"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’attentato di Manchester smentisce le tesi “farlocche” di Trump sui mandanti del terrorismo

di  Luciano Lago

Ancora una volta sono i fatti e la loro cruda realtà a smentire le teorie precostruite ad uso dell’Establishment USA/ Atlantista sulle matrici del terrorismo ed i suoi effetti.
Il Presidente Trump , mentre si trovava a Rijad, in Arabia Saudita, aveva appena appena esposto la sua “teoria” in base alla quale “tutto il terrorismo proviene dall’Iran”, il vero “male assoluto” che “muove tutte le trame del terrore nel mondo”, questo secondo lui e secondo i suoi sodali sauditi, notoriamente i veri mandanti del terrorismo di ispirazione wahabita/salafita.

Peccato che, neanche 48 ore dopo, il terrorismo di marca wahabita/salafita ha colpito l’inghilterra con l’esplosione di un terrorista suicida che si è fatto esplodere nel mezzo di un concerto al Manchester Arena, seminando morte e terrore con un primo bilancio di 22 vittime e 50 feriti, fra le ragazzine ed i ragazzini (la più piccola vittima aveva 8 anni) accorsi ad ascoltare l’esibizione della popolare cantante Ariana Grande, idolo dei teen ager.

L’attentato è stato rivendicato dallo Stato Islamico che ha dichiarato che “l’attacco è una vendetta che ha per obiettivo quello di terrorizzare i politeisti”, riferendosi ai cristiani ed anche “una risposta alle aggressioni alla casa dei mussulmani”.
Rivendicazione confermata anche dalla celebre Rita Katz, ” del SITE (acronimo di Search for International Terrorist Entities), il” megafono” dello Stato Islamico. Per chi non lo sapesse bisogna considerare che il Site è attualmente, attraverso il finanziamento di intelligence e non meglio precisati gruppi economici privati, il punto di riferimento per la distribuzione di tutti i messaggi segreti e i video jihadisti.

A parte la valanga di commenti retorici di condanna e di circostanza che sono seguiti su tutte le reti Tv sul gravissimo attentato, pochi commentatori al di fuori della linea ufficiale hanno fatto dichiarazioni in cui si sottolinea il grave errore commesso dalle autorità britanniche (ed europee) nel sottovalutare la minaccia jihadista radicale, quella di ispirazione wahabita/salafita, e di aver voluto separare l’azione del governo britannico rispetto a quelle forze (Esercito Siriano -Hezbollah-Iran- Russia) che stanno combattendo sul terreno i terroristi dell’ISIS e degli altri gruppi.

Da notare che pochi giorni prima la premier britannica Theresa May ed il suo ministro della Difesa avevano dichiarato che l’Esercito britannico è pronto ad inviare le sue truppe in appoggio a quelle USA ed ai “ribelli siriani” per rovesciare il Governo di Damasco (con il finto pretesto di combattere l’ISIS).
L’attentato di Manchester segna la smentita più clamorosa alla teoria “trumpiana” di un ravvedimento dell’Arabia Saudita nell’appoggio al terrorismo e l’attribuzione delle responsabilità all’Iran, il paese che si presta da anni a combattere il terrorismo wahabita/salafita, ispirato e finanziato dall’Arabia Saudita ed appoggiato anche da USA e GB.

Attentato a Manchester

Non tutti i politici europei si fanno però ingabbiare nel solito schema voluto dagli USA e dalla NATO di deviare l’attenzione dalle vere responsabilità sull’aumento del terrorismo in Europa e fra questi c’è Marek Cernoch, vice presidente dle Comitato per le questioni europee della Camera Bassa del Parlameto ceko.
“L’Unione Europea avrebbe dovuto operare già da molto tempo invece di aspettare inerme una nuova ondata di violenze e di assassinii, ha dichiarato l’esponente ceko. Vedi: Sputnik Mundo

Cernoich ha segnalato che in Europa ci sono più di un milione di immigrati illegali. “Nessuno sa che tipo di gente sia, se fra questi si trovino degli elementi radicalizzati potenziali attaccanti”, mentre metteva in risalto che era necessario prendere da molto tempo le misure idonee per risolvere il problema. “Oggi giorno non vedo altra possibiltà di garantire la sicurezza che quella di espellere immediatamente tutti coloro che non hanno diritto di essere accolti come rifugiati. I servizi di sicurezza, quelli di intelligence, devono vigilare al massimo coloro che entrano e quelle che sono sospetati di avere collegamenti con gruppi radicali”, ha commentato.

“Il nostro partito, l’USVIT è stato quello che si è opposto all’apetura delle frontiere ed è stata questa una giusta decisione”, ha dicharato.

“Attualmente stiamo lavorando perchè il Governo non abbandoni la sua ferma posizione nonostante che la UE voglia imporre sanzioni finanziarie a quegli Stati che non accettano le quote di migranti”.
La protezione delle frontiere è un fatto imprescindibile ed il fatto che tutta questa gente sia entrata illegalmente in Europa rende più difficile il loro controllo e la sorveglianza dei loro movimenti.

D’altra parte non molto tempo fa anche il presidente della Repubblica ceka, Milos Zeman, era entrato in aspra polemica con le decisione della Commissione Europea ed aveva aspramente criticato la decisione di voler imporre l’accoglienza di migranti da qualunque parte del mondo arrivino. Vedi: Zeman: Ipocriti, siamo noi a creare migranti e terroristi

Non siamo stati noi a destabilizzare i paesi da cui arrivano i profughi ma la responsabilità è degli USA e della Gran Bretagna e della Francia, che hanno effettuato interventi militari unilaterali come quello in Libia, scatenando il caos. Che si accollino loro il problema dei profughi”, aveva dichiarato Zeman, fatto oggetto di molte critiche per queste dichiarazioni.

Posizioni similari di diniego all’apertura delle frontiere sono state espresse ripetutamente ed ostinatamente anche dall’Ungheria di Viktor Orban, come dalla Polonia, dalla repubblica Slovacca e dall’Austria.

Massima apertura delle frontiere e traghettamento (agevolato dalle navi dele ONG) di tutti gli elementi in arrivo dall’Africa, Nord Africa e Medio Oriente viene generosamente offerta dal Governo Italiano Gentiloni, come da quello precedente di Renzi, senza alcuna limitazione per motivi di sicurezza ma anzi, con incoraggiamento al processo di “invasione” visto che questo favorisce il Business delle mafie, dei trafficanti di uomini, degli scafisti e delle Cooperative di Accoglienza.

Un vero sistema economico che sta arricchendo molti e creando problemi che via via diventeranno molto pesanti per la popolazione italiana. Popolazione che oggi assiste al fenomeno quasi inebetita dalla propaganda buonista delle TV e del Vaticano e non ancora ha preso coscienza di quali sono le centrali che dirigono il traffico ed a quali fini.

*

code

  1. PieroValleregia 7 mesi fa

    … tutto fatto ad arte; tra l’altro in UK ci saranno le elezioni e se vincessero i laburisti potrebbero annullare la brexit e questo “attentato” a mio modestissimo parere, cade a “fagiolo”
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Stefano 7 mesi fa

    Avete notato che a seguito degli attentati non rimangono mai coinvolti Figli o parenti dei politici.mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 7 mesi fa

      … e mai un attentato contro un Hollande, Obama, renzi, Merkel, eccetera …
      però hanno ammazzato l’autista personale di Putin e diversi suoi ambasciatori …
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mardunolbo 7 mesi fa

    Fanno sempre parte di una strategia studiata apposta per seminare il panico a masse di teste vuote (come ormai hanno ridotto buona parte della gioventù europea) per poi fare accettare le restrizioni delle libertà !
    Ogni volta che vado in aeroporto mi chiedo sempre perchè , per colpa di 4 beduini di mrd che hanno fatto attentati ad aerei, tutto il mondo deve soffrire per restrizioni mostruose ed imbecilli…
    Ci rendiamo conto che non si possono portare più di tot grammi di profumo altrimenti è un pericolo ?
    Non più di 25 grammi di crema altrimenti può essere esplosivo al plastico ?
    Nei Serpenti Uniti ora si sono inventati la proibizione in cabina del laptop ! ogni volta maggior restrizioni mentre si scatenerebbe l’inferno di rivolta se finalmente si facessero misure differenti: Tutti coloro che sono riconosciuti islamici sono fermati e sottoposti a controllo.
    Quando mai cristiani hanno fatto i terroristi suicidi ? Buddisti che fanno i terroristi suicidi ? Ricordo solo i bonzi vietnamiti che si bruciavano vivi per indicare lo sporco gioco Usa contro il Vietnam, ma mai penserebbero di uccidere altri !
    Pensare che bello veder fermare beduini non-cammellati e vederli in fila e zitti sottoporsi a controlli di polizia, mentre noi svelti entriamo per vie di accesso facilitate portandoci dietro fiammiferi, accendini, liquori e creme cremine per signore senza che alcuno dica “beh” !
    Che immagine, che sogno di mondo giusto !
    Ma così non è poichè avendo ben appreso da maestri sionisti che hanno devastato a bombe la Palestina per terrorizzare gli abitanti legittimi, dopo gli islamici hanno imparato ed applicato pure loro il terrorismo. La differenza è che non riuscendo più di tanto rispetto agli ebrei, si sono inventati il terrorista -suicida !
    Non chiamiamolo Kamikaze (vento di dio) che si disonorano i veri kamikaze giapponesi che si opponevano in tutti i modi all’invasione della loro terra …
    Questi attuali sono terroristi suicidi islamici , pagati ed ispirati da Usraele ed Arabia Saudita, il cui scopo finale è provocare odio interreligioso tra cristiani e musulmani per poi manovrare lo scontento e l’odio.
    Ma ormai la miccia è accesa e riportare alla luce della verità storica crociate, colonizzazioni , Rivoluzione francese, Illuminismo, comunismo ed altro , diventa un tale lavoro di ristrutturazione che ci vorrebbe un campo di lavoro forzato per milioni di persone per far riacquistare, a video, conferenze ed educazione protratta certe realtà storiche ora deformate da menzogne ed ipocrisie incredibili.
    Non ho speranza che si possa tornare a recuperare valori perduti da generazioni, se non con un rivolgimento talmente radicale da creare immensi lutti e lacrime. E la situazione in medio Oriente sta preparando ciò! Basta solo saper vedere, aprendo gli occhi. Almeno morremo sapendo ed essendo a conoscenza de perchè doveva andare così. Non vorrei mai essere come quelle madri o quelle ragazzine o giovani maschi, che ilari e ignari sono stati travolti (e ne saranno in futuro ancora tanti !) dalla Morte improvvisa avvenuta durante la spensieratezza di una vita forse spesa inutilmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ERNESTO PESCE 7 mesi fa

    10 maggio del 2016. Un anno fa. Al centro commerciale di Trafford, non lontano dallo stadio di Manchester, la polizia britannica mise in scena la simulazione di un attentato terroristico.
    22 maggio del 2017. Allo stadio di Manchester, la polizia britannica mise in scena la realizzazione di un attentato terroristico.
    Nessuno gli e’ venuto in mente che i terroristi vengono usati dai governi europei per creare strategia della tensione e impaurire gli europei ed indirizzarli al falso nemico “islam”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 7 mesi fa

      Sul fatto che I governi europei e transatlantici sfruttino gli attentati per impaurire il popolo e fargli accettare varie limitazioni di liberta’ e sovranita’ non ci piove. Pero’ l’Islam (quello estremista) non e’ certo innocente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace