L’attuale cattiva condotta dell’occidente ha una lunga storia

di James O’Neill

Uno dei temi persistenti dei leader politici occidentali è che loro dichiarano di sostenere il concetto di “stato di diritto”. Con questo vogliono indicare generalmente il sistema di diritto sviluppato dalle nazioni occidentali e, nel contesto internazionale, la formulazione negli ultimi 120 anni circa del diritto internazionale.

Con questo ovviamente, significano “la loro legge”. Qualsiasi deviazione da questo, da parte delle nazioni non occidentali, deve essere deplorata e, se del caso, punita.
L’epitome di questo approccio si trovava nei processi di Norimberga e nel loro equivalente giapponese che seguì la vittoria nella seconda guerra mondiale. La guerra fu dichiarata il crimine internazionale supremo. Il principale consigliere americano presso il Tribunale di Norimberga, Robert Jackson, dichiarò che i processi di Norimberga ponevano “il diritto internazionale direttamente dalla parte della pace contro la guerra aggressiva”.

I processi di Norimberga e Tokyo possono essere visti in retrospettiva come l’apogeo del concetto secondo cui la guerra era un’offesa contro l’umanità. Dal 1945 le maggiori potenze occidentali, in particolare ma non esclusivamente, gli Stati Uniti, hanno condotto una guerra quasi continua.

Queste guerre sono stata principalmente rivolte contro paesi che non avevano la capacità, militare o di altro tipo, per reagire.

Né questo è un nuovo fenomeno. Wikipedia ha un elenco sorprendente di guerre che coinvolgono gli Stati Uniti, risalenti alla guerra rivoluzionaria del 1775-1783 e continuando quasi senza sosta fino ai giorni nostri. Con umorismo involontario, la Seconda Guerra Mondiale è elencata come una “vittoria degli Stati Uniti-Alleati”.

Come tutti gli studenti di quella guerra sanno, la maggior parte dei combattimenti e delle vittime ebbe luogo sul fronte orientale tra la Germania, i suoi alleati e l’Unione Sovietica. La guerra era in atto da più di due anni prima che gli americani diventassero un partito formale. Le perdite totali americane durante la seconda guerra mondiale furono poco più di 407.000, meno della Russia perse nella battaglia di Stalingrado (478.000 uccise o disperse) in un periodo di cinque mesi.

La propensione alla guerra dell’Occidente continuò senza sosta dopo la fine della seconda guerra mondiale. La guerra di Corea (1950-53), la guerra del Vietnam 1945-1975), l’Afghanistan (2001- ?, Iraq 2003-?) E la Siria (2008 -?) Sono solo alcuni dei conflitti più noti. Vi furono continue e minori battaglie condotte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati, in particolare nei Caraibi e in America Latina, visti (dagli Stati Uniti) come parte della propria sfera di influenza da quando la dottrina Munroe fu proposta per la prima volta nel dicembre 1823.

Una delle caratteristiche principali di queste invasioni, occupazioni o guerre post-Seconda Guerra Mondiale con altri mezzi è che hanno mostrato un grado decrescente di successo. Dove non hanno avuto successo sul campo di battaglia, gli Stati Uniti hanno continuato a condurre una guerra economica e finanziaria ai loro nemici.

Il classico esempio di ciò è la guerra di Corea, le cui origini e comportamenti sono stati sempre gravemente travisati dall’Occidente. È tuttavia istruttivo su diversi livelli. Il confine nord-sud fu tracciato da due funzionari degli Stati Uniti in seguito alla sconfitta del giapponese occupante nel 1945. L’esercito sovietico, che occupò il Nord dopo la fine della guerra, si ritirò nel 1948. Gli Stati Uniti, che occuparono il Sud, non si sono mai ritirati e oggi vedono la Corea del Sud come un elemento essenziale nel loro accerchiamento verso la Cina.

Ci sono letteralmente centinaia di basi militari degli Stati Uniti in prossimità o rivolte verso la Cina, eppure i media occidentali si preoccupano esclusivamente di presunte “aggressioni” cinesi attuali o potenziali. Oltre alle loro molteplici basi militari, gli Stati Uniti svolgono regolarmente esercitazioni militari con i loro alleati regionali come il Giappone e l’Australia che sono preparazioni sottilmente mascherate per la guerra alla Cina. Uno di questi esercizi regolari blocca le rotte commerciali cinesi fondamentali attraverso lo stretto di Hormuz.

La guerra di Corea è stata istruttiva su diversi livelli. L’invasione del Nord da parte degli Stati Uniti e delle truppe alleate raggiunse il confine cinese, minacciando la nuova RPC. Ora sappiamo che il comando militare degli Stati Uniti aveva cercato il consenso del presidente Truman di usare il loro monopolio virtuale delle armi nucleari (certamente la Cina non ne aveva) per bombardare la RPC.

L’obiettivo principale era di ripristinare il governo di Chiang Kai Shek che era fuggito a quella che allora era chiamata Formosa (Taiwan) in seguito alla sua sconfitta nella guerra civile cinese.

L’intervento della RPC nella guerra di Corea è stato decisivo. Le truppe degli Stati Uniti e degli Alleati furono rapidamente espulse dal Nord. Ciò che è stato istruttivo, tuttavia, è stato anche che gli Stati Uniti hanno usato la loro schiacciante superiorità aerea per distruggere efficacemente le infrastrutture civili della Corea del Nord e la capacità di produrre cibo.

Questo è stato istruttivo su diversi livelli. Non solo la distruzione di obiettivi civili è stata un monumentale crimine di guerra (per il quale hanno impiccato i tedeschi a seguito dei processi di Norimberga), ma non c’è mai stata responsabilità legale per questi crimini. Ancora una volta, questo precedente è istruttivo per le azioni e la mancanza di responsabilità per i crimini di guerra americani fino ad oggi.

Nonostante l’enorme pressione occidentale, in gran parte illegale ai sensi del diritto internazionale, i nordcoreani sono sopravvissuti fino ad oggi. Non esiste ancora un trattato di pace per porre fine formalmente alla guerra, sebbene siano ormai trascorsi più di 66 anni dall’armistizio. La Corea del Nord è ora una potenza armata nucleare e dal punto di vista di questo scrittore ogni aspettativa che disarmino è delirante.

Quelle armi nucleari e la protezione militare di Russia e Cina sono il principale deterrente per l’ulteriore aggressione degli Stati Uniti nella regione.

Il Vietnam fu una sconfitta simile per l’imperialismo degli Stati Uniti nella regione. Ancora una volta, una lunga guerra (1945-1975) fu combattuta prima dai francesi e poi dagli Stati Uniti e dai suoi alleati occidentali in seguito alla sconfitta francese di Dien Bien Phu nel maggio 1954.

Sebbene gli Stati Uniti non usassero armi nucleari, impiegarono una gamma completa di altri meccanismi chimici e biologici, il cui uso era di nuovo un crimine di guerra perpetrato su una popolazione civile. Le conseguenze di questa guerra chimica e biologica persistono fino ai giorni nostri sotto forma di terreni agricoli devastati e, cosa più angosciante, i bambini nascono ancora con deformità direttamente attribuibili agli agenti di guerra chimica e biologica impiegati dagli Stati Uniti durante la guerra.

Truppe USA circondate in Siria

Ancora una volta, in quello che è ormai un modello manifestamente comune, gli autori di questi crimini di guerra rimangono completamente immuni dall’accusa, nonostante le accuse contro agenti militari di basso livello come il tenente William Calley per il massacro di My Lai. Un articolo pubblicato sulla rivista Foreign Policy (21 maggio 2019) degli Stati Uniti dal titolo “America ama scusare i suoi criminali di guerra” è un perfetto incapsulamento della realtà.

Più recentemente, altre due grandi guerre illustrano una serie di aspetti, tra cui motivazioni ingannevoli per le guerre; menzogne ​​persistenti sulle realtà che seguono le invasioni; e le straordinarie difficoltà delle nazioni vittime a far sloggiare gli invasori, anche decenni dopo.

Le due guerre in questione sono l’Afghanistan (dal 2001 ad oggi e oltre) e l’Iraq (dal 2003 ad oggi e oltre). In entrambi i casi la presunta giustificazione per l’invasione erano palesi bugie. Il libro di Ron Susskind sul segretario al Tesoro di Bush Paul O’Neill (The Price of Loyalty 2004) ha rivelato come la decisione di invadere l’Afghanistan sia stata presa ben prima della presunta ragione degli eventi dell’11 settembre 2001. Piuttosto, l’invasione e l’occupazione avevano più da fare con la posizione strategica dell’Afghanistan e le rotte petrolifere dal bacino del Mar Caspio rispetto a qualsiasi presunto ruolo di Osama bin Laden che è stato (falsamente) presumibilmente implicato nell’uso di aeroplani per distruggere edifici pubblici a New York e Washington.

Nel caso dell’Iraq le mostruose menzogne ​​raccontate e ripetute fino alla nausea dai fedeli alleati, erano le “armi di distruzione di massa” di Saddam Hussain.

Qui non è difficile percepire schemi ricorrenti. I paesi situati strategicamente con risorse preziose diventano oggetto di invasione, occupazione e furto di tali risorse e subiscono enormi perdite civili (ben oltre 1 milione di persone nel caso
di entrambi i paesi). Nessuna delle accuse ha mai avuto alcuna somiglianza con la verità.

Truppe USA in Afghanistan

Allo stesso modo, in un altro schema ricorrente, nessuno degli autori di queste mostruose attività si trova di fronte a un tribunale che li tiene in causa per i loro crimini. Naturalmente ci sono molti esempi. Quando si esamina il record di invasioni, occupazioni, bugie dimostrabili pronunciate nella giustificazione e il continuo furto di risorse naturali è impossibile conciliare questa storia con il mantra del “diritto internazionale basato sulle regole” così solennemente ripetuto dai leader occidentali.

Vi sono tuttavia alcuni segnali incoraggianti che questa era di banditismo senza legge potrebbe avvicinarsi ai suoi giorni finali. Mi riferisco qui alla rapida ascesa della Cina, o più precisamente, alla ricomparsa della Cina come potenza dominante nel mondo.

Attraverso una varietà di iniziative, di cui la BRI è la più grande e conosciuta (e significativamente, osteggiata da Stati Uniti e Australia). Esistono molte altre iniziative economiche e politiche di natura veramente trasformativa. Le loro tendenze attuali e probabili di grande successo sono una delle principali ragioni per cui gli Stati Uniti stanno usando ogni arma nel loro arsenale politico, economico e finanziario per opporsi e minare queste iniziative a guida prevalentemente cinese.

Secondo lo scrivente, quel tentativo di sabotaggio alla fine fallirà, sebbene a costi considerevoli per un certo numero di nazioni. Mentre entriamo nel 2020, tuttavia, queste iniziative, dalla Cina a est alla Russia a ovest e oltre, offrono la migliore prospettiva di un mondo stabile rispetto ai disastrosi passati due secoli di dominio occidentale.

James O’Neill, barrister at Law australiano, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code