L’attacco a sorpresa di Huawei apre una breccia nelle sanzioni statunitensi contro la Cina

di Bradley Blankenship

Lo smartphone Huawei Mate 60, che recentemente ha visto la luce senza alcuna campagna pubblicitaria o preavviso, ha suscitato molto entusiasmo. Il 30 agosto, Reuters ha riferito che le azioni della società erano salite alle stelle, in mezzo al successo inaspettato del modello con specifiche descritte come ben al di sopra degli standard del settore, comprese chiamate satellitari e velocità molto elevate.

L’azienda, però, non ha commentato la scheda tecnica. Non è stato specificato se il telefono fosse compatibile con il 5G, anche se gli utenti hanno confermato che lo era. Huawei ha solo dichiarato di aver compiuto passi avanti nel campo delle comunicazioni via satellite, cosa che è stata anche dimostrata. La questione fondamentale, però, riguarda i chip telefonici. Dopo che una vasta campagna di sanzioni statunitensi ha bloccato l’accesso della Cina ai chip prodotti all’estero, il governo degli Stati Uniti ora afferma che esaminerà la questione chiave: “Come è riuscita la Cina ad arrivare lì? »


Il South China Morning Post , ad esempio, era particolarmente interessato al modo in cui Huawei nasconde l’evidente potenza del chip del telefono. Una teoria è che la tecnologia sia stata fornita dalla Semiconductor International Manufacturing Corp (SMIC), che ha rifiutato di commentare. Questa sembra essere l’ipotesi più probabile, che uno smantellamento effettuato da Bloomberg sembra confermare.

Il sito di benchmarking cinese AnTuTu ha condotto test che suggeriscono che l’unità di elaborazione centrale (CPU) del Mate 60 potrebbe essere il Kirin 9000 di fabbricazione cinese, che “segnerebbe una svolta per l’industria cinese dei semiconduttori e una vittoria importante pietra miliare per il business dei chip per smartphone di Huawei “.

Questa ipotesi sembra confermata in un rapporto Nikkei Asia dello scorso luglio che discuteva del ritorno di Huawei nel mercato della telefonia 5G. Secondo il titolo della stampa, SMIC produrrebbe un chip da 7 nanometri per Huawei. Questo chip è indietro di due generazioni rispetto alla tecnologia all’avanguardia – Apple sta per lanciare un nuovo iPhone con chip da 3 nm – ma è ancora di gran lunga migliore di quelli a cui la Cina dovrebbe teoricamente avere accesso in base alle sanzioni statunitensi. Le restrizioni di Washington sull’accesso alla tecnologia hanno lo scopo di limitare l’industria dei chip di Pechino ai livelli di 14 nm, circa otto anni indietro rispetto agli ultimi progressi.

Altra possibilità: Huawei avrebbe prodotto il chip utilizzando la propria catena di fornitura. Un rapporto di Bloomberg, che cita la Semiconductor Industry Association, ipotizza che Huawei potrebbe aver segretamente costruito una rete indipendente di catene di approvvigionamento per eludere i controlli sulle esportazioni statunitensi reclutando fonderie esistenti. Ciò significherebbe che Huawei è finalmente diventata indipendente ed è riuscita a eludere le sanzioni statunitensi.

Il Mate 60 è stato rilasciato nel bel mezzo di una visita in Cina da parte del ministro del Commercio statunitense Gina Raimondo, il cui ufficio supervisiona l’attuazione delle sanzioni imposte alle industrie cinesi ad alta tecnologia. L’allineamento di questi eventi costituirebbe un duro colpo – sia sostanziale che simbolico – per gli Stati Uniti, che stanno cercando di soffocare unilateralmente la competitività globale della Cina in aree sensibili. Il quotidiano cinese Global Times ha menzionato in particolare la sensazione dei cittadini cinesi di Internet di “ insorgere sotto la pressione americana ”.

“Entrambe le opzioni spaventano gli esperti di Washington”
Infine, potrebbe darsi che il nuovo telefono utilizzi scorte create prima che le restrizioni fossero imposte dagli Stati Uniti, ad esempio chip prodotti da Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (TSMC) prima di settembre 2020. Secondo i rapporti, Huawei aveva accumulato chip prima che entrassero in vigore i controlli. forza; forse li sta riconfezionando oggi introducendo alcune modifiche. Se fosse vero, significherebbe che Huawei rimane ancora sotto le sanzioni statunitensi. Questa però è la spiegazione meno probabile.

Anche se la spiegazione più probabile sembra essere che la Cina abbia sviluppato una tecnologia per produrre chip avanzati a livello nazionale, oppure abbia trovato il modo di costruire una catena di approvvigionamento attorno alle sanzioni statunitensi, in ogni caso queste spiegazioni rappresentano un’enorme vittoria per l’industria cinese delle telecomunicazioni nel di fronte alle ingiuste pressioni degli Stati Uniti. Entrambe le opzioni spaventano gli esperti di Washington. Basta leggere l’ ultimo rapporto del Washington Post secondo cui il Mate 60 “ suscita preoccupazione sul fatto che la Cina abbia trovato un modo per aggirare le restrizioni tecnologiche statunitensi ”. L’articolo cita esperti statunitensi che affermano che la Cina rimane ancora “in the game ” quando si tratta di fornire prodotti di qualità abilitati al 5G.

Nel 2021, Huawei ha lanciato il proprio sistema operativo HarmonyOS dopo che una sentenza del governo degli Stati Uniti ha vietato all’azienda di collaborare con aziende americane come Google, costringendo i dispositivi Huawei a utilizzare versioni pure di Android senza alcuna app Google. All’epoca, l’azienda riuscì ad adattarsi creando un proprio sistema operativo in un campo saturo al 99% da Android di Google e iOS di Apple. Non si è trattato di un’impresa da poco ed è una testimonianza dell’ingegno cinese, nonché del successo delle politiche di riforma e di apertura del paese in generale.

Chiunque sia impegnato a favore di un mercato libero e aperto dovrebbe rallegrarsi del successo del Mate 60 di Huawei, visti gli ostacoli senza precedenti che l’azienda ha dovuto affrontare. Sarebbe difficile definirlo un risultato eccezionale in termini di track record dell’azienda, ma è comunque una storia molto stimolante.

fonte: RT Francia

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su “L’attacco a sorpresa di Huawei apre una breccia nelle sanzioni statunitensi contro la Cina

  1. Bene bene … dopo le sanzioni Usa che hanno colpito Huawei e che portarono addirittura all’arresto di un suo amministratore in visita in Canada per averle “violate”, cioè venduto tecnologia all’Iran, la Cina ha vietato l’uso dei telefonini Apple ai dipendenti pubblici cinesi, telefonini che pure assembla. Dopo la cacciata di McDonalds dalla Russia, un’altro tassello della de-americanizzazione in corso in molte parti del mondo … tranne che da noi !

  2. Le delusioni provate dai nostri padroni americani vanno sempre festeggiate con buona pace dei nostri propagandisti atlantisti delle televisioni e dei giornaloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM