Lavrov: L’Occidente cerca di ripristinare l’egemonia coloniale sull’Africa

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov conferma che l’Africa ha un potenziale economico importante e avverte che gli Stati Uniti e l’Occidente stanno cercando di sfruttare le risorse del continente.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha avvertito oggi, venerdì, che gli Stati Uniti e i paesi europei chiedono ai paesi africani di interrompere la cooperazione con la Russia e cercano nel contempo di ripristinare l’egemonia coloniale nel continente.

Ha detto di essere a conoscenza della regolare venuta di delegazioni americane, britanniche ed europee in Africa e di chiedere ai loro paesi “di non cooperare con la Russia”.

Ha aggiunto che i tentativi dell’egemonia occidentale sull’Africa “arrivano in una nuova forma”, sottolineando che il continente africano ha “enormi potenzialità legate allo sviluppo economico”.

Ha affermato che l’Africa è “il continente più ricco in termini di risorse naturali” e che “è stata oggetto di sfruttamento da parte dell’Occidente per secoli”.

Ha sottolineato che “l’Occidente cerca di preservare la sua politica di sfruttamento nei confronti dell’Africa”.
Lavrov è arrivato in Eritrea , ieri, giovedì, in visita di un giorno senza preavviso, secondo Asmara, nell’ambito di un tour africano volto a rafforzare i rapporti tra Mosca e i Paesi del continente africano.

Lavrov con leader Etiopia

Lavrov ha visitato l’Angola, mercoledì, e ha affermato che “l’iniziativa per lanciare una valuta BRICS sarà discussa al vertice sudafricano previsto per il prossimo agosto”, secondo il sito web “Africannews”.

Il ministro Lavrov è impegnato in un tour africano , il secondo del genere in meno di un anno, durante il quale visiterà il Sudafrica, il Regno di Eswatini, l’Angola e il Botswana. È stato preceduto da una visita in Egitto, Etiopia, Uganda e Congo.
Fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM