LE ARMI RADIOATTIVE BRITANNICHE ARRIVANO IN UCRAINA

Ignorando tutti gli avvertimenti e i moniti russi, il governo britannico ha confermato il 26 aprile che le sue armi all’uranio impoverito sono già sul suolo ucraino. Funzionari, attivisti ed esperti contro la guerra di Mosca hanno ripetutamente avvertito che una tale escalation del conflitto dovrebbe essere evitata, ma Londra non ha rispettato il consiglio e ha ulteriormente violato una linea rossa inviando armi radioattive al regime di Kiev. Resta da vedere quali saranno le conseguenze di questo pericoloso provvedimento.

La conferma della consegna delle armi è stata data dal Ministro delle Forze Armate del Regno Unito, James Heappey, durante un discorso al Parlamento britannico. Secondo Heappey, le munizioni all’uranio impoverito sono state inviate in Ucraina insieme ad altri proiettili adatti per l’uso nei carri armati Challenger 2. Il ministro ha anche aggiunto che i funzionari britannici non cercheranno di tracciare dove verranno utilizzate queste armi.

“Abbiamo inviato migliaia di colpi di munizioni Challenger 2 in Ucraina, inclusi proiettili perforanti all’uranio impoverito (…) [Queste armi] sono ora sotto il controllo delle Forze Armate dell’Ucraina (AFU) (…) [Ministero della Difesa del Regno Unito ] non monitora i luoghi da cui vengono sparati i proiettili all’uranio impoverito dalle AFU in Ucraina”, ha affermato il ministro durante la dichiarazione.

Alla domanda di alcuni parlamentari sui pericoli per la salute posti da queste armi, Heappey ha affermato che questa minaccia sarebbe “bassa”. È interessante notare che ha anche affermato che la valutazione del rischio si basa sul monitoraggio dei veterani del Regno Unito che li hanno già utilizzati sul campo di battaglia. Il ministro, infatti, sembra ignorare del tutto che una serie di recenti studi dimostrino il contrario, evidenziando gravi problemi di salute sia nei militari che hanno manipolato questo equipaggiamento sia nelle vittime delle munizioni. I problemi includono diversi rischi comunemente attribuiti alle sostanze radioattive, come il cancro, la deformità fetale, la carenza di fertilità, tra gli altri.
Commentando il caso con i giornalisti, Doug Weir, un esperto legato al Conflict and Environment Observatory, ha affermato che quando i proiettili di UI colpiscono un bersaglio “si frammentano e bruciano, generando particolato di UI chimicamente tossico e radioattivo che rappresenta un rischio per inalazione per le persone”. Diversi altri scienziati hanno espresso opinioni simili dopo aver analizzato i risultati di queste munizioni in Iraq e in altri paesi dove le truppe della NATO le hanno usate. Tuttavia, Londra e Washington continuano a negare l’evidenza di questi pericoli.

Va ricordato che Mosca ha ripetutamente chiesto a Londra di riconsiderare il suo piano di inviare queste munizioni a Kiev. In una recente dichiarazione, i portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Russia hanno affermato che la misura britannica sarebbe un’assoluta “imprudenza, irresponsabilità”. Inoltre, a marzo, il ministero della Difesa russo ha avvertito che l’uso di tali proiettili potrebbe “causare danni irreparabili” alla salute di soldati e civili ucraini, nonché infliggere “tremendi danni economici al complesso agroindustriale” nella regione, citando l’impatto dell’arma durante la precedente esperienza in Iraq.

Tuttavia, nonostante gli avvertimenti, la spedizione di queste armi era già prevista. A marzo, le truppe statunitensi e britanniche hanno tenuto un programma di addestramento con i soldati ucraini per insegnare loro come maneggiare correttamente le munizioni all’uranio impoverito. Il piano era molto ben preparato e rispecchia l’interesse della NATO a portare la guerra per procura con la Russia ai livelli più pericolosi di escalation militare, ignorando qualsiasi preoccupazione umanitaria, ambientale o sociale.

Legalmente, le armi all’uranio impoverito sono una questione complessa. Non esiste una convenzione internazionale che le vieti così come non c’è consenso tra gli specialisti su come definire queste armi. Queste munizioni sono davvero radioattive, motivo per cui alcuni esperti ritengono che dovrebbero essere considerate armi nucleari secondo il principio legale dell’analogia. Tuttavia, la sua radiazione è inferiore a quella dell’uranio naturale, il che porta altri specialisti a rifiutare questa classificazione.

Alcuni altri esperti ritengono che una valida soluzione al problema di questi proiettili sarebbe considerarli armi chimiche, poiché contengono sostanze tossiche, indipendentemente dal livello di radioattività. Ma questo crea un problema per le potenze occidentali che le possiedono, dal momento che Stati Uniti e Regno Unito sono firmatari della Convenzione sulle armi chimiche, che li obbligherebbe a distruggere le loro scorte di uranio impoverito. Non a caso, entrambi i Paesi respingono qualsiasi iniziativa in tal senso e preferiscono che queste armi rimangano prive di una legislazione specifica, in modo da poter continuare ad utilizzarle impunemente.

Infatti, data l’assenza di una regolamentazione specifica, Mosca potrebbe considerare l’uso dell’uranio impoverito contro le sue truppe come un vero e proprio attacco nucleare, che consentirebbe ai russi di reagire con il loro arsenale di distruzione di massa. È improbabile che ciò accada, poiché Mosca ha più volte mostrato il proprio interesse a cercare le soluzioni più pacifiche e umanitarie possibili al conflitto, a volte anche ignorando le violazioni delle linee rosse proprio per evitare l’escalation.

Tuttavia, indipendentemente da quale sarà la risposta russa, è certo che i danni ai soldati ucraini e alla popolazione civile nella zona di combattimento sono inevitabili. E la responsabilità di ciò ricade sulla NATO.

Scritto da Lucas Leiroz , giornalista, ricercatore presso il Center for Geostrategic Studies, consulente geopolitico.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus