Le FONTI mediatiche occidentali iniziano a riconoscere che la guerra non va come la Nato sperava

Wofnon. Ebbene, tutti i media hanno parlato dicendo che “la controffensiva ucraina è fallita”, quando i principali media, i principali giornali e riviste negli Stati Uniti dicono così e così, non dimentichiamo che trasmettono l’opinione dell’establishment, e questo lo indica chiaramente, “gioco finito”. Il regime di Kiev è già passato alla fase del ricatto, ed è chiaro che sul terreno cominciano ad emergere situazioni complesse, come quando un gruppo di mercenari polacchi ha sparato ai soldati ucraini che non volevano attraversare il Dnepr. Da un momento all’altro i fatti esplodono. Penso che entreranno in modalità difensiva.

Hanno perso circa 15 brigate, delle 57 stimate che avevano in tutto il paese all’inizio della controffensiva, il 26,31% delle loro forze, una quantità enorme, un massacro immane. Un personaggio noto in Ucraina, avvocato e politico, Serhiy Kryzhanovsky, ha chiesto a Zelenskyj di andarsene altrimenti sarà licenziato. È in questi precisi momenti che iniziano a giocare le varianti, non è casuale nemmeno la seguente dichiarazione del Ministero degli Esteri russo: “La Russia esorta l’esercito ucraino a rivoltarsi contro il regime di Kiev o a capitolare “, nulla è casuale in questo conflitto. Adesso sono tutti giù in attesa dell’offensiva russa, e quelli della NATO, mangiano zucche, o dimenticate l’offensiva invernale russa dell’anno scorso?, ricordate che in autunno gli ucraini hanno fatto la loro controffensiva.

Alcuni sono un po’ delusi, perché non hanno visto i russi prendere d’assalto Kiev come hanno preso d’assalto Berlino. Tuttavia, c’è stata un’offensiva, come è stata? Beh, la più bella. Fu lanciata su Soledar e Bakhmut, la più importante operazione di diversione e annientamento in quella zona. Innanzitutto bisogna dire che l’importanza di Bakhmut non era qualcosa che veniva da un altro mondo, più importante era la liberazione di Popasna, che era strategica, così come lo era Volnovakha, andando verso Mariupol. Per intenderci, se non cade Popasna, non cadono Bakhmut e Soledar, se non cade Volnovakha, non cade nemmeno Mariupol. Nelle guerre ci sono città che aprono o chiudono le porte. L’importanza di Bakhmut non era il terreno fisico, erano due idee, portare lì il nemico e morire lì, morirono più di 70.000 ucraini, quello era un fatto tattico, ma la cosa più strategica, erano i 1.500 km2 di linee difensive, a vari livelli e profondità, cosa che hanno fatto i russi. I russi sono diventati invulnerabili, ogni tentativo comporta un costo che gli ucraini non potranno sostenere. Oggi sperano in una mobilitazione significativa, necessitano di 200.000 uomini, gli ultimi rimasti, perché con le vittime di questa “controffensiva”, l’esercito ucraino al fronte conta tra 135.000 e 160.000 uomini. La Russia attualmente ne ha circa 460.000 in totale, ben schierati. L’Ucraina sa già che sta giocando, lo sa, e intende creare un precedente di una certa gloria, per la resistenza che ha opposto, ecc. ecc., sa che la mobilitazione fallirà, che gli uomini con l’esperienza sono già morti, anche i più ideologizzati.

Proprio come l’impero è pericoloso nel suo declino, ricordiamoci che nell’ordine naturale delle cose, vogliono sempre portare con sé tutto nel loro declino, il loro egoismo è intrinseco, personalmente penso che gli Stati Uniti abbandoneranno l’Ucraina, e allora lo farà l’Europa, non lo fa prima, perché è fatta da classi politiche vigliacche. Ma la strada è già fatta, gli ucraini lo sanno, e anche in un certo modo -da qui gli aiuti sempre più limitati- anche l’Occidente attende l’offensiva russa, per finire una volta per tutte, con quello che ha già lasciato da parte per essere una causa per loro ma che ora non è altro che un problema, mascherato da causa. E il signor Zelenskyj cerca di tirarsi su di morale, gli ultimi pacchetti di aiuti non superano i 200 milioni di dollari, l’ultimo grande pacchetto ammontava a 2 miliardi di dollari. L’Ucraina conta sul nuovo aiuto dei suoi alleati per potenziare la controffensiva nel sud. ” I partner rispettano gli accordi. Stanno arrivando attrezzature belliche pesanti, artiglieria e sistemi di difesa antiaerea. Continuiamo a lavorare sui seguenti pacchetti. Presto ci saranno altre novità”, ha scritto il presidente ucraino su Telegram, riferendo del suo incontro con rappresentanti del governo e dell’esercito.

Cinque media in un solo giorno, tutti gli occidentali sottolineano la stessa cosa: l’Ucraina sta perdendo la guerra. “Politic”, “ABCNews”, “Youtube”, “19fortyfive” e “Newsweek”. Pensi che sia una coincidenza?Se a ciò aggiungiamo altri editoriali del New York Times, del Washington Post e del Wall Street Journal… La prospettiva è deprimente. Politico : “… In Occidente abbiamo creduto alla nostra stessa propaganda .” ” Le aspettative per la controffensiva ucraina erano troppo alte fin dall’inizio “, in parte a causa della ” stampa occidentale troppo zelante che troppo spesso confonde i propri desideri con analisi realistiche, evocando un’immagine di soldati russi demoralizzati e sfortunati”, immaginati scappando con la coda tra le gambe .” Tuttavia ” Kiev ha anche una certa responsabilità nella prognosi ottimistica di una rapida svolta “. Ed è stato lo stesso capo della direzione generale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino, Kiril Budanov, ad affermare che questa operazione sarebbe stata “la battaglia decisiva” e ad “ignorare perfino le richieste del ministero degli Esteri ucraino di ammorbidire le previsioni di successo .” I media occidentali non si fidavano delle osservazioni di esperti militari secondo cui l’esercito russo stava imparando e quindi migliorando, in particolare nella precisione di tiro dell’artiglieria e nelle tattiche di fanteria. Ad esempio, la Russia ha smesso di usare i suoi carri armati per attacchi concentrati per disperdere le truppe ucraine, e ora li usa per sostenere i soldati da distanze di sicurezza. Per quanto riguarda la fanteria, si trincerano a un ritmo più veloce di quanto previsto dall’Occidente, quindi hanno ottimizzato le loro posizioni da cui combattere. Inoltre, ” i russi si ritirano da una posizione che viene presa d’assalto e poi la saturano di fuoco mentre le truppe ucraine cercano di occuparla “, una tattica che ” sta ora impantanando l’Ucraina “. In definitiva, ” la prima fase della controffensiva ha visto perdite sostanziali da parte delle forniture di armature occidentali, e anche la seconda fase che impiegava la fanteria per trovare lacune [nelle difese russe] non è riuscita a ottenere un successo significativo…” .

ABC News : “… I mercenari americani sono scioccati dalle pesanti perdite delle forze armate ucraine. Così, un militante americano ha detto alla pubblicazione che la sua unità composta da dozzine di persone ha subito “l’85% delle perdite”, mentre il 40% è stato gravemente colpito con feriti da non poter più combattere. Un altro mercenario ha commentato direttamente dall’ospedale dove è finito dopo essere stato ferito. Secondo lui, hanno dovuto combattere con ” una forza molto professionale “. Un alto funzionario ucraino ha commentato la situazione delle perdite come una ” fase decisiva delle ostilità …”. Su Youtube : “… Stiamo perdendo la guerra ” – Militare ucraino. Il membro dell’UAF ha affermato che l’Ucraina deve ancora stabilire la propria produzione di carri armati, artiglieria e missili, il che potrebbe portare alla sconfitta, mentre la Russia si prepara a lanciare un’offensiva. ” La Russia ha risorse e riserve, che noi non abbiamo… “, ha aggiunto. 19quarantacinque: “… l’offensiva all’ultimo respiro dell’Ucraina è fallita .” Una delle ragioni del fallimento della controffensiva è spiegata dai preliminari, Artyomovsk: ” Mese dopo mese, Zelenskyj inviò una brigata dopo l’altra per rinforzare Bakhmut nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti di ritirarsi. Non solo era dolorosamente ovvio che c’erano poche speranze razionali nel fermare l’offensiva di Wagner, ma ma che quelle brigate erano urgentemente necessarie per l’attuale controffensiva primaverile ed estiva .”

Un altro motivo è stato il fallimento dell’addestramento occidentale, riservato solo ai soldati ucraini e non ai comandanti. Non un’intera brigata è stata addestrata da istruttori europei, quindi hanno agito in modo scoordinato e sbilanciato: “È stato doloroso vedere come l’addestramento della NATO non ha trasformato le forze armate ucraine […]. Era quasi impossibile per l’Ucraina trasformarsi in una sola settimana e mesi di allenamento .” Un grosso problema è stata anche la mancanza di leadership politica e militare che ha portato a lanciare la controffensiva senza essere preparati a lanciarla. Il Comandante in Capo delle Forze Armate. L’ucraino Valeriy Zaluzhniy ha affermato che la NATO non avrebbe mai inviato le sue truppe senza il supporto aereo, qualcosa che manca ai soldati ucraini. La mancanza di armi ha condizionato anche il futuro della controffensiva: sono stati necessari più mortai, proiettili, attrezzature per la guerra elettronica e il 25% in più di capacità di sminamento. L’esercito ucraino ha perso decine di migliaia di soldati per avanzare di qualche chilometro nella provincia russa di Zaporozhye, quindi se continua di questo passo finirà gli uomini prima di raggiungere le linee difensive russe. La conclusione, quindi, è che “ le forze armate ucraine hanno fallito per ragioni del tutto prevedibili, basate su fondamentali di combattimento duraturi che richiedono ottimismo e pio desiderio piuttosto che realtà” . ..”. Newsweek: “…I fallimenti della controffensiva seminano divisione nella leadership ucraina. Alcuni leader dubitano che la strategia in corso possa dare frutti, riferisce il quotidiano. L’incapacità dell’Ucraina di sfondare le difese russe ha aperto una breccia nella leadership di Kiev, innescando dibattiti sulla capacità del paese se dovrebbe andare avanti o annullare la tanto pubblicizzata controffensiva, riferisce Newsweek. La testata sostiene che il presidente ucraino, Vladimir Zelenskyj, si trova di fronte a un serio dilemma: ” continuare fino alla fine e rischiare un costoso fallimento oppure ridurre le perdite dell’Ucraina e accettare una sconfitta politicamente dannosa “. Secondo quanto riferito, i leader ucraini si sono divisi in due gruppi: uno insiste sul fatto che Kiev deve ritirarsi e attendere un’offensiva russa prevista per l’autunno e la primavera; e un altro, di cui fa parte il comandante in capo delle forze armate, Valeri Zaluzhni, che cerca di continuare con la controffensiva e respinge ogni critica come ” impazienza basata su malintesi “, precisa il settimanale americano. ”

Ci sono sicuramente alcune differenze tra la leadership ucraina sulla strategia militare “, ha detto a Newsweek una fonte anonima vicina al governo ucraino. La lentezza dei progressi sul campo di battaglia ha sollevato preoccupazioni anche tra i funzionari civili. ” C’è la sensazione che siano stati ingannati dai militari su come sarebbe andata bene questa controffensiva, che abbiano ricevuto valutazioni eccessivamente ottimistiche da parte dei militari. Ne sono scontenti”, ha detto la fonte, aggiungendo che non governa possibili cambiamenti nel comando militare del paese. Tuttavia, il portavoce del Ministero della Difesa ucraino ha smentito in dichiarazioni ai media le informazioni su una presunta divisione tra i leader ucraini, definendoli propaganda russa … I media occidentali discutono dell’ultimo dispiegamento di riserva delle forze armate ucraine. ” Secondo le immagini dei droni, Kiev sta dispiegando la sua ultima riserva per la controffensiva in corso “, ha osservato il canale televisivo tedesco N-TV. L’Ucraina sta utilizzando per la prima volta veicoli da combattimento della fanteria Marder, forniti dalla Germania, contro le forze russe. Questi veicoli appartengono all’82a Brigata d’assalto aviotrasportata, che costituisce l’ultima riserva per la controffensiva ucraina.

Il Wall Street Journal scrive: Funzionari statunitensi e ucraini hanno discusso dietro le quinte per settimane su strategie e tattiche per “ravvivare” la lenta “controffensiva” di Kiev. “ L’esercito americano sta esortando gli ucraini a riprendere l’addestramento combinato sugli armamenti ricevuto nelle basi alleate in Europa, concentrando le loro forze per cercare di sfondare le difese russe e raggiungere il Mar d’Azov. Kiev ha apportato alcune modifiche nelle ultime settimane, ma entrambe le parti (gli Stati Uniti e l’Ucraina) stanno ancora discutendo su come fare la differenza per i russi nel tempo limitato che hanno prima dell’inizio dell’inverno. Secondo la pubblicazione, Zaluzhny (il comandante delle forze ucraine), tra le altre cose, ha espresso il suo disaccordo con i funzionari americani, secondo i quali l’Occidente ” non capisce la natura di questo conflitto “. La comunità dell’intelligence statunitense ritiene che la controffensiva dell’Ucraina non riuscirà a raggiungere la città chiave di Melitopol, nel sud-est, hanno riferito al Washington Post persone che hanno familiarità con gli obiettivi classificati , una scoperta che, se corretta, significherebbe che Kiev mancherà il suo obiettivo principale di tagliare il territorio russo. ponte verso la Crimea nella spinta di quest’anno.

La triste valutazione si basa sulla brutale capacità della Russia di difendere il territorio occupato attraverso una falange di campi minati e trincee, ed è probabile che spinga a puntare il dito a Kiev e nelle capitali occidentali sul perché di una controffensiva che avrebbe generato decine di miliardi di dollari in armi e armi occidentali. equipaggiamento militare. non ha raggiunto i suoi obiettivi. Le forze ucraine, che vogliono avanzare verso Melitopol dalla città di Robotyne, a più di 80 km di distanza, rimarranno diverse miglia fuori dalla città, hanno detto funzionari statunitensi. Funzionari governativi statunitensi, occidentali e ucraini intervistati per questo rapporto hanno parlato, a condizione di anonimato, di operazioni militari delicate. Melitopol è centrale nella controffensiva dell’Ucraina perché è considerata la porta d’accesso alla Crimea. La città si trova all’intersezione di due principali autostrade e di una ferrovia che consentono alla Russia di spostare personale e attrezzature militari dalla penisola ad altri territori occupati nel sud dell’Ucraina. Financial Times: “Tensione tra Usa e Ucraina sulla controffensiva” Funzionari statunitensi hanno spiegato, a condizione di anonimato, che Washington è sempre più critica nei confronti di Kiev per il suo approccio alla controffensiva, affermando che deve essere ” meno avverso al rischio e impegnare pienamente le sue forze sull’asse principale della controffensiva nel sud ” per raggiungere il mare. di Azov, che consentirebbe di interrompere il collegamento via terra tra la Crimea e il resto della Russia.

L’amministrazione Biden ha esortato l’amministrazione Zelenskyj a concentrare le sue truppe e le sue armi nel sud e a lasciare l’est, dove ha recentemente schierato alcune delle sue migliori unità combattenti per riconquistare Artyomovsk, una città che Kiev è già stata determinata a mantenere fino al punto. di perdere molti soldati in detta battaglia per poi perderla comunque. “I funzionari statunitensi sono sempre più dubbiosi che la controffensiva avrà un rapido successo “, ma riconoscono che non possono produrre abbastanza missili balistici tattici per rifornire l’Ucraina per fare una differenza significativa, e anche se potessero, credono che ciò potrebbe intensificare il conflitto con Russia. La controffensiva frizzante dell’Ucraina L’Ucraina ha lanciato la controffensiva all’inizio di giugno sperando di replicare il successo ottenuto lo scorso autunno nella regione di Kharkiv.

Ma nella prima settimana di combattimenti, l’Ucraina ha subito pesanti perdite contro le difese ben preparate della Russia nonostante disponesse di una gamma di attrezzature occidentali appena acquisite, tra cui veicoli da combattimento Bradley statunitensi, carri armati Leopard 2 di fabbricazione tedesca e veicoli specializzati nello sminamento. Le esercitazioni di guerra congiunte condotte dagli eserciti statunitense, britannico e ucraino prevedevano tali perdite, ma immaginavano che Kiev avrebbe accettato le perdite come il costo per sfondare la principale linea difensiva della Russia, hanno detto funzionari statunitensi e occidentali. Ma l’Ucraina ha deciso di contenere le perdite sul campo di battaglia e di passare alla tattica di fare affidamento su unità più piccole per avanzare in diverse aree del fronte. Kiev ha recentemente dedicato più riserve al fronte, comprese le unità Stryker e Challenger, ma non ha ancora sfondato la prima linea difensiva della Russia.

Il quadro desolante, riferito ad alcuni repubblicani e democratici a Capitol Hill, ha già scatenato un gioco di colpe nelle riunioni a porte chiuse. Alcuni repubblicani stanno ora resistendo alla richiesta del presidente Biden di ulteriori 20,6 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina, visti i modesti risultati dell’offensiva. Altri repubblicani e, in misura minore, democratici intransigenti hanno criticato l’amministrazione per non aver inviato prima armi più potenti all’Ucraina. I funzionari statunitensi respingono le critiche secondo cui gli aerei da combattimento F-16 o i sistemi missilistici a lungo raggio come ATACMS avrebbero avuto un risultato diverso. ” Il problema resta quello di perforare la principale linea difensiva della Russia, e non ci sono prove che questi sistemi sarebbero stati una panacea “, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione. In un’intervista di questa settimana, il generale Mark A. Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti, ha affermato che gli Stati Uniti sono stati chiari riguardo al difficile compito che deve affrontare l’Ucraina. ” Un paio di mesi fa avevo detto che questa offensiva sarebbe stata lunga, sanguinosa, lenta “, ha detto al Post. ” Ed è esattamente quello che è: lungo, sanguinoso e lento, ed è una lotta molto, molto difficile .” Cresce lo scetticismo sulla possibilità che l’Ucraina possa liberare più territorio. Ne scrive il tedesco Die Zeit nell’articolo analitico “And Autumn Comes”. ” La controffensiva ucraina, iniziata ben dieci settimane fa, sembra ora entrare in una fase decisiva, e finora l’esercito non è riuscito a sfondare le linee di difesa russe “, si legge nella pubblicazione. La pubblicazione scrive che ” negli ultimi giorni e settimane gli ucraini hanno notevolmente aumentato la pressione sulle truppe russe profondamente radicate “. ” Anche il fatto che l’Ucraina abbia recentemente trasferito al fronte tutte le brigate addestrate ed equipaggiate con l’equipaggiamento della NATO per l’offensiva in corso in Occidente indica un aumento della pressione” , scrive Die Zeit. Allo stesso tempo, la pubblicazione afferma che “ la mancanza di tempo per le truppe ucraine aumenta ”: “ L’Ucraina ha circa un mese e mezzo o due in più per una controffensiva, perché è allora che inizia il fango in una parte significativa il paese…. “

Secondo Die Zeit, ” un altro fattore che indica l’imminente raggiungimento del culmine dell’offensiva sono le risorse limitate dell’Ucraina “.

“ Attualmente, l’esercito del paese fa affidamento sul fuoco dell’artiglieria pesante e sull’avanzamento lento delle unità di fanteria. Avanzano verso le posizioni russe con veicoli blindati oppure percorrono chilometri a piedi. Questa tattica fa risparmiare attrezzature costose come i carri armati occidentali, ma porta a battaglie costose e a molte munizioni di artiglieria ”, si legge nel post.

“ L’Ucraina attualmente produce molti più proiettili di artiglieria che durante l’intera guerra. Il paese ha ricevuto molte munizioni all’inizio dell’offensiva, ma questo vantaggio sarà ridotto e entro l’autunno i russi avranno ancora una volta un chiaro vantaggio in termini di potenza di fuoco “, cita nella pubblicazione l’analista militare Rob Lee dell’Institute of Foreign Relazioni negli studi politici statunitensi.

L’inverno sta arrivando!

L’Ucraina ha ancora circa 60 giorni per fermare la controffensiva e iniziare a costruire le difese attorno a Kharkov, Odessa e Mykolaiv.

Sto prendendo in considerazione Mykolaiv a causa delle scarse prospettive difensive di Kherson se l’AFU dovesse restare fedele alla strategia attuale.

Da un punto di vista pratico, possiamo dire che la controffensiva è diventata semplicemente una stampella morale nelle discussioni sui social media.

Nonostante alcuni piccoli progressi, l’esercito ucraino non dispone di molti parametri cruciali per le capacità a medio e lungo termine, come la rotazione delle truppe, sufficienti munizioni di artiglieria, veicoli pesanti, sufficienti sistemi antiaerei e persino equipaggiamento personale.

Le Temps: l’arrivo dell’inverno complicherà seriamente la situazione dell’esercito ucraino

L’ufficiale delle forze armate ucraine Mikhail, in un’intervista al quotidiano svizzero Le Temps , ha affermato che l’arrivo dell’inverno complicherà notevolmente le operazioni militari delle forze armate ucraine.

“ La pioggia, il fango, la neve e la mancanza di vegetazione lasceranno esposti i nostri militari. Penso che allora tutto si fermerà e si congelerà “, ha detto Mikhail.

Ha chiarito che le prossime settimane saranno probabilmente decisive e crudeli, sia per lui che per il resto dei combattenti. (…..).

Zelenskyj deve sapere che nascondere il fallimento della controffensiva e le numerose vittime sta diventando sempre più difficile.

Fonte: El Espia digital

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Le FONTI mediatiche occidentali iniziano a riconoscere che la guerra non va come la Nato sperava

  1. interessante questo sito dei neocon / askhenazi israeliti , cita un giornale russo che dice che Zele manda a schiantarsi tutti gli ebrei per vednicare i pogrom ??? Come da prassi nel linguaggio cia bolla tutto “conspriacy theory” è dice la balla del SECOLO : “Le perdite russe sono il doppio del suo vicino” ….Capite perche non c’è ancora uno straccio di negoziato , un indizio di negozizione multi polare….Sono loro gli attizza fuochi! Sempre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM