L’autodifesa del conquistatore

Di Paul Edwards (*)

Il 7 ottobre Israele ha subito un violento attacco da parte del braccio militare di Hamas, l’organo di governo dei palestinesi di Gaza. Israele ha risposto con lo shock e la paura più devastanti – un neologismo americano – come il mondo ha visto dopo la polverizzazione di Baghdad. Netanyahu, scosso, ha giustificato questo blitz sulla base del diritto di Israele a difendersi. Così facendo, ha invocato un principio che, pur non rientrando giuridicamente nel codice di guerra, ha tuttavia una lunga ed esercitata storia.

Le guerre si presentano in molte varietà, a volte tra forze disuguali, con la conseguente conquista della parte più debole e la fine dei combattimenti. Di solito… ma non necessariamente. A volte accade che, nonostante la vittoria totale e l’occupazione dei vinti, continui un serio livello di resistenza organizzata. A seconda della minaccia che rappresenta per il vincitore, potrebbe semplicemente essere controllata e repressa, oppure potrebbe richiedere misure più drastiche e persino la ripresa della guerra.

Gli imperi che, per definizione, vivono e crescono attraverso la conquista, possono confrontarsi con questo tipo di sfida. Roma ebbe spesso la spiacevole esperienza, dopo aver conquistato uno Stato, di subire depredazioni da parte di elementi ribelli. Ci sono molti esempi, ma Cartagine servirà. Dopo averla sconfitta due volte, Roma fu infastidita nello scoprire che le unità ribelli si rifiutavano di comportarsi come conquistate e persistevano nella resistenza, così che divenne necessario riconquistare la città, uccidere la maggior parte della sua gente, svendere il resto e raderla al suolo e bruciarlo al suolo, affermando il diritto di legittima difesa del conquistatore.

Activists hold up a banner denouncing Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu for Israel’s actions during the war with Hamas as they demonstrate at the entrance of the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Oct. 23, 2023. Dutch authorities detained 19 activists who occupied the entrance to court. (AP Photo/Aleks Furtula)

Secoli dopo, gruppi di europei invasero e colonizzarono quella che chiamarono l’America appena scoperta. Questi coloni non rappresentavano ufficialmente una nazione, né ci fu una guerra globale. I gruppi semplicemente si appropriarono di un’area, la dichiararono di loro proprietà e la difesero come tale. Il fatto che la terra fosse occupata da popolazioni indigene fu ritenuto irrilevante. Quando i nativi reagirono attaccando i coloni, rivendicarono il diritto all’autodifesa, usando tutti i mezzi violenti per mantenere il possesso, e distrussero pezzo per pezzo gli ex residenti.

Questo modello fu seguito nella presa e nell’occupazione di tutte le terre aborigene del continente. Quando i popoli delle numerose tribù che avevano vissuto per secoli sulla terra che divenne gli Stati Uniti combatterono l’esproprio, furono sistematicamente annientati finché sopravvissero solo resti sparsi in riserve. Il termine “terroristi” non era ancora entrato in uso e gli indiani che combattevano l’espulsione, la fame e lo sterminio erano chiamati selvaggi assetati di sangue. Questo particolare processo coloniale, che non aveva un nome formale e solo molto più tardi venne designato come genocidio – l’annientamento violento di un popolo – fu descritto leggendariamente come valoroso e giustificabile dal diritto del conquistatore all’autodifesa.

Nell’era delle grandi guerre internazionali, sconvolti dalle ridondanti macellerie meccaniche, gli uomini hanno presunto di fare leggi per governare la guerra, sebbene la guerra sia, per definizione, abbandono del diritto. Nel 20° secolo, mentre milioni di persone venivano uccise in folli orge di spargimenti di sangue, i Maestri della Guerra iniziarono a fare una distinzione tra soldati e altri e ad emanare direttive contro l’omicidio sfrenato di civili. Il loro intento era buono.
Questi ingenui politici avevano una coscienza cruda e una nobile motivazione nel dettare le loro leggi e stabilire i limiti consentiti all’omicidio militare. Che non funzionasse mai avrebbe dovuto essere prevedibile perché non esisteva alcun meccanismo di applicazione. Il massacro di civili è aumentato, in modo grossolano ed estremo, e sempre per legittima difesa.

Ci furono molti esempi di ciò nella seconda guerra mondiale. Una coppia degna di nota fu lo stupro di Nanchino da parte dei giapponesi e il massacro di Lidice da parte dei nazisti. A Nanchino, la giuria è incerta sulla sua causa, sia che si tratti di un caso in cui le truppe giapponesi sono state provocate dalla mancanza di rispetto nei confronti dei civili o dal semplice odio razziale, ma questi vincitori hanno massacrato circa un quarto di milione di civili cinesi nella loro legittima difesa. Nell’incidente di Lidice, i nazisti avevano la prova, dissero, che un uomo del villaggio aveva assassinato il Reichsführer, e quindi agirono entro i limiti adeguati dell’autodifesa massacrando tutta la sua virilità e mandando le sue donne e bambini nel campo di concentramento di Chelmno per essere gasati a morte.

