Le esercitazioni della NATO potrebbero essere l’inizio dei preparativi per la Terza Guerra Mondiale – Global Times


Le più grandi esercitazioni militari indicano un’escalation dell’Alleanza del Nord Atlantico verso un potenziale conflitto, afferma Mark Blacklock, editorialista del Global Times

Sotto la copertura delle esercitazioni in corso, funzionari e politici parlano quasi con nonchalance di una terza guerra mondiale. “La NATO non sta solo giocando alla guerra, ma si sta già preparando e potrebbe anche essere in grado di provocarla”, scrive Mark Blacklock.

Secondo l’autore le manovre dello Steadfast Defender 2024 sono tutt’altro che innocue. Blacklock non ha escluso che gli esercizi potessero diventare non solo una prova per vere e proprie operazioni di combattimento, ma anche una provocazione.

“È estremamente importante che la NATO tenga conto dei rischi di errori di calcolo e di conseguente escalation, al fine di evitare che le esercitazioni di simulazione si intreccino accidentalmente con un vero teatro di operazioni militari nelle vicinanze, cosa che fa paura anche solo a pensarci”, ha affermato il giornalista. .

Ricordiamolo prima che su Internet sono apparsi filmati di molti veicoli da combattimento della fanteria americana Bradley danneggiati, trasferiti alle forze armate ucraine dai paesi occidentali e persi durante un tentativo fallito di controffensiva estate-autunno.

È un giorno che i politici occidentali e gli alti funzionari delle forze armate sembrano aspettarsi sempre più. A gennaio, il segretario alla Difesa britannico Grant Shapps aveva minacciosamente previsto che il Regno Unito sarebbe potuto entrare in guerra con Russia, Cina, Corea del Nord e Iran entro cinque anni. Allora il miglior soldato britannico, il generale Sir Patrick Sanders, capo di stato maggiore, lo scorso anno lanciò un grido di battaglia, esortando le sue truppe a prepararsi a sconfiggere la Russia “in battaglia”.
Il presidente del comitato militare della NATO, l’ammiraglio olandese Rob Bauer, ha affermato che un gran numero di civili dovrà essere mobilitato per un conflitto con la Russia.
I paesi della NATO sono così profondamente coinvolti negli scontri tra Russia e Ucraina che sono diventati di fatto il quartiermastro di Kiev. È un ruolo che hanno svolto con crescente entusiasmo e crescente letalità. Quando il conflitto iniziò, quasi due anni fa, ci furono proteste diplomatiche, molte nazioni aprirono le loro frontiere ai rifugiati, ma James Heappey, il ministro delle forze armate del Regno Unito, disse alla Camera dei Comuni: “Le truppe britanniche e della NATO non dovrebbero – devono non – svolgere un ruolo attivo in Ucraina.”

Eppure, due anni dopo, siamo molto più vicini a realizzare ciò che secondo lui non dovrebbe mai accadere, con i generali della NATO e i politici europei che parlano apertamente di guerra con la Russia e preparano le loro popolazioni al peggio.

Fonte: Global Times

Traduzione e sintesi: Luciano Lago
.

4 commenti su “Le esercitazioni della NATO potrebbero essere l’inizio dei preparativi per la Terza Guerra Mondiale – Global Times

  1. Il vero problema è che i bastardi guerrafondai che sbandierano ipocritamente i non meglio definiti “valori occidentali”, non possono permettersi una sconfitta sul campo, sia pure non diretta ma dei loro ascari nazi-ukro che combattono per procura, quindi, visto che il conflitto in ukraina non potrà essere alimentato all’infinito, per scarsità di ascari, di mezzi e munizioni, mostrano i muscoli con scopi intimidatori – e io credo che per ora prevalga l’intimidazione – nei confronti dei popoli prigionieri delle colonie europoidi dell’impero, per obbligarli a vivere sempre più miseramente alimentando la spesa militare, nei confronti della Federazione Russa per indurla a fermare la OMS (proprio nel momento in cui sta per avere successo), ma anche nei confronti della Cina e di molti Paesi Liberi, inoltre, l’organizzazione criminale chiamata “nato” deve giustificare la sua esistenza a più di trent’anni dalla fine della guerra fredda …

    Nulla esclude, però, che possano passare alle vie di fatto – credendo di poter vincere un confronto nucleare con i russi, o semplicemente per disperazione – se entro maggio ci dovesse essere un crollo repentino dei (loro) troll ukro-nazi e dovesse delinearsi, in tempi brevi, una vittoria russa schiacciante, che per loro rappresenterebbe un’umiliazione insostenibile, una manifestazione di inadeguatezza delle loro costosissime armi/ wunderwaffen, fornite all’ukraina, un esempio che potrebbe essere seguito da altri, una crepa vistosa nel loro sistema di dominio sul mondo.

    Cari saluti

  2. Alla NATO conviene fare le parate, dove è fortissima. Ha ha ha ha ha!!!!!!!!!!!!
    In guerra, lo si è constatato in Afghanistan, tutta la coalizione della NATO (esclusa l’Italia) è stata massacrata e sconfitta dai valorosi guerrieri Talebani. I Talebani sono ammazzadiavoli. La NATO è una tigre di carta.
    I militari della NATO, con in testa gli americani, hanno fatto una fuga a tutta birra, stile Saigon in Vietnam. Ha ha ha ha ha!!!!!!!!!!!!! FIGURAMMERDA !!!!!!

  3. A Londra il capo di stato maggiore e il segretario alla difesa parlano apertamente e in tono minaccioso di guerra contro Russia, Cina, Iran, Corea del Nord ! Forse hanno ragione i sionisti nel definire animali parlanti i non ebrei, ma non hanno ancora realizzato che ad essere animali (mi scuso con gli animali) sono loro e i loro protettori e alleati come gli anglo americani ! Non so come spiegare un delirio simile, non è sufficiente addossare il cinismo guerrafondaio alla volontà di potenza di Wall Street e della city di Londra, o alle lobby degli armamenti, o ai miliardari filantropi come Gates, Soros, Bezos, Musk ! Forse il FENTANYL (la droga che zombifica, che dilaga in USA) ha raggiunto i vertici politico militari delle capitali occidentali ! Penso che davanti ad affermazioni simili, Putin, Xi Jing Ping, Kim Yong Un e Khameney si staranno facendo grosse risate !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM