Lavrov ha avvertito di quello che sta minando la sicurezza internazionale

Di Oliver Ikodinovic

Il comportamento aggressivo dell’Occidente mina la sicurezza internazionale e sanzioni e guerre commerciali danneggiano la fiducia nel mondo: il miglior esempio di ciò è il tentativo di contrastare North Stream 2, nonostante l’opinione dei principali paesi dell’UE, ha avvertito il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

In una conferenza stampa annuale, Lavrov ha parlato dei risultati del lavoro del ministero degli Esteri nel 2019 e ha risposto alle domande dei giornalisti su una serie di argomenti, tra cui la situazione politica interna in Russia, i conflitti in Medio Oriente e i problemi relativi alla conduttura.

Più di 300 giornalisti provenienti da oltre 50 paesi del mondo sono stati accreditati per la Conferenza del capo della diplomazia russa.
Da quando il governo russo è stato recentemente sciolto, la domanda che la maggior parte dei giornalisti interessati era se Lavrov sarebbe rimasto nella carica di ministro degli Esteri e nel nuovo gabinetto, a cui non ha dato una risposta precisa. Lavrov ha detto che gli era stato ordinato di adempiere ai suoi obblighi e che lo sta facendo.

Durante la conferenza ha anche parlato di una serie di questioni di politica estera e di questioni urgenti in Medio Oriente.

Il comportamento aggressivo dell’Occidente mina la sicurezza internazionale.

Lavrov ha sottolineato che il fattore destabilizzante chiave nel mondo rimane il comportamento aggressivo di alcuni paesi occidentali, principalmente gli Stati Uniti.

“L’obiettivo è minare l’architettura legale internazionale della sicurezza e sostituire il diritto internazionale con il suo proprio ordine. Su questa linea si trova il comportamento sugli accordi missilistici START 1 e START 2, le tensioni inasprite nel Golfo Persico e con la NATO che compie massicce esercitazioni vicino ai confini della Russia. Il deficit di fiducia è aggravato da metodi di concorrenza sleale come sanzioni e guerre commerciali. Il miglior esempio di ciò sono i tentativi di contrastare “North Stream 2”, nonostante l’opinione dei principali paesi dell’UE “, ha affermato il ministro.

Alla richiesta di un giornalista statunitense di commentare l’impulso del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che a giudizio dell’Occidente avrebbe indebolito il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina e rafforzato la posizione della Russia, Lavrov ha risposto che era la strategia americana e che lui forse la conosceva meglio.

Lavrov ha anche affermato che l’ultimo incontro sulla stabilità strategica tra diplomatici statunitensi e russi a Vienna non ha permesso alle parti di ottenere risultati impressionanti, ma che il dialogo continua.

Ha sottolineato che la Russia si impegnerà fermamente per garantire che il nostro mondo non rimanga senza un accordo che almeno in qualche modo manterrà e controllerà le armi , in particolare quelle nucleari, nonché i problemi di non proliferazione.

Lavrov ha anche affermato che la Russia non ha dubbi sul fatto che Tokyo non abbia intenzioni maligne contro la Federazione Russa, ma che non può prescindere dal dispiegamento di armi offensive statunitensi ai suoi confini. Questi sono i sistemi Egis Asor PRO testati dagli Stati Uniti per il lancio di missili precedentemente vietati dall’accordo missilistico a medio e corto raggio.

Priorità della diplomazia russa

Lavrov ha anche osservato che Mosca è preoccupata per la possibilità di implementare il sistema Egis in Giappone e che il dialogo è in corso.

Parlando della crisi siriana, Lavrov ha affermato che ci sono stati progressi nella regolamentazione della situazione in quasi tutte le aree – militare-politica, diplomatica e umanitaria.

Forze speciali russe, spetnatz

Lavrov ha sottolineato che la lotta al terrorismo internazionale rimane una delle priorità della Russia.

“La diplomazia russa sta seguendo un corso fissato dal presidente del paese – indipendente e multi-vettore, e sta compiendo sforzi per declassare e rafforzare i principi legali. E, naturalmente, ci impegniamo per garantire la sicurezza.
La priorità indiscutibile è la lotta al terrorismo internazionale, anche in Siria, e il rafforzamento del dialogo politico. Abbiamo anche contribuito a superare altri conflitti nella regione: la Libia e lo Yemen. La Russia conta che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sosterrà i risultati della conferenza sulla Libia a Berlino “, ha detto Lavrov.

Evidenziando uno dei maggiori problemi di oggi – il conflitto tra Iran e Stati Uniti, ha sottolineato che sia Washington che Teheran dovrebbero affrontare la de-escalation invece di scambiare minacce ed azioni offensive (omicidio mirato del gen. Soleimani).
Ha sottolineato che le crescenti tensioni nelle relazioni Iran-USA non contribuiranno a risolvere alcuna crisi nella regione.

“La tragedia con lo schianto dell’aereo ucraino è un segnale che è necessario affrontare la de-escalation, non le minacce”, ha detto Lavrov.

Parlando della politica estera americana, Lavrov ha affermato che è possibile che Washington abbia intenzione di ripetere lo “scenario venezuelano” in altri paesi del mondo quest’anno.

“È molto difficile prevedere le mosse future delle nostre controparti americane, ma non è escluso che Washington ripeterà le mosse che ha attuato in Venezuela e in altri paesi”, ha avvertito.

Buone notizie dall’Ucraina

Ha anche fatto riferimento alla questione dell’accordo nucleare con l’Iran, affermando che per la Russia era estremamente importante organizzare al più presto una riunione globale di rappresentanti di tutti i paesi firmatari, riferendosi principalmente al Regno Unito, Germania, Francia, Russia e Iran. Lavrov ha anche commentato la situazione in Ucraina, dicendo che per la prima volta dopo una lunga pausa, da lì sono arrivate buone notizie.

“Siamo stati in grado di compiere progressi nella crisi intra-ucraina, dopo una pausa di tre anni, si è tenuto un” vertice in formato Normandia “dopo che la nuova leadership è finalmente riuscita a mettere in atto le decisioni dei precedenti quattro vertici. Prevediamo che il processo decisionale contribuirà a compiere progressi nell’attuazione del complesso d’azione contro le mine. Non dovrebbero rimanere solo una lettera morta sulla carta, come lo era ai tempi del governo di Poroshenko “, ha concluso il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Tradotto da G. Sorbello e Biljana Stojanovic

Inserisci un Commento

*

code