Le famiglie yemenite chiedono giustizia per 34 morti negli attacchi di droni statunitensi

Due famiglie yemenite hanno presentato una petizione contro il governo degli Stati Uniti per l’uccisione “illegale” di 34 parenti, tra cui 17 bambini, negli attacchi americani.

Le famiglie yemenite hanno perso i loro parenti e le loro proprietà tra il 2013 e il 2018 in sei attacchi aerei di droni e in un raid di operazioni speciali condotto dalle forze americane, ha affermato il gruppo per i diritti umani Reprieve, che ha presentato la petizione alla Commissione interamericana per i diritti umani per conto delle persone e famiglie colpite .

“È stato affermato che i sette attacchi in questione hanno provocato l’uccisione illegale di almeno 48 persone, inclusi 17 bambini, e il grave ferimento di almeno altri sette, nonché la distruzione dei loro beni personali e dei mezzi di sussistenza”, ha detto la petizione citata da AFP giovedì.

La petizione ha mostrato che delle persone uccise 34 erano membri delle famiglie al-Ameri e al-Taisy, che chiedono alla commissione di fare pressioni sul governo degli Stati Uniti affinché prenda misure immediate per fermare ulteriori danni.

La revisione di tali file è spesso un processo lungo che può richiedere anni.

Secondo la petizione, il primo attacco mortale è avvenuto nel dicembre 2013 durante l’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama, quando un convoglio di cortei nuziali è stato preso di mira, causando la morte di almeno 12 persone, tra cui sette membri della famiglia al-Ameri e cinque persone provenienti da la famiglia al-Taisy.

Le restanti sei operazioni sono state tutte eseguite durante il mandato dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

“Quello che le famiglie sperano dalla commissione è innanzitutto il riconoscimento del danno che è stato loro fatto”, ha detto Jennifer Gibson, un avvocato di Reprieve, aggiungendo che avevano tentato più volte di coinvolgere Washington per fermare gli attacchi, ” eppure questi hanno continuato. “

Le tombe delle vittime della fusia omicida dei sauditi e americani sul paese

L’Arabia Saudita e alcuni dei suoi alleati regionali hanno lanciato una guerra devastante contro lo Yemen nel marzo 2015, con l’obiettivo di riportare al potere il governo dell’ex presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi, fedele alleato di Riyadh, schiacciando il popolare movimento Houthi Ansarullah. .

Più di 110.000 yemeniti sono stati uccisi dall’inizio della guerra, che ha distrutto gran parte delle infrastrutture del paese impoverito.

Almeno l’80% dei 28 milioni di abitanti dello Yemen dipende dagli aiuti per sopravvivere in quella che l’ONU ha definito la peggiore crisi umanitaria del mondo.

La brutale guerra ha distrutto o chiuso metà degli ospedali e delle cliniche dello Yemen, lasciando gli yemeniti impotenti soprattutto in un momento in cui hanno un disperato bisogno di forniture mediche per combattere la pandemia COVID-19.

Fonte: www.presstv.ir

www.presstv.co.uk

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 13:36h, 29 Gennaio Rispondi

    armi di distruzione di massa ?

Inserisci un Commento