L’attacco di Ritorsione dello Yemen sull’Arabia Saudita; “Una guerra reale e spaventosa”

Gli attivisti sauditi hanno descritto la nuova operazione missilistica dell’esercito yemenita, sostenuta da comitati popolari, come “una vera e spaventosa guerra “.

In rappresaglia per i crimini commessi dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati contro il popolo yemenita, le forze dell’esercito yemenita, sostenute dal movimento popolare Ansarollah, nell’ambito dell’operazione “Deterrence Equation 6”, hanno attaccato domenica diversi obiettivi militari nel sud e nell’est del territorio saudita , in particolare con 14 droni e otto missili balistici.

L’operazione ha avuto ampia eco sui social: attivisti sauditi hanno postato video dell’attacco, sottolineando di aver visto “una vera guerra” con i propri occhi .

Oltre a descrivere l’operazione come “spaventosa” , hanno indicato che i sistemi di difesa missilistica Patriot di fabbricazione statunitense, invece di intercettare i proiettili yemeniti, hanno preso di mira alcune regioni all’interno dello stesso regno arabo.
Allo stesso tempo, fonti saudite hanno riferito che il traffico aereo è rimasto bloccato su diversi aeroporti del Regno Saudita dopo l’attacco dello Yemen, i cui droni, secondo il ministero dell’Energia saudita, avevano colpito uno dei serbatoi di stoccaggio del petrolio della compagnia statale Aramco, situato nella città portuale di Ras Tanura (Arabia Saudita orientale).

A sua volta, il portavoce dell’esercito yemenita, il tenente generale Yahya Sari, ha specificato la stessa domenica che l’operazione è stata condotta “nel quadro della legge naturale e di legittima difesa ” dello Yemen, in risposta agli atti ostili della cosiddetta coalizione degli aggressori sauditi.

Venerdì scorso, il presidente del Comitato rivoluzionario supremo, Muhamad Ali al-Houthi, ha ribadito che le forze yemenite continueranno ad attaccare l’Arabia Saudita , mentre Riyadh e i suoi alleati prendono di mira lo Yemen e mantengono l’assedio.

Effetti dei bombardamenti sauditi sullo Yemen


Nota: Il conflitto ha già provocato decine di migliaia di morti fra i civili ed ha visto le città ed i villaggi dello Yemen bombardati in modo indiscriminato dall’aviazione saudita che gode dell’appoggio logistico di Stati Uniti e Gran Bretagna.
L’ONU ha definito quella dello Yemen la “maggiore emergenza umanitaria” oggi nel mondo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

5 Commenti

  • Eugenio Orso
    8 Marzo 2021

    Come ho già scritto in altri commenti, per aumentare l’efficacia delle loro azioni militari, i resistenti yemeniti dovrebbero ricevere più missili e droni all’Iran e colpire anche obbiettivi cosiddeti civili, in arabia saudita, per seminare il panico e fare più morti possibile, evitando però di colpire la minoranza sciita locale.

    Cari saluti

    • Kim
      9 Marzo 2021

      Pienamente d’accordo

  • ARMIN
    8 Marzo 2021

    Secondo me, l’Arabia saudita non si riprenderà più. E’ la sua fine ingloriosa,
    La catastrofe se l’è cercata. Auguri.

  • Anonimo
    9 Marzo 2021

    Le sottane medievali saudite resistono perché hanno Renzi a puntello

  • Mardunolbo
    9 Marzo 2021

    Ottimi colpi gestiti bene contro i beduini arricchitisi con la tecnologia occidentale ed i soldi americani+ accordi con Israele. Si becchino missili, droni e quant’altro in modo che crolli la monarchia spregevole

Inserisci un Commento