Gli americani hanno accarezzato la fantasia di essere incapaci di compiere tali atrocità, ma è proprio quello che è: una fantasia. Per citare un episodio tra tanti, in Vietnam due compagnie di fanteria violentarono e uccisero cinquecento civili disarmati prima che si sentissero sufficientemente autodifesi. Solo un poliziotto montanaro si è preso la colpa, presumibilmente, per incoraggiare gli altri a confessare.

Al tempo delle oscenità dell’Impero americano in Afghanistan e Iraq, la scusa dell’autodifesa per aver inflitto omicidi di massa ai civili era stata seriamente viziata. Fallujah, con le sue vitime, ne ha fatto uno scherzo disgustoso. Paradossalmente, sebbene sia stato smascherato come un cliché bucato per aver fornito una copertura frammentaria agli omicidi militari, questo continua a essere utilizzato da stupidi alti esponenti politici, capi di stato confusi, contenti di essere conosciuti universalmente come bugiardi psicopatici e pazzi criminali.

Così, quando, dopo “la vecchia visita a sorpresa” nell’Israele nazista in quella maledetta alba, Netanyahu ha organizzato il suo genocidio su Gaza e lo ha spiegato ad un mondo sbalordito come legittima difesa, il suo trambusto tuttavia non ha catturato l’opinione pubblica, come aveva sperato. Per le nazioni osservatrici, il riconoscimento del genocidio è come il riconoscimento della pornografia: lo sanno quando lo vedono. E lo stanno vedendo, quotidianamente, in modo crudo, senza filtri, nonostante gli sforzi frenetici del regime israeliano, del nostro governo e della nostra stampa dissoluta e prostituta, per negarlo e nasconderlo.

L’Israele sionista ha mostrato al mondo la sua indole criminale, e non può più nascondersi dietro i belati screditati del cliché dell’antisemitismo. Il sionismo non è il giudaismo. L’Israele sionista è il traditore del giudaismo etico e il suo nemico eretico. Gli ebrei coscienziosi denunciano Israele e si allontanano dalla sua disumanità. L’arco dell’universo, come diceva MLK, è lungo, ma tende verso la giustizia.
Nel tentativo di distruggere i palestinesi, Israele ha ciecamente innescato l’Opzione Sansone, e inevitabilmente distruggerà se stesso.

*Paul Edwards è uno scrittore e regista del Montana. Può essere raggiunto a: hgmnude@bresnan.net

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “L’autodifesa del conquistatore

  1. E’ riduttivo addossare la colpa al solo Netanyahu. Egli è ne più e ne meno uguale a tantissimi altri ebrei di Israele. A riprova di questo è da evidenziare che Il Likud, il suo partito, piglia ancora il 24% dei voti. E’ la cultura ebraica che lui incarna il problema in fattispecie la loro convinzione di essere superiore a tutti gli altri popoli per scelta divina. Questo li pone su un altro piano nel pianeta al di fuori di tutti gli altri popoli. Impossibile per loro integrarsi.

  2. ISRAELE E IL MINISTERO DELL’HASBARA
    https://www.bloccostudentesco.org/2023/11/17/bs-israele-ministero-hasbara/
    Con l’avvento di TikTok, lo Stato di Israele ha intravisto un’altra opportunità: il il suo account ufficiale su TikTok ha guadagnato decine di migliaia di follower durante il conflitto del 2021, condotto come una vera e propria guerra psicologica, sia a livello internazionale che verso i propri civili.Tutto ciò suona familiare? Lo è, perché stiamo vivendo ancora una volta la stessa situazione. I media, infatti, non parlano di guerra tra Israele e Palestina, ma tra Israele e Hamas, distogliendo l’attenzione dalle ingenti perdite civili palestinesi. Basta affermare, senza provare, che terroristi si nascondano in scuole, ospedali e ambulanze per giustificare bombardamenti senza rimorsi per gli innocenti, ridotti a “danni collaterali”. È anche lecito bloccare i servizi umanitari dall’entrare a Gaza per fornire acqua, cibo e gas agli ospedali al collasso, se ciò serve a punire i terroristi. “Occhio per occhio, dente per dente”, dopo 70 anni di occupazione, la fine sembra possibile solo quando tutti coloro che difendono la propria casa saranno stati scacciati o uccisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM