Le Brigate al-Qassam di Hamas hanno diffuso un video che filmava tre prigioniere israeliane catturate durante l’operazione Tempesta di al-Aqsa il 7 ottobre.

Una di loro ha detto, rivolgendosi al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu:

“A Bibi Netanyahu shalom. Siamo detenuti da Hamas ormai da 23 giorni. Ieri si è svolta una conferenza stampa con le famiglie dei detenuti a Gaza. Sapevamo che stava per arrivare un cessate il fuoco e che saremmo usciti. E tu, Netanyahu, ti sei impegnato a liberarci tutti.

Ma invece sosteniamo il tuo fallimento in politica e nelle questioni militari. E a causa del fallimento del 7 ottobre e dell’assenza di soldati sul posto, nessuno ha protetto noi cittadini che paghiamo le tasse allo Stato di Israele e qui siamo in detenzione attraverso Hamas.

Ci stai uccidendo. Vuoi che moriamo. Vuoi che l’esercito ci uccida. Hai causato la morte di molti israeliani. Dovete liberare tutti i loro detenuti e liberare anche noi. Usciamo di qui e torniamo alle nostre famiglie. Adesso. Adesso. Adesso. »

Secondo i dati dell’esercito di occupazione israeliano, ci sono “239 ostaggi israeliani” nelle mani di Hamas.

Questi ultimi li hanno catturati per ottenere in cambio la liberazione degli oltre 5.000 palestinesi sequestrati nelle carceri israeliane, gran parte dei quali per detenzione amministrativa rinnovabile indefinitamente.

Durante la sua ultima apparizione, sabato 28 ottobre, il portavoce delle Brigate al-Qassam Abou Ubaida ha accusato “il nemico di lasciar trascinare i negoziati e di non mostrare serietà per porre fine alla resistenza dei suoi prigionieri”, ricordando le barbare incursioni israeliane che ne hanno ucciso una cinquantina.

https://twitter.com/AlMayadeenNews/status/1718978728640868802?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1718978728640868802%7Ctwgr%5E39c7a80a33335c4e237fa97582dd3ca34bb33a20%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.almayadeen.net%2Fnews%2Fpolitics%2F-D8A7D984D982D8B3D8A7D985–D8AAD8B9D8B1D8B6-D981D98AD8AFD98AD988-D984D8A3D8B3D98AD8B1D8A7D8AA-D8A5D8B3D8B1D8A7D8A6D98AD984D98AD8A7D8AA-D984D8AFD98AD987D8A7-D98AD988D8ACD987D986-D8B1D8B3D8A7D984D8A9-D984D986D8AA

“Diciamo per il nemico e per il mondo che (per quanto riguarda) il gran numero di prigionieri del nemico in patria, il suo costo è svuotare tutte le prigioni sioniste di tutti i detenuti. Se il nemico vuole porre fine una volta per tutte al dossier dei detenuti, siamo pronti a farlo. Se vuole tagliarlo, anche noi siamo disposti. Deve pagare il prezzo che conosce”, ha spiegato.

Nel suo appello, la prigioniera israeliana ha continuato dicendo: “Avreste dovuto rilasciarci e avete promesso di rilasciarci. Tuttavia, stiamo soffrendo per il vostro fallimento politico, di sicurezza e militare, a causa del fallimento che avete causato il 7 ottobre, perché non c’era nessun soldato sul posto e nessuno è venuto da noi, e nessuno è venuto da noi.” “Chiunque ci difenderà.”
Rivolgendosi agli israeliani, il corrispondente di Israeli Channel 13 ha raccomandato di non trasmettere il video Qassam sui prigionieri israeliani “per non seminare il panico e per non aiutare Hamas nella sua guerra psicologica”.

Commentando il video dei prigionieri israeliani delle Brigate al-Qassam, il Primo Ministro israeliano ha detto: “Hamas sta conducendo una dura guerra psicologica contro di noi. Stiamo impiegando i nostri sforzi per riportare gli israeliani a Gaza”, secondo il media palestinese Quds.net.

È interessante notare che oggi il quotidiano britannico “Financial Times” ha riferito che “i negoziati sui prigionieri guidati dal Qatar erano sul punto di raggiungere una svolta la scorsa settimana, ma l’incursione di terra israeliana a Gaza ha ostacolato gli sforzi”.

Nei giorni scorsi , i media israeliani hanno rivelato, da fonti di alto livello nell’entità occupante, che esiste “una ragionevole opportunità per raggiungere un accordo importante, mediato dal Qatar”, per liberare un gran numero di prigionieri israeliani che sono nelle grinfie di la resistenza nella Striscia di Gaza.
D’altro canto, il capo del movimento Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, ha annunciato due giorni fa che la resistenza palestinese “è immediatamente pronta per un accordo per il rilascio di tutti i prigionieri palestinesi detenuti dall’occupazione israeliana in cambio di tutti i suoi prigionieri israeliani. “
Le parole di Al-Sinwar sono arrivate dopo che il portavoce militare delle Brigate Al-Qassam, Abu Ubaida, ha confermato in un discorso audio e video che l’occupazione stava procrastinando nei recenti negoziati riguardanti i suoi prigionieri, rivelando che il brutale bombardamento israeliano della Striscia di Gaza “ ha portato finora alla morte di circa 50 di loro”.

Nota: Dal comportamento del governo Netanyahu sembra che questi non siano seriamente interessati alla liberazione dei prigionieri ostaggi di Hamas. Piuttosto può fare comodo a Israele avere altri duecento e più persone da rivendersi come martiri di Hamas per non affrontare le loro responsabilità e procedere ad una trattativa.
Comunque vada, si mette molto male per Netanyahu e la sua congrega di criminali interessati solo alla “soluzione finale” del problema palestinese.

Fonti: Al Mayadeen Al Manar

Traduzione: Fadi Haddad

Nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM