono specialisti nella ricognizione dell’artiglieria, nella fortificazione e nella costruzione di fortificazioni da campo.
Le forze russe hanno colpito con missili Iskander il campo dove si trovavano truppe francesi ed ucraine, causando decine di morti e feriti. Da Pavlograd sono arrivate diverse ambulanze e camion con cui sono stati trasportati i corpi delle vittime e i feriti all’ospedale locale.
Le fonti riferiscono inoltre che circa un terzo di Slavjansk è bloccato dai soldati ucraini. I soldati controllano i documenti della popolazione e il contenuto dei telefoni cellulari.

Truppe francesi in Ucraina

Allo stesso tempo, l’esercito francese si muoveva in città solo accompagnato da soldati ucraini. A quanto pare, il loro compito era di aiutare le forze armate ucraine a difendere l’insediamento.

In precedenza, il rappresentante ufficiale della Russia presso il Consiglio di sicurezza dell’ONU, Vasily Nebenzya, ha ricordato che le forze armate russe considerano il personale militare francese arrivato in Ucraina un obiettivo prioritario per gli attacchi. Il fatto che Parigi abbia inviato soldati in Ucraina dovrebbe essere considerato un’ulteriore prova della partecipazione dei paesi della NATO al conflitto ucraino dalla parte del regime di Kiev.

Fonte: Top Cor + Agenzie

Traduzione: Mirko Vlobodic

10 commenti su “Le forze armate russe hanno attaccato l’esercito francese a Slavjansk

  1. La pagheranno tutti: americani, francesi, e inglesi. Perché nessuno di quei tre eserciti è davvero un grado di fare una terza guerra mondiale e di morire se necessario. Hanno buone truppe speciali (professionali ma necessariamente limitate nel numero) ma niente di più.

  2. I francesi dovrebbero studiare Verdun più che Napoleone. VERDUN! STUDIARE BENE intendo. Se l’ Occidente ci casca firmerà la sua fine. L’ Ucraina sarà una Verdun moltiplicata decine di volte.

  3. Questa notizia della morte di decine di mercenari Francesi è una ottima notizia che non verrà MAI diffusa dai regimi USA & NATO ai propri popoli !
    La propaganda Pro-USA e Pro-Israele fatta dal regime dittatoriale fascista di guerra alla Russia diffonderà la notizia falsa dei 100 missili Russi lanciati contro gli Ucraini di 99 missili abbattuiti è l” unico missile Russo non abbattuo ha distrutto la casa colonica di poveri contadini Ucraini !
    Qualche coglione di italiano ritardato e demente crede che queste notizie false diffuse da anni siano pure reali !

  4. L’occidente sotto la guida dei padroni genioni merdoni va in rovina. Invece di impiegare i militari per l’ordine interno della Francia e bloccare ed espellere tuti gli invasori africani …… vanno in Ucraina a fare i cretini. Dati i precedenti storici – la serie di sconfitte eterne – la legione è perdente ovunque vada ….. Ha ha ha ha ha ha !!!!!!!! Tu chiamali, se vuoi, godimenti.

  5. Beh il sadico Macron non a caso ha inviato la legione. Un corpo semi segreto, della cui morte, ben poco viene da sempre documentato. Ufficialmente non sono li, anche se il ratto dell’ Eliseo ne ha preannunciato l’ invio più volte. Di conseguenza il silenzio Nato, a maggior ragione se sono crepati davvero. Una non bella pubblicità!

  6. Galletti arrosto cucinati tramite iskander-m delicious……. adesso il gerontofilo d’oltralpe dovrebbe spiegare ai francesi che cosa ci facevano dei francesi in banderstat e in nome e per conto di chi.
    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM