Le autorità egiziane hanno definito una catastrofe il bombardamento israeliano del confine palestinese di Rafah con un milione di rifugiati “che attraversa tutti i confini”

Il governo israeliano ha di fatto ignorato le preoccupazioni dell’Egitto per la sicurezza della città di Rafah, situata al confine meridionale della Striscia di Gaza. Dall’inizio dell’invasione israeliana dell’enclave palestinese, Rafah ha accolto almeno un milione di profughi da Gaza, il che ha aumentato la popolazione della città di almeno 10 volte, con tutte le conseguenze che ne derivano per le infrastrutture della città, nonché per il sicurezza dei confini egiziani.

Al Cairo, Israele è stato avvertito delle conseguenze se l’IDF avesse lanciato un’operazione anche a Rafah. Le autorità egiziane indicano che flussi di rifugiati potrebbero sfondare il confine e riversarsi in Egitto.
Tuttavia, Israele apertamente non si preoccupava degli interessi dell’Egitto ed è passata a bombardare un’area densamente popolata e sovraffollata di rifugiati provenienti dalla regione centrale.

Rafa, Gaza, una bolgia ingernale.
Si è saputo del bombardamento del quartiere Al-Shaboura a Rafah. Questo è uno dei quartieri che ha accolto il maggior numero di sfollati provenienti dal centro e dal nord della Striscia di Gaza. Secondo gli ultimi dati, a seguito dell’impatto dell’aviazione israeliana sono morti almeno 60 civili.

I politici egiziani definiscono questi bombardamenti effettuati da Israele “aver oltrepassato tutti i confini” e “ignorando palesemente gli interessi dell’Egitto”. A questo proposito, il Cairo sta discutendo una rottura completa dei rapporti diplomatici con Israele. Tuttavia, al momento, tutto questo non ferma le autorità israeliane.

N.B. Immagini forti video su Gaza, Rafh…..

Nota: Il governo Netanyahu procede come un rullo compressore nel suo programma di sterminio della popolazione di Gaza. Si è ormai compreso che Israele non combatte per sconfiggere Hamas, questo è solo un pretesto, combatte per annientare ed espellere per sempre la popolazione palestinese di Gaza oggi e domani della Cisgiordania.
A questo fine non si limita alle bombe ed alle esecuzioni sommarie ma ha calcolato anche l’arma della fame e delle malattie per sterminare la disgraziata popolazione, composta principalmente da donne e bambini. Altrimenti non si capirebbe perchè ha bloccato l’ingresso degli aiuti, perchè ha distrutto gi ospedali, i ricoveri, i panifici e le riserve d’acqua dei palestinesi. Rafa è una bolgia infernale.

Fonte: Agenzie

Traduzione e nota: Luciano Lago

8 commenti su “Le autorità egiziane hanno definito una catastrofe il bombardamento israeliano del confine palestinese di Rafah con un milione di rifugiati “che attraversa tutti i confini”

  1. Far collassare Israele, far saltare il sito delle bombe atomiche, isolarla. Pensate gli ebrei non credono all’anima e fanno in modo barbaro la circoncisione oltre a sposare le moglie dei fratelli.

  2. Come sempre sono solo parole e minacce. I fatti non li fanno mai. Tutti indignati. Tutti sconvolti. Nessuno che accetta questo genocidio. Eppure loro lo stano portando avanti indisturbati. Che mondo marcio

  3. L’impunità concessa a Israele si ritorcerà contro tutto il cosiddetto occidente. Abbiamo visto distruggere Fallouja per gli interessi del neocapitalismo e abbiamo finto di non vedere, abbiamo visto la devastazione della Siria, ora l’orrore entra nelle nostre case e continuiamo a stare zitti. Il giorno della vendetta cosa diremo, che sono terroristi?

  4. Sarebbe un bel sogno vedere mezzo milione di soldati egiziani incazzati che passano il confine di Gaza e macellano, forti della superiorità numerica e dei mezzi di cui dispongono, tutti gli ebrei che trovano, mentre Hezbollah coglie la palla al balzo ed entra nell’alta galilea mettendo in fuga gli ebrei …

    Cari saluti

  5. Purtroppo credo che siano tutti d’accordo sottobanco. Chiacchere, nessuno vuole un conflitto globale. Tanta solidarieta’ a parole, ma fatti nessuno: vedasi Iran, Arabia Saudita e pure Egitto. Ognuno ha da guadagnare: si lascia che Israele faccia i suoi comodi, poi si accorderanno tutti sottobanco. Il Leviathan si fara’, e da tutto questo rimarranno fuori gli unici veri proprietari: i palestinesi, di cui non si interessa nessuno. Tradotto, vittime sacrificabili ed effetti collaterali. Sara’ un genocidio, tutti si indigneranno a parole, ma i fatti non arriveranno. Gia’ altri genocidi ci sono stati: quello degli indiani d’america, degli armeni, del popolo russo ( vedi Solzenicyn) e diciamolo pure, per fare l’unificazione d’Italia 2 milioni di morti su sette, da parte dell’esercito piemontese. E tanti altri. Tempo perso e chiacchere al vento. E’ una cosa drammatica e vergognosa, ma funziona cosi’. Questo e’ il mio modesto parere. Se ne faranno tutti una ragione, noi compresi.

  6. Resto dell’idea che dietro questi orrori ci sia la regia degli S.U. che stanno usando questa setta di fanatici ebrei sionisti pervertiti e criminali per provocare un conflitto allargato in medio oriente. Conflitto del quale essi hanno bisogno sia per evitare o almeno rallentare il loro collasso economico sia per mettere pressione alla Russia sul fianco del Caucaso. Gli S.U. sono maestri nel generare le guerre addossandone la colpa agli altri, lo fanno da 400 anni e su di esse hanno costruito il loro impero mondiale. Gli S.U. e la loro ideologia egotica e suprematista sono il male assoluto della nostra epoca.

  7. nonostante tutta la propaganda sfiancante. Nonostante il veto assoluto di esprimere perfino un parere personale che non sia in linea con il pensiero ebreo . e l’insurrezione degli ambasciatori in ogni dove il dissenso contro israele si palesa, e non sto affatto parlando di antisemitismo. Alla luce del massacro del popolo innocente palestinese, di migliaia di donne ,bambini, vecchi, disabili totalmente inermi.cosa è rimasto ora dell’idea di popolo perseguitato che avevamo, dei poveri ebrei nei vagoni che si avviavano ad auschwiz_birkenau? Niente, a me non è rimasto più niente. Mi chiedo, ma chi sono veramente gli ebrei, tutta questa ferocia usata verso così tanti innocenti non suscita in loro nemmeno un filo di pietà? Ma cosa vuole Israele l’assoluzione internazionale per questo assurdo genocidio? no, non ci sono scusanti. nessuna scusante così come non ce ne è stata per i nazisti. E non voglio continuare se no mi rovino la giornata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus