APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Le autorità militari di Israele “inquiete” per i nuovi missili antiaerei installati in Siria

Con la recente consegna dei sistemi antiaerei russi S-300 in Siria dovrebbe finire l’impunitàper gli attacchi aerei  di Israele sul territorio siriano. Non a caso il regime di Tel Aviv considera una minaccia l’installazione dei sistemi di missili antiaerei che la Russia sta consegnando alla Siria e arrivano dichiarazioni furiose da parte delle autorità militari israeliane.
L’ex capo dell’intelligence israeliana, Amos Yadlin, ha rivelato che Israele sta già considerando di colpire questi sistemi antiaerei S-300 quando saranno installati sul territorio siriano.

L’annuncio della Russia di procedere a consegnare questi sistemi anti aerei in Siria, come misura di reazione al bombardamento effettuato dagli USA-Francia-Regno Unito lo scorso 14 aprile, ha fatto risuonare le sirene d’allarme negli ambienti del Giverno di Tel Aviv. Sono infatti le forze aeree israeliane quelle che, con grande frequenza, hanno effettuato pediodicamente incursioni e bombardamenti sul territorio siriano, in effettivo appoggio ai gruppi terroristi che combattono per rovesciare il governo di Damasco.

Gli analisti miltari israeliani e gli ex funzionari del Ministero della Difesa avvertono che se i sistemi di missili terra-aria S-300 saranno installati in Siria, ci sarà una sola risposta possibile da parte di Israele: un tentativo immediato di neutralizzarli.
Amos Yadlin, un ex capo dell’Intelligence israeliana citato da Bloomberg, assicura che il posizionamento degli S-300 in Siria è stata una preoccupazione costante per le autorità militari israeliane da molti anni addietro e, alla fine, è quello che oggi sta accadendo.
“Se conosco bene come opera la nostra Forza aerea, abbiamo fatto piani adeguati per affrontare questa minaccia. Una volta eliminata la minaccia, che è quello che si farà, torneremo al punto di partenza”, ha dichiarato Yadlin.

Amos Yadlin, ex capo intelligence israeliana

Il presidente russo Vladimir Putin in passato si era visto costretto a congelare la fornitura di questi sistemi in Siria per causa delle pressioni ricevute dai governi occidentali ma lo stesso mandatario russo aveva detto che, se Washington avesse attattacato la Siria, Mosca avrebbe provveduto in modo adeguato a difendere il suo alleato.
Questo momento è arrivato con gli attacchi effettuati il 14 Aprile da parte della coalizione USA-Francia-Regno Unito effettuata con un falso pretesto e senza alcun mandato delle Nazioni Unite.
Il ministro degli esteri russo Lavrov ha sottolineato che, dopo questo attacco illegale, il piano di fornitura dei missili S-300 deve essere messo in atto perchè Mosca deve fare quanto necessario per dissuadere l’Occidente ad effettuare altre aggressioni contro la Siria.

Da quando è iniziato il conflitto, Israele ha effettuato almeno 150 bombardamenti, secondo quanto detto da Zvi Magen,un ex ambasciatore di Israele a Mosca.
Il sistema di missili S-300 può sparare missili contro sei obiettivi simultaneamente ed i missili hanno una portata fino a 200 Km., il che significa che la loro efficacia si estenderebbe anche nello spazio aereo del Libano, spesso utilizzato dagli aerei israeliani per attaccare obiettivi in Siria. Questo sistema potrebbe dissuadere Israele dal continuare i suoi attacchi contro la Siria, in appoggio ai gruppi terroristi che dispongono di collegamenti diretti e supporto logistico da parte delle autorità militari israeliane, come confermato anche dal ritrovamento di depositi abbandonati dai terroristi ripieni di armi di produzuone israeliana e statunitense. Vedi: Siria. Nuova scoperta di armi di Israele e NATO in un vecchio feudo dell’ISIS

Questa nuova potenzialità della difesa aerea siriana crea molta tensione e preoccupazione nelle autorità israeliane che avevano cercato in tutti i modi di convincere il presidente Putin a non armare con armi sofisticate la Siria per poter avere, Israele, campo libero per le sue incursioni. Sembra evidente che Putin ha perso la pazienza di fronte all’ultima smaccata aggressione fatta dalla coalizione diretta dagli USA.

Fonti: Al Mayadeen –  Hispan TV

Traduzione e note: Luciano Lago

*

code

  1. televisione falsa 5 mesi fa

    Israele è il paese più criminale terrorista assassino del mondo, Israele è peggio della Germania di Hitler

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The roman 5 mesi fa

      La Germsnia nazionalista e socialista di Hitler , non fu affatto un ” regime criminale”. Gli stessi poteri che vogliono la distruzione della Siria,dell’ Iran e la sovversione della Russia di Putin e dell’ Ungheria di Orban , vollero nel secolo scorso la distruzione della Germania e dell’ Italia , e per gli stessi motivi. La Germania di Hitler intraprese un percorso economico indipendente dalla finanza internazionale, dapprima creando i MEF, ovvero certificati equiparati a moneta basati sul lavoro, poi un sistema di baratto internazionale , ed infine dal 1938 la totale subordinazione di ogni provvedimento economico alle necessità dello stato nazionale. Con tali provvedimenti azzero’ la disoccupazione e assicuro’ alla nazione un benessere che mai aveva conosciuto. Come avvenne anche in Italia, dove una politica economica nazionalista portò alla realizzazione di grandi opere delle quali ancora beneficia il nostro paese. Quella televisione falsa , che ha ispirato il nome che hai deciso di utilizzare , e ‘ la fonte primaria di quella disinformazione che sembra averti influenzato. Ti consiglio la lettura di Churchill, che di certo non un simpatizzante di Hitler scrisse nelle sue memorie.Testuale : ” La colpa della Germania nazionalsocialista fu di aver sottratto l’ ecoomia nazionale dal dominio della finanza internazionale ed averne impedito il profitto” . Proprio quello di cui avrebbe bisogno l”Italia , e di cui avrebbero bisogno tutte le nazioni del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. televisione falsa 5 mesi fa

        Sono d’accordo con quello che hai scritto però la Germania nazista non aveva Mire di espansione ? Non aveva invaso mezza Europa e aveva anche cercato di invadere la Russia ? Provocando tantissimi morti ? Come anche l’Italia fascista con le guerre in Etiopia e Libia ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 5 mesi fa

          errori di politica estera, nessuno è perfetto, ma i giudei occupanti la Palestina con la Grande Germania del Governo Hitler non c’entrano nulla

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. panchis 5 mesi fa

          Si confonde tuttora la volontá di recuperare parte, e non tutti, dei territori sottratti alla Germania col Trattto di Versailles con mire espansionistiche della Germania Nazionalsocialista. Quello che poi successe una volta scoppiata la guerra é farina di altro sacco.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. atlas 5 mesi fa

        BEN SCRITTO ROMAN ! E basta accomunare la politica Nazional Socialista di Adolf Hitler a stati che nemmeno esistono …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Kim 5 mesi fa

        Leggo verità, apprezzo la profondità Dell analisi.

        Bene.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. claudio 5 mesi fa

      Televisione ma non ti far mandare a cagare.. lascia stare hitler e parla di quel che conosci. E basta!! Hitler era un sant’ uomo che amava la vita, questi sono la peggior merda del mondo. Se non sai la Storia Vera STUDIALA

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. leopardo 5 mesi fa

      Paragonare la Germania di Hitler a Israele, vuol dire essere di una ignoranza abissale.
      Prima di proferire assurditá, studiati a fondo la storia di quel periodo, quella vera, quella
      che non appena qualche storico , valanghe di documenti alla mano, cerca di divulgare
      per il bene della veritá, viene sbattuto in carcere per decine di anni e demonizzato a vita.
      A richiesta, ti fornisco un elenco delle tante vittime, storici illustri, vittime del giudaisno
      internazionale e dei suoi servi, tuttora nelle patrie galere tedesche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. amadeus 5 mesi fa

    Quì non é più come sparare ai ragazzini indifesi in Palestina, il gioco si fa molto duro, se fossi Putin estenderei la fornitura anche ai Palestinesi, sono convinto che li apprezzerebbero molto, ristabilendo in parte l’enorme squilibrio di forze esistente, così smetterebbero gli israeliani di giocare al tiro al piccione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 5 mesi fa

      la Palestina dovrebbe prima di tutto eliminare i giudei di hamas

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio franceschini 5 mesi fa

    Quale recente consegna? Tra il ventilare la possibilità di una consegna di sistemi s300 (cosa che personalmente auspico) e averli gia’ schierati mi sembra ci sia molta differenza!cerchiamo di non abbassarsi al livello di sky TG 24 o della Stampa per dire alcuni tra i peggiori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Horus 5 mesi fa

    Psr di capire che Lieberman e’inquieto.
    Spetiamo che si inquieti sempre dinpiu.Ma bibi dove lo ha fatto sparire?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Woland 5 mesi fa

    “abbiamo fatto piani adeguati per affrontare questa minaccia. Una volta eliminata la minaccia, che è quello che si farà, torneremo al punto di partenza”
    Quindi, se la minaccia è lo stato di Israele…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. HERZOG 5 mesi fa

    L’utente televisions falsa non e’da biasimare e’da aiutare a comprendere come prima cosa che TUTTI I MEDIA sono EBREI , DE BENEDETTI Mieli ebreo SAVIANO MENTANA AUGIAS ELKANN FERRARA LERNER SANDRO MAYER LUZZATO FEGIZ MIMUN ECC ECC ECC. Capisce utente televisione falsa ora che verita su come sono Andate veramente le cose non Ne verranno mai Fuori daquella combriccola di cospiratori senza prepuzio . E devo dire che se ritornassi li da voi a parlare con LA gente di come realmente LA penso mi prenderebbero minimo come uno sciroccato ,percio televisions falsa deve partire da qui da solo ad arrivare a comprendere ,se vuole posso darle qualche aiutino:” complotto contro LA chiesa PDF” oppure ” LA Bibbia del l’uomo bianco Ben Klassen”

    Rispondi Mi piace Non mi piace