Lavorare per il proprio popolo significa andare contro gli interessi degli occidentali”, secondo Nathalie Yamb

da Africa Media

L’Occidente sostiene i leader di altri paesi solo quando lavorano per i suoi interessi, ha detto a Sputnik Africa l’attivista panafricana Nathalie Yamb , riferendosi ai recenti colpi di stato nel continente. Ha anche sostenuto che il ritiro dei soldati francesi dai paesi africani faceva rima con uno scoppio di violenza.

Ogni leader che decide di migliorare le condizioni di vita del suo popolo viene considerato dall’Occidente come un nemico dei suoi interessi, ha dichiarato a Sputnik Africa l’attivista panafricana Nathalie Yamb .
Questo perché lavorare per la propria gente nel mondo di oggi significa lavorare contro gli interessi degli occidentali ”, ha detto.

Secondo il panafricanista, quando l’Occidente celebra un africano, dobbiamo sapere che lavora per loro e che non lavora per gli altri africani.

“ Quindi, ogni volta che sentite occidentali elogiare questo politico, elogiare questo o quel presidente, elogiare questa persona, fate molta attenzione: fate un passo indietro e siate cauti”, ha sottolineato .

Un supporto fugace
La Yamb ritiene che il sostegno occidentale sia instabile. A sostegno della sua tesi cita il caso della recente caduta dell’ex presidente del Gabon Ali Bongo, il quale, non più “una pedina affidabile” dell’Occidente, è stato abbandonato dai suoi padroni.

“ Ali Bongo non era più quello che gli americani chiamano un ‘asset’, non era più qualcosa che permetteva loro di arrivare dove volevano. Parliamo degli americani, ma ci sono anche i francesi, naturalmente, che sono essi stessi schiavi degli americani. Quindi quando parliamo di americani, parliamo di tutti. E quindi è pietoso […] Perché il caso Bongo ci mostra che non c’è niente di più volatile del sostegno occidentale. Non è caratterizzato dalla lealtà ”.

Secondo lei si tratta di un ” valletto di un sistema che è stato usato, che si è indebolito, che non serve più a nulla e che i suoi stessi creatori stanno sacrificando come un cameriere scalzo sulla scacchiera per poter restare in gioco”. .

La lealtà, per la Yamb, è quando il presidente siriano Bashar al-Assad, sebbene maltrattato dall’Occidente, ha continuato a essere sostenuto dai suoi alleati con i quali ha un rapporto reciprocamente vantaggioso.

Africani in festa dopo aver cacciato i francesi

Scoppio di violenza dopo il ritiro francese

Quando la Francia viene cacciata da un paese africano, si verifica “ una sfortunata tendenza ad un aumento della violenza e degli attacchi terroristici ”, precisa la Yamb.

“ Ogni volta che scacci l’esercito francese o un ambasciatore francese, bam! Nel frattempo ci sono più attacchi terroristici in Mali, Burkina Faso e anche in Niger. Conosciamo quindi il modus operandi della potenza francese quando deve ritirarsi con la coda tra le gambe ”.

Raddoppia i tuoi sforzi

La fine della presenza francese è quindi spesso associata a periodi difficili da attraversare, motivo per cui i nigerini farebbero meglio ad accettare l’aiuto dei loro alleati nella subregion

Molte persone pensano che basta cacciare la Francia e tutto andrà bene. No, non è così che succede. C’è un lungo periodo di sforzi, c’è anche un lungo periodo di violenza che deve essere anticipato. Ma è un processo e la cosa principale è muoversi davvero nella giusta direzione e avere il sostegno delle persone, il sostegno di tutti, per assorbire l’impatto e poi iniziare a infliggere i colpi e costruire qualcosa di fattibile nel tempo . ” ha concluso.

Fonte: Africa Media

Traduzione: Gerard Trousson

3 commenti su “Lavorare per il proprio popolo significa andare contro gli interessi degli occidentali”, secondo Nathalie Yamb

  1. Ma non cerano i Wagner per tener testa ai terroristi, che ci fossero attacchi terroristici é tipico di francia e u.s e quindi c’era da aspettarselo e quì entrano in ballo i servizi segreti, ma dove sono, anche loro vanno in vacanza?

  2. l’ Italia è stata tempestata dalle maffie attentati omicidi terrorismo sequestri corruzioni P2 — dal 1960 al 1990 — per essere indebolita e rapinata meglio — dal 2008 son ricominciati attacci finanziari virus golpe guerre rapine

    1. Eh si ANTONIO … è sempre stato il “modus operandi” della cupola occidentale liberista, finanziaria e globalista, con sedi a Washington, Londra, Bruxelles e Tel Aviv !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM