"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le false accuse di antisemitismo, lo strumento del nuovo “maccartismo”

Come finire nella lista nera di un’organizzazione ipergovernativa filoisraeliana.
Il caso di Enrica Perucchietti. Un invito a non lasciar passare nessuna intimidazione di questo tipo.
Ne va della libertà di parola di tutti noi.

Enrica Perucchietti – autrice di “False Flag”

Redazione16 giugno 2017 megachip.globalist.it

di Enrica Perucchietti.

Con nota di Pino Cabras in coda all’articolo.

La caccia alle streghe continua. Il mio nome è finito nell’elenco dell’Osservatorio sull’Antisemitismo in quanto sarei “complottista”.

Sarei inoltre antisemita a causa del mio saggio False Flag (non se ne capisce il motivo).

È evidente che è in atto ed è sempre più violenta una campagna denigratoria e censoria volta a denigrare, censurare, distruggere, piegare chiunque non si allinei con il pensiero unico, il politicamente corretto e soprattutto il potere.

Io non ho mai parlato di “ebrei”, semmai ho parlato di personaggi come Soros, o dinastie come i Rothschild non in quanto ebrei ma in quanto addentro a certe dinamiche di potere, dove troviamo molti eminenti cristiani e musulmani loro pari.

Enrica Perrucchetti

Se parlo di Soros non è perché ebreo ma in quanto speculatore finanziario.
Se non concordo con alcune politiche di Israele, ciò non avviene in virtù di qualche mio spirito antisemita o perché io sia fascista (cosa che tra l’altro, a differenza di personaggi ben più famosi di me, non sono).

Di fatto non dovrei nemmeno stare qui a giustificarmi di non essere qualcosa che non sono, se non fosse che il mio nome è stato messo senza senso in mezzo a quello di altri colleghi.

Ed è inoltre un danno all’immagine, soprattutto ora che viviamo in una società sempre più fondata sull’immagine, sulla forma, sullo spettacolo.

È sempre più evidente che sta operando alla luce del sole la psicopolizia in stile orwelliano: ti spiano, leggono quello che scrivi o che pubblichi per poi metterti alla berlina.

Aspettano un tuo passo falso per  screditarti come dei parassiti che si nutrono del sangue altrui.
E se il passo falso non c’è, pazienza, basta accusare gli altri di “fake news” facendosi coprire le spalle dai potenti.

Se parli di gender sei omofobo, se contesti la maternità surrogata sei nazista, se attacchi Soros sei antisemita. Praticamente non siamo più liberi nemmeno di pensare.

Si svuotano inoltre i termini e li si riempiono con quello che vuole l Potere. Potere che vuole subissare ogni testa con i suoi contenuti.

Devi dire fare e pensare quello che il Potere vuole e illuderti di essere libero. Altrimenti dovrai vergognarti di esistere e verrai processato, additato, perseguitato e magari bruciato in pubblica piazza.
.
Siamo dentro la distopia di “1984” e forse ben oltre.

NOTA DI PINO CABRAS

Ho scritto la prefazione di False Flag di Enrica Perucchietti, il
libro che le ha guadagnato l’inserimento maccartista nell’indice dei
libri proibiti dell’Osservatorio sull’Antisemitismo, un’organizzazione
non governativa che tuttavia agisce come se fosse una organizzazione
ipergovernativa di emanazione israeliana. Né in questo libro, né in
tutta la pubblicistica di Enrica ho letto un solo rigo che sia
classificabile come antisemitismo. In altri suoi libri in qualche
passaggio ha parlato del Mossad, certo. Ma un osservatore dei fenomeni
politici internazionali contemporanei che non parlasse delle grandi
agenzie di intelligence e delle loro sinistre strategie sarebbe come
uno studioso di fauna africana che non nominasse mai un elefante.
L’accusa di antisemitismo è un silenziatore usato con zelo implacabile
per intimidire anche la minima critica a Israele, anche quella solo
potenziale, evidentemente. Più realisti del re.

Il dramma è che questa pratica maccartista ha poi un’eco sui grandi
gruppi editoriali, sempre più infastiditi dal fatto che stanno
perdendo influenza rispetto alle nuove fonti di cultura e
informazione, e dunque pronti a ogni più vigliacca “character
assassination”. E questo deve preoccupare.

La mia è una solidarietà piena e convinta a un’intellettuale brava e
onesta. Ed è anche un invito a non lasciar passare nessuna
intimidazione di questo tipo. Ne va della libertà di parola di tutti.

*

code

  1. Ubaldo Croce 6 mesi fa

    Assolutamente d’accordo con Pino Cabras.Strano
    che in Israele se la prendano così tanto.Non é
    che hanno la coscienza sporca?Altrimenti non saprei spiegarmelo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. leopardo 6 mesi fa

    La mia totale solidarietá ad Enrica Perucchietti che non conoscevo. Grazie a questo
    articolo compreró senzaltro il suo libro. Solo per il fatto che Enrica sia finita sulla
    lista dell´osservatorio giudaico, il suo libro merita di essere letto con attenzione
    perché evidentemente rivela veritá tanto scomode quanto inconfutabili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. annibale55 6 mesi fa

      Leggerò anch’ io i suoi scritti ora che è stata “marchiata”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 6 mesi fa

        E’ forse capace di leggere?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 6 mesi fa

          Io penso di si, è capace, visto che legge cosa scrivi, se legge te è capace di leggere tutto, e con il giusto atteggiamento.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio 6 mesi fa

    Ho letto tutti i libri di Enrica, e false flag è quello che reputo più morbido.
    Vai Enrica, è un riconoscimento essere in quella lista, stai disturbando qualcuno in alto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 6 mesi fa

      Ahhh! Per questo si esprime così, adesso mi è tutto chiaro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mardunolbo 6 mesi fa

    L’osservatorio sull’antisemitismo non è altro che emanazione della “anti defamation legue” quell’organizzazione con sede a New York, formata da ebrei accesi di razzismo , che stanno ad analizzare ogni possibile fonte antisemita, secondo una logica paranoica già evidenziata da altri ebrei che NON condividono affatto tale linea patologica e frutto di visioni distorte della realtà.
    Null’altro da aggiungere se non che condivido pienamente l’opinione di questi ebrei CONTRO la ADL !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Carlo 6 mesi fa

    Faccio fatica ad immaginare una studiosa e scrittrice più obbiettiva e meticolosa di Enrica Perrucchietti, avendo letto svariati suoi lavori. Questo fa solo capire a che punto siamo arrivati…
    Ma che poi mi sorge la domanda: anche se fosse questo il caso, noi esseri umani non siamo più liberi di avercela con qualcuno? non sono a favore di quelli che odiano per via dell’ignoranza (anzi li detesto), ma avercela con qualcuno a ragion veduta? (E riguardo ai soggetti in questione i motivi riempirebbero un’enciclopedia) Non si può più? (Certo con la generalizzazione di questi organi di potere nessuno risulterebbe senza “peccato”)
    Beh allora in che bel mondo del c**** viviamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ERNESTO PESCE 6 mesi fa

    NON C’E’ BISOGNO, NE’ PARZIALE, NE’ TOTALE SOLIDARIETA’ CON ENRICA PERUCCHIETTI. NON NE HA BISOGNO, PERCHE’ L’ATTACCO PROVIENE DA DICHIARATI SIONISTI. I SIONISTI DI OGGI SONO PEGGIO DEI NAZISTI DI ADOLF HITLER.
    MAO TSE TUNG HA DETTO “E’ BENE CHE IL NEMICO CI ATTACCHI, PERCHE’ ABBIAMO TRACCIATO UNA NETTA LINEA DI DEMARCAZIONE FRA NOI E IL NEMICO”
    ANCHE IO, DESIDEREREI LEGGERE CON ATTENZIONE QUESTO LIBRO DI ENRICA, CHE HA COLPITO AL CUORE I SIONISTI. PURTROPPO NON SONO NELLA POSSIBILITA’ DI PROCURARMI. SPERO CHEQUALCUNO MI PASSI PER VIA EMAIL

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ERNESTO PESCE 6 mesi fa

    False Flag di Enrica Perucchietti
    NON C’E’ BISOGNO, NE’ PARZIALE, NE’ TOTALE SOLIDARIETA’ CON ENRICA PERUCCHIETTI. NON NE HA BISOGNO, PERCHE’ L’ATTACCO PROVIENE DA DICHIARATI SIONISTI. I SIONISTI DI OGGI SONO PEGGIO DEI NAZISTI DI ADOLF HITLER.
    MAO TSE TUNG HA DETTO “E’ BENE CHE IL NEMICO CI ATTACCHI, PERCHE’ ABBIAMO TRACCIATO UNA NETTA LINEA DI DEMARCAZIONE FRA NOI E IL NEMICO”
    ANCHE IO, DESIDEREREI LEGGERE CON ATTENZIONE QUESTO LIBRO DI ENRICA, CHE HA COLPITO AL CUORE I SIONISTI. PURTROPPO NON SONO NELLA POSSIBILITA’ DI PROCURARMI. SPERO CHE QUALCUNO MI PASSI PER VIA EMAIL

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    Se vi mettete a leggere ora che finite il libro sarete circondati di zulu! Bisogna fare come quelle 3 DONNINE milanesi ” LA rivolta delle donne milanesi” che coraggio!!LA PIAZZA ci vuole LA PIAZZA!!!!! E subito ,altrimenti Sara troppo tardi.Gli EB… Quando le cose si metteranno male saranno I primi ad andarsene ,ormai il popolo LO SA chi sono I responsabili!!Sull’argomento digitate”l’ex campione di scacchi denuncia”video esemplare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    Fusaro Marxista ,perrucchietti UFO alieni ecc, Barnard che dice il potere EB… e’ una favola,Il giulietto nazionale che fa prima non ne parla,sono tutte finite opposizioni,poi se vi piace divorare il fieno come volete,ci vuole LA PIAZZA come le 3 Marie a Milano Stupende!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 6 mesi fa

      Alla fin fine che conta chi sono veramente Fusaro, Barnard, il giulietto nazionale quando l’unica cosa che conta VERAMENTE sei tu stesso? Certamente esistono le antipatie e le simpatie, non è che questi ti “svelano” il verbo… ti sta simpatico chi dice le cose che ti piacciono, ti piace sentire altri dirle, e quindi ti piace chi le dice, vale uguale all’opposto per quello che non ti piace, che NON VUOI SENTIRE, no?
      Se mi guardo attorno, ma proprio vicino, cominciando dalla famiglia, vedo questo continuamente, la gente percepisce il grande fratello, ma fatto qualche ragionamento conclude che poi non si sta così male.
      E allora altro che 3 Marie, qui nessuno si muove, mio marito un giorno ha detto ” i milioni di disoccupati dovrebbero mettersi pianta stabile nelle piazze, 24h a tempo indeterminato, e urlare per il diritto al lavoro che è pure il 1° articolo della nostra Costituzione, ne vedi uno? No. Tutti in casa, o a sfogarsi al bar, o davanti al computer, e io come faccio a dimostrare la mia solidarietà, che sarei con lui, scendo io in piazza per lui?”
      Che importa se il potere ha sempre avuto, o si è preso, i partiti avvocati di parte della classe lavoratrice in Parlamento? Ormai i parlamenti di questa plutocraziaebraicomassonicaeuropeaunitadeiderivati ha cancellato quest’avvocatura, e non vedo nessuno che si proponga seriamente all’orizzonte, complici ovviamente i media del potere, che ci lasciano grande corpo, immenso, senza testa… Chiamalo scemo il potere… Mentre il poveraccio che difende questa UE, questi plutocrati, lui si che è scemo, ma parecchio parecchio. Posso capire chi dice non posso fare niente, non ho mezzi economici per contare qualcosa, ma dover vedere il condannato difendere il suo boia, è questo che lascia di stucco!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Unoqualunque 6 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Tania 6 mesi fa

    “LIsta dell’osservatorio giudaico”?

    Capiamoci bene, finire in questa lista (stilata da persone così per bene come gli ebrei, che tutti li amano, quindi si presuppone siano buoni, umani, dolci, misericordiosi, generosi, altruisti, visto che sono amati da tutti, no?) non penso devo intenderlo come finire nella lista di una dittatura spietata, nazifascista hitleriana polpottiana cilena ammariccana, no?
    Devo intenderlo come un diletto personale degli ebrei, che però nei fatti si dimostrano sempre più lontani dal contesto civile mondiale, QUINDI paturnie loro, e quindi CHI SE NE FOTTE delle loro liste, ma ne facciano quante gliene pare, ma vadano a quel paese, dementi psicopatici. Cosa vogliono dai “gentili? Si mettano tranquilli, stanno veramente cominciando ad esagerare, poi nessuno li sopporterà più, ovvio il perché! Ma quanto sono antipatici gli ebrei? Io comincio a non reggerli più, chi ha amici ebrei prego, ci dica quanto è “democratici” questo “popolo eletto”… un popolo che si autodefinisce “eletto” ma che roba è? “noi e gli “altri”, i “gentili”…
    Ma si vergogni! O dobbiamo cominciare seriamente a pensare di DOVERCI DIFENDERE da chi dice una roba simile, che è indice di un notevole scompenso psicologico, parliamoci chiaro!
    Se il Lussemburgo si sveglia una mattina decidendo di stilare la lista dell’osservatorio lussemburghese, devo preoccuparmi?
    Cosa significa quando un popolo scrive “liste”?…
    Che schifo gli ebrei, ogni giorno si rendono sempre più insopportabili. Ma mangiano cioccolata? Forse farebbero bene a farlo…
    E brucino quel libro che a quanto pare li rende delle belve… altro che il Corano… fanatismo ebraico e fanantismo islamico: che gara…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 6 mesi fa

      Adesso davvero divento cattiva e mi arrabbio per davvero! Questi “ebrei” che stilano liste, perché le stilano? Cosa succede a chi ci finisce dentro? ADESSO CE LO DEVONO DIRE, CHIARO?
      Se è un gioco, giochino pure questi fanciulletti, se però non è un gioco loro personale, ma qualcosa che può essere pericoloso per chi ci finisce dentro, ne pagheranno tutte le conseguenze, chiaro?
      NAZISTI!
      Adesso ci devono dire cosa hanno in quella mente bacata che si ritrovano!
      Gli ebrei sono la fogna nera del genere umano, si sbianchino un pochino, lo facciano per il loro bene ed il nostro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Tania 6 mesi fa

    Voglio fare una domanda agli ebrei, mi rispondano.
    Perché quando parliamo degli ebrei diciamo”voi”. Mai “noi” , solo “voi”.

    Tutto nasce da “popolo eletto” e “goyim”… gli ebrei nascono così, distinguendosi dagli “altri”, non mi sembra un buon inizio.

    Perché dalla vostra apparizione sul pianeta avete preteso di distinguervi da noi? In cosa siamo diversi? E come intendete questa diversità? Giusto per poterci regolare…
    Cominciate a parlarte chiaro, sempre che ne siate capaci, che non mi sembrate per nulla persone sincere: millenni di menzogne!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Tania 6 mesi fa

    Per me, atea dichiarata, un papa CRISTIANO cattolico che “apre” agli ebrei che hanno ASSASSINATO proprio colui che ha costruito la Chiesa di cui è re, è una BESTEMMIA, una vergogna senza scusanti, uno SCHIFO! Questo papa è un traditore del suo stesso Dio, c’è da rimanerne sbalorditi, disgustati!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Giorgio 6 mesi fa

    L’unico che dovrebbe essere “attenzionato” dai sionisti è Daniele Simonazzi, tutti gli altri sono spari alle ombre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. lister 6 mesi fa

    Dice:
    “[…] se attacchi Soros sei antisemita.”
    Ma, ciò che è divertente, il plutocrate ebreo Soros odia Israele…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    Grazie Giorgio ha ragione e difatti se fossi li mi tapperei il becco ,ma qui mi sento protetto ho I miei khmer rouge ,lontano troppo lontano anche per ZOG appunto per questo altro bel video digitate” l’ex campione di scacchi denuncia” IMMENSO da non perdere!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Tania 6 mesi fa

    Avrei un altra domanda per gli ebrei, questa :
    Se 7 miliardi di persone decidono di diventare ebrei che succede?
    Lo chiederò materialmente al 1° ebreo con cui ho occasione di parlare, intanto se qualche ebreo volesse rispondere. grazie anticipatamente.
    Ma è vero che gli ebrei sono vagabondi matricolati, non hanno voglia di lavorare, fanno lavorare gli altri per loro, parassiti cosmici, bugiardi, egoisti?
    Questo lo devo chiedere a chi vive a contatto stretto con gli ebrei. Maledizione, non ne conosco uno!
    Conosco non certo personalmente quel lurido essere viscido di Gad Lerner, che altrimenti gli direi quanto mi disgusta, se gli ebrei sono tutti così, stiamo all’erta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 6 mesi fa

      Conosco molto bene l’ambiente per motivi di lavoro essendo io cristiano,e veramente e’ bello essere cristiani.Tania,non farti ingannare e non confondere gli ebrei con isionisti,molti ebrei non sono sionisti mentre esistono molti cristiani ignoranti e deviati che mandano avanti il sionismo anche inconsapevolmente.Gli ebrei del popolo,come li chiamo io ,sono i primi ad essere ingannati dal lo stesso clero .Nelle sinagoghe si predica il talmud o lo zohar o gli insegnamenti della cabala e la legge mosaica e’ stata dimenticata forse da secoli ormai.Gli ebrei del popolo sono convinti che questo sia corretto esattamente come i cristiani che seguono i finto papa o gli islamici wahabiti,sono semplicemente caduti in un inganno.La sindrome dell’accerchiamento per gli ebrei completa il quadro.Cara Tania non ti precludere la comprensione di qualcosa che vuole danneggiare tutti.Le persone di buona volonta’ sono veramente poche nel mondo.Cordialmente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    E’ una vergogna che siano 3 donne ( di cui una in cinta)ad andare in piazza ,gli “uomini ” dove sono ?E poi ci si laments delo ius soli ,meglio dargli pieni diritti appena toccano Terra col gommone subito ITALIANI ohhh cosi’ si fa! Cosi’ LA finiamo una Volta per tutte non esisteranno piu’ gli Italiani e se lo saranno meritato.Per ll resto non espontevi troppo quel popolo LA e’ vendicativo ,vi penso io gia abbastanza ,ho I miei Khmer come security per buona pace di ZOG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    Le rispondo io Tania anche se non sono EB… (Per fortuna):o che vi nasci oppure non puoi ,puoi seguire l’ebraismo come religione ma non sarai mai uno dei loro,almeno avere un parente stretto oppure nisba ,razzisti al100% e poi accusano gli altri di esserlo ,ma lasci stare, ripeto meglio star lontano dal diav..,sull’argomento c’e’ il mitico Don Curzio Nitoglia un eroe dei nostri tempi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 6 mesi fa

      La ringrazio per la risposta, l’unico grande vero peccato è che questo sito non lo leggono 7 miliardi di persone!
      Escludo naturalmente quella piccola fetta di rettili dall’aspetto finto umano che hanno uffici nei piani alti dei grattacieli di NY , della City, e quella grande sede legale, dislocata, che è ISRAELE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. the Roman 6 mesi fa

    L’ accusa di antisemitismo e’ pretestuosa e strumentale. La cupola di potere si serve di essa come uno scudo, che con il complice avallo delle istituzioni, consente ad una esigua minoranza uno status privilegiato. Credo che il modo migliore per controbattere questo anatema sia di demolirlo dialetticamente, evidenziano l’ illogicita’ e la totale illegittimita’. Opporsi alle consorterie , alle confraternite, ai cartelli , in sostanza alle mafie, la cui affiliazione e’ basata sulla comunanza etnica e religiosa, non e’ assimilabile a persecuzione etnica. L’ ebreo non e’ colpevole a prescindere, ma allo stesso modo non e’ sacro per definizione. Molti uomini coraggiosi come Gilad Atzmon, Finkelstein, Menhuim, Bobby Fisher, ebrei, hanno denunciato apertamente le manipolazioni dei suprematisti, rinunciando ai privilegi derivanti dall’ appartenere al gruppo etnico piu’ potente del pianeta, finendo per essere perseguitati da quel potere , che per il solo fatto di essere ebrei , li pretendeva allineati con le direttive della cupola. La cupola internazionale ebraica , la kelillah, non differisce di molto dalle omologhe sinarchie criminali dell’ aerea mediterranea, siano esse siciliane, turche, corse o albanesi ; tali organizzazioni fanno della cooptazione su base etnica e dell’ omerta’ , le fondamenta di un ordine che puo’ elevare persone di nessun valore a posizioni prestigiose, e distruggere chi non e’ ossequiente. Non a caso, negli Usa dove pur esiste una maggiore liberta’ di espressione, sono molti che si riferiscono a questo potere definendolo mafia kazhariana., sottolineando che gli aschenazi, ovvero gli ebrei dell’ europa orientale, discendono dai kazhari convertiti al giudaismo nel 1000 A.D.
    In conclusione , l’ accusa di antisemitismo e’ impropria, insensata e fondamentalmente disonesta’ , perche’ basandosi sulla insindacabilita’ derivante da una particolare appartenenza etnica, esige l’ astensione di ogni criticismo rivolto ad individui o gruppi che per la mera appartenenzia ad un etnia rivendicano uno status privilegiato. E’ del tutto legittimo essere convinti di essere degli ” eletti” , e’ odioso e suscita irritazione , ma rientra nella sfera della liberta’ di opinione. Pretendere di essere trattati in accordo con questa autoattribuita superiorita’ , e’ invece un abuso. E come tale va denunciato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Tania 6 mesi fa

    Gli ebrei sono quelli della puttanata “questa terra è nostra perché ce lo ha detto Mosè”.
    AH BEH, ALLORA….

    Mi sembra di sognare.

    Che proprio volendo puntualizzare, o fare la gnorri, chiedo fintoingenuamente : chi è Mosè? Chi lo conosce? Qualcuno va a cena con Mosè? Tu lo conosci? Io no.
    Ma chi se ne fotte di quello che ha detto sto tipo! E’ uno che si fa vedere spesso in giro?
    No, è morto più di 3400 anni fa.
    Per caso mi stai prendendo per i fondelli? Tu mi parli di “diritti” (?!?) detti da uno squinternato morto da più di 3400 anni? Ma sei a posto con il cervello?
    Qualcuno ha il numero della neuro che ci sono questi strani tipi con cappellaccio nero, vestito nero, (corvacci), e ricciolini, piuttosto bruttini di lineamenti che dicono cose alquanto bizzarre, dicono che c’è della terra di loro proprietà che però non è affatto di loro proprietà, pare che un certo Mosè gliel’abbia promessa, nemmeno venduta, o regalata, no, no, solo “promessa” 3400 anni fa…

    come la mettiamo?

    Una visitina al cervello dite che ci stà?

    Se gli ebrei non avessero l’esercito americano sguinzagliato, cane libero, appena parlano il mondo sarebbe piegato in due dalle risate per ciò che riescono a dire, sono dei veri mattacchioni, il fatto è che sono PAZZI ed ARMATI, avete presente un pazzo con un arma in mano? Ecco, appunto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Tania 6 mesi fa

    Ma se esiste un pericolo reale per l’umanità, è giusto cercare di renderlo inoffensivo si o no????????????????
    E’ assurdo sostenere, tifare, per il boia, porca della miseria!
    Capito, francesco?
    Il momento topico è quando stai male e finalmente si trova la causa, per agire.
    Gli ebrei quelli della cupola, quelli del simbolo degli illuminati sul dollaro, sono il male oscuro che sta uccidendo il pianeta, bene, ora lo sappiamo, sappiamo la causa del cancro, DIFENDIAMOCI, curiamoci, per la miseria! Basta con le loro banche, questo prima di tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    E’ vero c’e’ anche controinformazione e tanti altri siti,io punto al 2017sara’ un onore gradirei anche una moka ,di
    caffe Khmer sono esausto.the roman lei e’ troppo per bene ,questi qua hanno inventato I gulag ci considerano animal I col dono della parola ma e’ inutile avranno sempre ragione loro sono I padroni del discorso con tutti i lacche e I venduti per 2euro alla TV ,e’ una guerra persa ,adesso poi vi sono le ferie meglio che venite qui da me relax and cheap no Jew no immigrant .Kop kun kaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Tania 6 mesi fa

    Non è l’umanità che deve dimostrare empatia per gli ebrei visto che l’ha già ampiamente dimostrato, sono gli ebrei gli schizzinosi che sdegnosamente si isolano!
    Dimostrino, e SUBITO, di non sentirsi “diversi”, nel senso di “eletti2, scendano dal pero, che se non fossero tanto armati farebbero solo pena…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Renè 6 mesi fa

    Questo “osservatorio …” ricorda la famigerata ADL ammerikana, la “lega anti diffamazione” che naque per difendere un ebreo che aveva violentato ed ucciso una ragazzina americana.
    Ancora oggi esiste questa ADL che vive parassitando gli stessi ebrei, inventandosi episodi di antisemitismo mai successi per avere in cambio ricche donazioni, a questo proposito c’è un divertentissimo film: “Defamation” del regista israeliano (100% kosher) Yoav Shamir.
    Sull’argomento ci sono i due indispensabili testi di Alexander Solgenitzin “Due Secoli Insieme”, ma penso che qui li conoscano quasi tutti, trattano della dittatura comunista in Russia, o meglio: della dittatura ebraica contro il popolo russo cristiano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Daniele Simonazzi 6 mesi fa

    Grazie per la chicca Unoqualunque : non gli scappa niente a ZOG,ma me lo aspettavo dai tempi della CECA e del KGB questi schedano tutti e’ l a loro ragion d’essere altrimenti non si sarebbero preservati nei millenni,spie Nate e’ nel loro DNA nessuno sorpresa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace