Le elite vogliono un governo mondiale che controllano

JEA: Il mio caro amico e collega Mark Dankof lo ha fatto di nuovo. Di recente ha preso per le corna l’ideologia del Nuovo Ordine Mondiale e l’ha esposta per quello che realmente è. Dankof è stato un combattente nella guerra culturale per un po’ di tempo ormai, e il suo recente articolo sul Tehran Times merita di essere letto e riletto.

D: Qual è l’obiettivo degli Stati Uniti di eliminare i siti di notizie iraniani, oltre a quelli yemeniti e iracheni?

R: È chiaro che il governo degli Stati Uniti ha intrapreso un’azione contro Press TV e questi altri canali perché tre cose sono risultate dalle loro operazioni di trasmissione ritenute intollerabili dai responsabili politici americani e dai loro alleati nei media mainstream e nei conglomerati dei social media:

L’esposizione del grado di controllo dei neoconservatori sionisti e della lobby israeliana su ogni ramo del governo e dei media americani;
L’esposizione del pantano delle infinite operazioni militari americane in Medio Oriente (Asia occidentale) che sono state un abissale fallimento e che si basano su un pacchetto completo di bugie utilizzate per giustificare l’ingiustificabile in Iran, Iraq, Afghanistan, Libia, Siria, Palestina, Gaza, Libano e Ucraina;
L’esposizione dell’esistenza di dissidenti informati e articolati da queste politiche riprovevoli alle due estremità dello spettro politico sia negli Stati Uniti che in Europa.
Press TV è stata particolarmente efficace nel portare informazioni e analisi al pubblico e ai lettori di lingua inglese non disponibili altrimenti nei media americani e occidentali. L’impero americano trova questo intollerabile, sia nello smascheramento delle sue menzogne ​​su Iran, Palestina, Siria, Ucraina, Russia, Venezuela e Colombia e Cina di Putin, sia nelle divisioni che si sviluppano nella società americana sulla politica estera dell’impero, la sua gestione del economica e una crescente polarizzazione del pubblico su temi culturali e sociali che non possono più essere nascosti.

Punti diffusione come Press TV minacciano questo programma e questa mentalità totalitaria. Questa è la ragione dei tentativi di distruggere il suo raggio d’azione.

Sono d’accordo con ciò che il dottor Ahmad Ali-Akbari ha detto a Ekaterina Blinova di Sputnik International il 23 giugno quando ha definito gli appelli di Washington per la libertà di parola un “tessuto di bugie”.

D: Le potenze occidentali cercano sempre di dipingere l’Iran e l’asse della resistenza come anti-libertà. Ora hanno lanciato una campagna di propaganda sostenendo che il presidente eletto iraniano è un intransigente. Come possono giustificare questo paradosso mentre mettono al bando i media iraniani?

R: Non possono giustificare plausibilmente il paradosso. In realtà, se fossi stato iraniano, avrei votato per un “duro”. Nessun altro voto ha alcun senso.

Rouhani ha negoziato in buona fede con l’Occidente su JCPOA/P5+1. Il risultato è stato il ritiro unilaterale americano dall’accordo, l’imposizione di sanzioni economiche draconiane all’Iran per aver rispettato i termini dell’accordo, gli omicidi di Soleimani e Fakhrizadeh e la pubblica rivendicazione di questi crimini da parte del 45esimo presidente del Stati Uniti e Mossad, rispettivamente.

L’attuale amministrazione americana è di proprietà del monolite sionista quanto la precedente. L’Iran starà semplicemente seduto e permetterà la propria distruzione? Ovviamente no.

Guardie delal Rivoluzione Iraniana

D: In che modo i media americani-sionisti modellano gli stereotipi nella mente del pubblico occidentale?

R: La strategia a lungo termine è sempre stata quella di rappresentare gli Stati Uniti e Israele come fari di luce nel mezzo dell’oscurità e della repressione islamica jihadista. Questo sta diventando più difficile da sostenere proprio perché organi come Press TV hanno quotidianamente denunciato crimini americani e israeliani a Gaza, Palestina, Gerusalemme Est, Iran, Siria, Ucraina, Iraq, Afghanistan, Venezuela e Colombia, tra gli altri. Ancora più significativamente, il costo di questi miserabili sforzi dell’impero sta mandando in bancarotta gli Stati Uniti economicamente e politicamente, e in realtà sta indebolendo un esercito americano in termini di eccessiva estensione di quest’ultimo e di sprechi nelle guerre di occupazione e controinsurrezione a spese della modernizzazione delle armi attraverso la ricerca e l’approvvigionamento.

Clinton & Soros dietro la campagna contro la Russia

Tanto per fare un esempio, lo sviluppo e l’acquisizione russi di missili ipersonici hanno reso obsoleto il modello di proiezione di potenza basato su portaerei della Marina degli Stati Uniti, ad una piccola frazione del costo. L’equilibrio delle forze politiche e militari si sta spostando contro gli Stati Uniti e l’Occidente verso la Russia e la Cina a vantaggio dell’Iran. Ecco perché l’isteria retorica zio-americana verso tutti e tre è in rapido aumento. Le azioni TV anti-stampa del governo americano, insieme a Google, YouTube, Facebook, Twitter, Instagram e simili, devono essere comprese in questo contesto più ampio.

D: Pensa che l’amministrazione Biden sia pronta a negoziare con la nuova amministrazione iraniana?

R: No, non in buona fede. Anthony Blinken, Wendy Sherman e Victoria Nuland sono il trio sionista-ebreo responsabile della squadra di politica estera di Biden. Il semplice fatto che Blinken abbia insistito sull’applicazione di condizioni al rientro americano nel JCPOA illustra il punto. Non è ancora venuto in mente al governo degli Stati Uniti e ai suoi magnati dei media sionisti che il fallimento di Biden nel mantenere le sue promesse elettorali sul JCPOA garantiva i successivi risultati delle elezioni iraniane.

Questo risultato è stata la scelta migliore per l’Iran. Purtroppo, gli omicidi di Soleimani e Fakhrizadeh illustrano quanto poco sia cambiato nel rapporto americano-iraniano dall’operazione Ajax nel 1953. Ma il 1953 non è il 2021. Lo spostamento dell’equilibrio di potere di cui ho parlato prima in questa conversazione illustra questa verità. E non c’è assolutamente nulla che l’impero americano e Israele possano fare al riguardo, poiché entrambi continuano a muoversi verso la scomparsa dalla storia nella progressione del 21° secolo.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM