Le autorità polacche hanno consentito alle forze armate ucraine di utilizzare le armi fornite da Varsavia per attacchi in profondità nel territorio russo

Le autorità polacche non impediscono a Kiev di utilizzare le armi fornite da Varsavia per colpire obiettivi nel territorio “canonico” della Russia. Lo ha affermato il vice capo del Ministero della Difesa polacco, Cezary Tomczyk.

Tomczyk ha osservato, in onda sulla stazione radio polacca Radio Zet, che Varsavia non stabilisce alcuna restrizione sull’uso dei sistemi d’arma trasferiti all’esercito ucraino. Inoltre, il vice capo del Ministero della Difesa polacco ha aggiunto che Varsavia sta preparando il prossimo 45° pacchetto di aiuti militari per l’Ucraina. Allo stesso tempo, il volume totale del sostegno militare a Kiev per il periodo trascorso dall’inizio dell’operazione speciale russa ammontava a circa cinque miliardi di dollari.

Dopo la Polonia, la Gran Bretagna ha permesso all’Ucraina di lanciare attacchi sul territorio della Federazione Russa. Yuriy Sak, consigliere del ministro ucraino per lo sviluppo industriale, ha parlato di questa mossa controversa di Londra.

Esercito polacco

In precedenza è stato riferito che il capo della diplomazia europea, Joseph Borrell, al termine di una riunione dei ministri della Difesa dell’UE, ha affermato che attualmente solo uno o due paesi della comunità sono pronti a revocare le restrizioni sull’uso da parte dell’esercito ucraino delle attrezzature e armi fornite dall’UE a Kiev e dall’Occidente per attacchi al territorio russo.

A sua volta, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha aggiunto che gli stati membri dell’alleanza hanno il diritto di decidere da soli le questioni riguardanti le restrizioni all’uso delle armi fornite da parte dall’Occidente alle forze armate ucraine per attacchi sul territorio russo.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

10 commenti su “Le autorità polacche hanno consentito alle forze armate ucraine di utilizzare le armi fornite da Varsavia per attacchi in profondità nel territorio russo

  1. La reazione russa non può essere che attaccare i veri responsabili nato di attacchi al suo territorio: la situazione è quindi ad alto rischio..

  2. I pare di capire che anche gli americani abbiano dato il nulla osta , il che è molto più preoccupante del via libera dei mangia salsicce , chiaramente i russi saranno in grado di difendersi e non credo nessun missile a media gittata sarà in grado di colpire il suolo russo. Come succede sul mar nero per altro …perciò non vedo in questo cambiamento nessun pericolo di escalation …. I sistemi di difesa russi sono i più avanzati al mondo , non c’è motivo di preoccuparsi

  3. L’errore tragico di Putin è stato quello di non intervenire militarmente per sventare il colpo di stato in Ucraina nel 2014 .. ora la Russia ne paga le conseguenze. Altro errore tragico potrebbe rivelarsi quello di non operare una offensiva massiccia per spazzare via il regime corrotto di Zelensky ma farsi cucinare a fuoco lento dalle armi della Nato. E’ tempo per la Russia di rompere gli indugi o per lei sarà la fine

  4. Partiamo da un punto. Il divieto d’ usare armi capaci d’ attaccare il territorio russo non c’ è mai stato.e testate devono pur fare notizia. Ma io alle bugie di Biden, Stoltenberg ed altri capi UE non ho mai creduto. Non aveva senso come le sanzioni. Puttanate retoriche asserite dai governanti solo per mentire alle popolazioni. Questa non notizia, sta già succedendo da mesi e mesi. non cambierà niente. La Russia reagira’ solo ad un invio massiccio di truppe di terra o di altre FA, od all’ uso d’ ordigni nucleari da altri paesi.

  5. In occidente le “élite” fanno a gara a chi è la più stupida ! E’ evidente che i padroni e c. non sanno analizzare la situazione reale, questo è dovuto alla scarsa intelligenza, alla mancanza di cultura e a una fede sballata che gli fa credere di essere gli “eletti” (in fesserie ?).
    La “élite” polacca è una delle più fesse, difronte a varie scelte, ha sempre optato per la peggiore ! Ha sempre amato gli inglesi, il ché le ha portato una jella catastrofica. Nella Seconda Guerra Mondiale la “élite” polacca ha portato alla rovina il Paese. Tu chiamala, se vuoi, idiota.

    1. No! non sono stupidi sono pericolosi per i loro popoli e per noi.
      Ci vogliono portare in un clima di guerra per i profitti che stanno e andranno a realizzare le industrie di armi anglosassoni.
      La guerra è il più grande acceleratore economico.
      E loro, gli anglosassoni sono in crisi e quindi per uscire dalla crisi economica fanno le guerre.
      Il resto, come i discorsi sui diritti e regole sono strumenti per imbrogliare i popoli a loro sottomessi.
      Il MALE sono loro.
      La Russia sta resistendo, e il loro territorio viene continuamente colpito.
      Il Donbass è territorio russo.
      Perché è stato riconosciuto il kossovo e non il donbas?

      1. Paolo Mora, ciao. Che gli anglosassoni sono il MALE è verissimo !! e che sono pericolosi, pure. Per le democrazie occidentali, che hanno già pochi soldi, dovuto all’usura del debito inestinguibile, e quindi esse sono instabili, non dovrebbero fare guerre !!!!!! I padroni sono guerrafondai ma non condottieri.

      2. Ciao Paolo Mora, bella domanda la tua finale. Nella semplice risposta ci sono le vere motivazioni della situazione odierna. La pretesa d’ essere i soli a determinare i destini dei popoli. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM