Le autorità dell’occupazione riconoscono l’uccisione di 23 soldati israeliani dall’inizio delle operazioni di terra a Gaza


L’”esercito” d’occupazione israeliano riconosce che il numero dei suoi morti nella Striscia di Gaza è arrivato a 23 soldati, dall’inizio dei tentativi di incursione di terra nella Striscia, e i media israeliani parlano dei missili anticarro della resistenza palestinese che rappresentano un elemento centrale minaccia per le forze di occupazione.

I media israeliani hanno confermato che i soldati dell’esercito israeliano sono stati uccisi nelle battaglie in corso con la resistenza palestinese nella Striscia di Gaza dall’inizio dei tentativi di incursione di terra nella Striscia di Gaza. Il numero dei caduti in realtà è minimizzato dal comando israeliano.

L’“Esercito” israeliano ha annunciato giovedì l’uccisione del comandante del “53° battaglione” , della divisione “Barak”, il comandante di grado più alto dell’“Esercito” israeliano a cadere dall’inizio della battaglia il 7 ottobre, secondo l’ammissione dell’occupante.

La resistenza palestinese, da parte sua, ha annunciato di prendere di mira le posizioni di occupazione e di ostacolare i suoi tentativi di penetrare nella Striscia di Gaza, mentre le Brigate Martire Izz al-Din al-Qassam, l’ala militare del movimento Hamas, hanno confermato la distruzione di due veicoli a est del quartiere di Zaytoun con un missile “Al-Yassin 105″ e un dispositivo di guerriglia, oltre alla distruzione di un trasporto truppe israeliano vicino alla moschea Al-Khalidi a nord-ovest di Gaza City, colpito dall'”Al-Yassin 105” missile.

È interessante notare che il quotidiano israeliano “Yedioth Ahronoth” ha commentato giovedì il numero degli israeliani morti durante i tentativi di penetrazione nella Striscia di Gaza, sottolineando che la principale minaccia per le forze di occupazione “è rappresentata dalle forze anti-occupazione”. -armatura della resistenza palestinese”, sottolineando che essa è “responsabile delle morti dei soldati di Israele.

Nel frattempo si è saputo che sono in corso trattative per una tregua che consenta il rilascio di ostaggi e aiuti umanitari alla popolazione.

Fonte: AL Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddd

2 commenti su “Le autorità dell’occupazione riconoscono l’uccisione di 23 soldati israeliani dall’inizio delle operazioni di terra a Gaza

  1. a quanto pare un notevole numero di israeliani sono stati uccisi il 7 ottobre da “fuoco amico” a causa della reazione isterica dell’esercito sionista che non riusciva a distinguere i suoi cittadini dal “nemico” c’è un video, ad esempio, in cui si vedono due corpi carbonizzati dentro un’auto esplosa; quei 2 israelian pari marito e moglie sono stati uccisi da un missile Hellfire sparato da un elicottero apache israeliano. E’ molto difficile dire quanti sono morti in questo modo, potrebbero essere centinaia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM