Le eterne guerre USA in Medio Oriente


di Stephen Lendman

Gli iracheni hanno sofferto di aggressioni dirette e indirette dagli Stati Uniti dall’orchestrata guerra Iran / Iraq organizzata da Jimmy Carter negli anni ’80.

Otto anni di sanguinosi combattimenti produssero una situazione di stallo. Poi è arrivata la Guerra del Golfo del 1991 di GHW Bush in Iraq, seguita da anni di sanzioni genocide, l’aggressione di Bush II / Cheney del 2003 e le sue conseguenze violente / caotiche fino ai giorni nostri.

La guerra degli Stati Uniti in Siria è in corso da quasi nove anni senza alcuna prospettiva di soluzione a breve termine perché i militanti bipartisan di Washington rifiutano la pace e la stabilità in tutti i teatri di guerra degli Stati Uniti: infinite aggressioni e caos al servizio dei loro obiettivi imperiali.

Gli iraniani hanno lunghi ricordi, ben consapevoli dei disegni imperiali statunitensi sul loro paese, a partire dal secondo dopoguerra con l’Operazione Ajax nel 1953, il primo colpo di stato a Teheran organizzato dalla CIA.

In qull’anno Washington aveva sostituito il primo ministro democraticamente eletto, Mohammad Mosaddegh, con una generazione di tirannia totalitaria, quella dei Pahlavi.

La rivoluzione iraniana del 1979 aveva ripristinato l’indipendenza sovrana del paese, libera dal controllo degli Stati Uniti, che hanno mirato al cambio di regime da allora fino ad oggi.

La maledizione del petrolio e la rabbia degli Stati Uniti per il controllo di queste risorse hanno fatto ribollire il Medio Oriente, sono infuriate le guerre per le risorse del nuovo millennio, un grande gioco geopolitico dei nostri giorni.

Il petrolio è la merce più apprezzata. Controllarlo consente il controllo sulle nazioni, come aveva spiegato Henry Kissinger.

I paesi del Medio Oriente hanno circa la metà delle riserve accertate del mondo. A novembre, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha annunciato la scoperta di un nuovo giacimento petrolifero che contiene circa 53 miliardi di barili di greggio.

Il 24 dicembre, Press TV ha riferito che la “National Iranian Oil Company (NIOC) prevede di annunciare la scoperta di un nuovo giacimento petrolifero nella provincia del Khuzestan prima della fine dell’attuale anno persiano nel marzo 2020” – la seconda grande scoperta nei passati due mesi.

Base USA in Iraq a Kirkush

A ottobre, il NIOC ha affermato che un campo di gas su larga scala è stato scoperto nel sud dell’Iran.

L’anno scorso, il capo dell’esplorazione iraniana del NIOC, Saleh Hendi, ha dichiarato che sono stati scoperti 35 – 40 sacche di idrocarburi che necessitano di sviluppo, affermando:

“Ora siamo al primo posto nel mondo per le riserve di petrolio e gas”. All’inizio di questo mese ha affermato che il petrolio e il gas saranno probabilmente scoperti in 12 nuove aree, cinque prioritarie, altre sette in fase di valutazione per il loro potenziale.

Tutto quanto sopra è il vero motivo per cui gli Stati Uniti cercano disperatamente di riprendere il controllo del paese, oltre a desiderare un rivale israeliano trasformato in uno stato vassallo americano, facendo avanzare l’obiettivo di Washington per il dominio regionale, lo stato ebraico come suo partner minore in Medio Oriente.

Domenica, aerei da guerra statunitensi hanno bombardato i siti terroristici in Iraq e Siria. Ha seguito un attacco missilistico, uccidendo un appaltatore militare privato americano su una base dove truppe del Pentagono hanno sede vicino a Kirkuk, in Iraq, ferendo il personale militare americano.

L’Iran non ha nulla a che fare con quello che è successo. Gli Stati Uniti hanno accusato i militanti iracheni di essere falsamente legati all’Iran.

A metà dicembre, Pompeo incolpava falsamente l’Iran per i precedenti attacchi missilistici sulle basi del Pentagono in Iraq, minacciando ritorsioni se il personale e gli alleati degli Stati Uniti fossero uccisi o feriti.

Nessuna prova collega l’Iran ad azioni regionali ostili: le azioni di “false flag”, specialità in cui eccellono gli statunitensi, NATO, israeliane, saudite, degli Emirati Arabi Uniti, insieme a delegazioni terroristiche che sostengono.

A seguito degli attentati terroristici di domenica, una dichiarazione del Pentagono incolpava “gli attacchi di Kata’ib Hezbollah (KH) alle basi irachene che ospitano” truppe statunitensi.

Milizie sciite di Hashd al-Shaabi

Il gruppo paramilitare sciita fa parte delle forze di mobilitazione popolari irachene che operano con le forze armate del paese.
Le strutture di deposito delle armi, insieme alle posizioni di comando e controllo delle formazioni sciite, sono state colpite dall’aviazione USA.
Secondo le autorità di Baghdad, circa due dozzine di combattenti della milizia sciita sono stati uccisi, dozzine di feriti in più.

In risposta, secondo quanto riferito, Kata’ib Hezbollah ha lanciato missili contro il campo di Taji, dove hanno sede le forze armate statunitensi.

Secondo l’agenzia di stampa irachena, il presidente iracheno Barham Salih ha condannato gli attacchi aerei della domenica negli Stati Uniti sul paese.

Così ha fatto il primo ministro iracheno Adil Abdul-Mahdi, dicendo: “Bombardare le basi del PMU (Popular Mobilization Units) è un aggravamento pericoloso che mette in pericolo la sicurezza dell’Iraq e della regione”.

Secondo quanto riferito, il governo di Baghdad ha ordinato al Comando delle operazioni congiunte dell’Iraq di impedire le operazioni aeree e terrestri nel paese senza l’approvazione di Baghdad.

Kata’ib Hezbollah ha rilasciato una dichiarazione affermando che gli attacchi aerei del Pentagono “trascurano (ed) e umiliano (ed) la sovranità e l’onore della nazione irachena”, aggiungendo:
Hanno ucciso e ferito “i nostri figli che stavano difendendo il confine occidentale del nostro paese”, invitando Baghdad a “prepararsi per una nuova pagina (di) onore e dignità” espellendo le forze statunitensi dal paese.
Il gruppo iracheno Asaib Ahl al-Haq, affiliato alla PMU, ha denunciato “l’attacco codardo (USA)”.

Il responsabile di Asaib Ahl al-Haq, ha chiesto di “porre fine alla presenza militare (di Washington) in Iraq … con ogni mezzo necessario prima che questa duri più a lungo”.
In precedenza, il blocco della coalizione Fatah nel parlamento iracheno aveva chiesto la fine dell’occupazione americana del paese.

Il vicepresidente Hasan al-Kaabi ha dichiarato che è stata redatta una legge per porre fine al cosiddetto accordo di sicurezza di Baghdad con Washington, una misura per forzare il ritiro delle sue truppe. (Tutte notizie nascoste dalle fonti occidentali che fanno credere che le truppe USA siano in Iraq per combattere l’ISIS in accordo con il governo di Baghdad).

Il parlamentare del blocco di Fatah Falih Khazali ha definito l’incidente dei bombardamenti terroristici del Pentagono di domenica “una dichiarazione di guerra (USA) chiara con l’Iraq”.

Il maggiore dirigente politico / politico Ammar al-Hakin ha denunciato il raid americano come una flagrante violazione della sovranità irachena e dell’accordo di sicurezza con gli Stati Uniti.

La stampa ha riferito che il regime di Trump ha ritirato dozzine di personale americano dalla sua ambasciata di Baghdad.

Il segretario alla guerra americano Mark Esper ha erroneamente definito l’aggressione di domenica “attacchi aerei difensivi”, affermando che sono stati condotti da aerei da guerra F-15 .

Pompeo ha ignorato la realtà, dicendo che sono stati portati avanti “in risposta alla minaccia contro le forze americane (da) la Repubblica islamica” – minaccia fatta da nessuno.

Kata’ib Hezbollah è una forza paramilitare sciita irachena non collegata a Hezbollah in Libano.
L’incidente di domenica è un’ulteriore prova della minaccia rappresentata dalla presenza delle forze statunitensi ovunque si trovino.

Un commento finale

Mesi prima, i gruppi antiterroristici iracheni Kata’ib Hezbollah e Asaib Ahl al-Haq hanno chiesto resistenza contro la presenza delle forze statunitensi nella regione a causa della minaccia che pongono alla pace e alla stabilità.

Kata’ib Hezbollah ha affermato che il termine “sponsor statale del terrorismo” descrive il modo in cui Washington opera, non lasciando altra scelta che resistere alla sua presenza regionale.

La leadership del gruppo ha espresso solidarietà con l’Iran a causa dell’inaccettabile terrorismo economico statunitense che sta danneggiando la nazione e il suo popolo.

Separatamente la scorsa settimana, Jabbar al-Ma’amouri, capo dell’unione dei clerici musulmani , con base in Iraq, ha dichiarato che il regime di Trump ha fatto pressioni su Baghdad per bloccare il valico di frontiera Mandali con l’Iran “perché dovuto alla sua importanza per …i legami commerciali ed economici” tra i due paesi.

Nel periodo di 12 mesi che termina il 20 marzo 2019, il commercio non petrolifero tra i due paesi è stato di circa $ 10 miliardi, ha dichiarato, aggiungendo:

Da gennaio a luglio 2019, il giro d’affari è stato di circa $ 6 miliardi. Iran e Iraq sono alleati. Gli Stati Uniti mirano a minare i loro legami politici ed economici.

Nota: Il ruolo distruttivo della presenza USA in Medio Oriente è ormai chiaro e lampante per tutti.

Fonte: Stephen Lendman https://stephenlendman.org/2019/12/us-middle-east-forever-wars/

Traduzione e nota: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code