L’attacco alle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk terminerà al confine lungo il Dnepr

Se l’Ucraina oserà lanciare un’offensiva contro le Repubbliche del Donbass, le forze armate ucraine saranno almeno cacciate dalle ex regioni di Donetsk e Luhansk.

Su questo trasmette, il corrispondente di «PolitNavigator», scrive in «Komsomolskaya Pravda» l’osservatore militare Viktor Baranets.
Secondo lui, oggi c’è un’altissima probabilità che l’Ucraina riprenda le ostilità attive nel Donbass.

Allo stesso tempo, sottolinea l’esperto, a partire dalla domanda “Interverrà la Russia?” dipende da “quanto velocemente Zelenskyj si trasformerà in Saakashvili durante la guerra in Ossezia del Sud, addentando un nodo”.

L’autore ricorda che centinaia di migliaia di cittadini russi vivono già nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

“E secondo la nostra Costituzione, lo Stato è obbligato a proteggere i suoi cittadini ovunque si trovino. E se Kiev lancia un’offensiva contro il Donbass, se cittadini russi muoiono in massa sotto carri armati ucraini, proiettili americani e droni turchi (hey, Biden ed Erdogan, state davvero armando Zelensky per questo?), Mosca no. guarda con indifferenza ”, sottolinea Baranets.

Secondo lui, dopo l’intervento di Mosca nel Donbass, potrebbe non essere novembre 2020, quando le forze di pace russe sono sbarcate in Karabakh e hanno fermato la guerra, ma più probabilmente un nuovo agosto 2008, quando sono arrivati ​​i carri armati russi. Tbilisi.

Volontari nel Donbass

“Sia l’Ucraina che gli Stati Uniti tengono conto del fatto che le truppe del distretto militare meridionale russo, al confine con l’Ucraina, sono in un costante stato di” riscaldamento “? Gli esercizi si svolgono regolarmente lì. I comandanti conoscono bene il terreno su entrambi i lati del confine e l’intelligence: lo stato delle truppe ucraine, il loro dispiegamento e le capacità ”, dice l’osservatore.

Rileva inoltre che ci sono molti volontari nella Federazione Russa che verranno in aiuto del Donbass.

Ricordi le parole di Putin? Se Kiev scatena un’operazione punitiva nel Donbass, l’Ucraina potrebbe perdere la sua statualità. Ma ho sentito dai nostri strateghi militari e parole molto più dure: “Come se il confine di stato dell’Ucraina non passasse per il Dnepr”.

Quali sono le opzioni qui? Il Donbass, con il sostegno della Russia, può espellere le truppe ucraine dai suoi confini amministrativi (compresi Mariupol, Slavyansk e Severodonetsk) e lì cesseranno le principali ostilità. E questo significherà automaticamente che Donetsk e Lugansk si separeranno per sempre dall’Ucraina. E con il permesso delle autorità della DPR e della RPL, le basi militari russe appariranno lì in modo abbastanza ufficiale ” , conclude l’autore.

Forze difesa russa

Né esclude che il corso della guerra possa cambiare in modo tale che anche molte delle regioni ucraine che gravitano maggiormente verso la Russia siano richieste dalla Federazione Russa.

Mappa Ucraina/ Donbass

“Certo, dagli Stati Uniti e dall’Europa ci saranno grida di ‘aggressione russa’, ovviamente cadranno nuove sanzioni. E le basi NATO appariranno nel restante territorio dell’attuale Ucraina. Forse questo è l’obiettivo degli Stati Uniti: lasciare che l’Ucraina sia più piccola, ma ancora più arrabbiata e isterica contro la Russia. È un peccato che gli ucraini cadano in questa trappola in questo momento. Mosca sicuramente non ne ha bisogno ”, riassume Baranets.

Fonte: https://www.politnavigator.net/ataka-na-ldnr-zakonchitsya-granicejj-po-dnepru.html

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM