L’attacco a Colonia (Germania) ad opera di una cellula terrorista islamica

L’attacco di lunedì 15 ottobre ha visto in azione un “lupo solitario” che in nome dell’ISIS (Daesh) al Mc Donald’s della Stazione si Colonia, ha prima dato fuoco ad una ragazzina di 14 anni ustionandola gravemente per poi barricarsi nella vicina farmacia dove ha tenuto in ostaggio una donna per alcune ore, prima di essere neutralizzato e ferito gravemente dalle Forze Speciali della Polizia .

Il fatto è avvenuto praticamente nella stessa piazza dove nella zona sud ovest durante la festa pubblica di capodanno 2015/2016 gruppi di giovani mussulmani hanno sistematicamente aggredito, stuprato e molestato sessualmente centinaia di ragazze tedesche.


Ecco quali sono le dinamiche e le centrali del radicalismo e del terrore islamista che producono questi vigliacchi assassini . Mahdy Akef, egiziano deceduto il 22 settembre 2017 (ora finalmente in buona compagnia di ben 72 vergini), era residente al Cairo ed era il murshid, guida suprema dei Fratelli Musulmani nel mondo, esplicito sostenitore dei terroristi suicidi in Iraq, diresse a Monaco il più dinamico centro musulmano della Germania, con la sua grande moschea a nord della città, dal 1984 al 1987.

È a Monaco che è nata la Islamische Gemeinschaft in Deutschland, IGD, una delle maggiori organizzazioni islamiche della Germania, pienamente controllata dai Fratelli Musulmani, con sessanta moschee in tutto il paese. Da qualche anno il suo centro direttivo è a Colonia. Ne è presidente l’egiziano Ibrahim Al Zayat, 39 anni, leader carismatico di un insieme di organizzazioni giovanili e studentesche islamiche a loro volta collegate alla World Assembly of Muslim Youth, WAMY, la più grande organizzazione giovanile islamica mondiale, finanziata dall’Arabia Saudita, di impronta rigorista wahhabita e con pubblicazioni accesamente antiebraiche e anticristiane.

Ricordo che proprio a Colonia il 12 giugno 2018 con l’arresto di un Tunisino 29enne Seif Allah H. (Il cognome non è stato reso noto dalle autorità tedesche), fu sventato un attentato con bomba biologica alla ricina, un potente veleno di origine vegetale che avrebbe potuto causare una strage di dimensioni importanti. Nella abitazione del tunisino otre ai chicchi di ricina furono ritrovati e sequestrati diversi ordigni esplosivi .

Gianluca Sciorilli (Imola Oggi)
esperto di sicurezza e intelligence in ambito internazionale
Presidente ESIM Global

Islamisti in Germania

La “Islamische Gemeinschaft in Deutschland”

Questa è una delle più forti organizzazioni pel la diffusione dell’ideologia wahabita/salafita in Germania fra i migranti di provenienza del Medio Oriente, Asia e Nord Africa. Ultimamente aveva deciso di cambiare denominazione, come   l’EPD, la “Comunità islamica in Germania”, “German Muslim Community”,  (IGD) ha cambiato il suo nome, riferisce  il portale IslamiQ.  Secondo Ibrahim El Zayat, il presidente, si vuole mostrare più forte il suo attaccamento alla Germania con il cambio di nome. Allo stesso tempo, si fa riferimento alla continuità degli obiettivi e delle specifiche:” Il cambio di nome, tuttavia, non cambierebbe il contenuto della tua agenda. ”

” L’essenza dell’ideologia anti-costituzionale dell’EPD è in – nei tratti rilevanti per l’organizzazione – risale alla scrittura” del Regolamento Generale dei Fratelli Musulmani”, che si riferisce  alla generazione fondatrice di Hassan al-Banna, questi ha dichiarato:

1) islamizzazione della società attraverso attività Da’wa
(in tedesco: missionario) e le misure sociali
per il completamento della “occidentalizzazione culturale” (in arabo:
Taghrib)
2) trasformazione degli istituti di istruzione e di formazione
secondo criteri islamici per la creazione di uno stato islamico basato sui principi islamici e valori ;
3) per l’applicazione della legge islamica (in arabo: Sharia)

[…] Anche se l’EPD non appare apertamente in Germania, non è pubblicato dalla Comunità islamica in Germania e. V. (IGD) e FIOE  questo è  parte di un ” Movimento Islamico” mondiale ed è quindi attivo anche in Germania. Esternamente, il EPD è aperto, tollerante e disposto a impegnarsi nel dialogo e si sforza di lavorare con le istituzioni politiche e i decisori politici per ottenere influenza nella vita pubblica. Tuttavia, il loro obiettivo rimane la creazione di un ordine sociale e politico basato sulla sharia, con il MB che rivendica il ruolo di leadership per tutti i musulmani. Rappresenta una chiara demarcazione contro gli Stati Uniti, Israele, la società occidentale e le persone di altre fedi. Seguaci di MB esprimono anche simpatia per le organizzazioni terroristiche nei social network “.

La costituzione di questi centri sempre più numerosi in Germania ed in altri paesi europei come Belgio, Olanda, Francia e Italia, servirà alla diffusione dell’ideologia wahabita/salafita fra le masse dei migranti islamici, in particolare giovani, con realizzazione di scuole coraniche e radicalizzazione sempre più frequente delle persone nell’ideologia intollerante che, scondo esperti dell’Islam moderato, costituisce una aberrazione della stessa religione islamica. I centri sono stati finanziati sia dall’Arabia Saudita che dal Quatar attraverso passaggio di denaro per mezzo di apposite ONG. Gli stessi consolati e sedi displomatiche di questi due paesi si occupano di facilitare i finaziamenti e l’invio di Iman appositamente indottrinati.

I governi europei sono poco propensi a prendere sul serio la minaccia salvo quando si verificano episodi come quello di Colonia o quelli in precedenza registrati a Parigi o a Bruxelles.

15 Commenti

  • atlas
    17 ottobre 2018

    qualche art.lo fa codesta redazione traduceva che un partito della fratellanza salafita (non musulmana, scriviamo chiaro) in Yemen non provocava terrore alcuno ed era anzi vittima in qualche suo esponente (magari solo per questioni di mero potere) di altre squadracce come loro cioè mercenarie giudeo ameri cane. Qui invece l’espressione della fratellanza salafita di riferimento è l’U.C.O.I. (ometto l’altra I che vorrebbe significare islamiche perché non hanno nulla di islamico) che ha i suoi numerosissimi centri, i maggiori, distribuiti capillarmente in tutta questa disgraziata penisola. Io a Colonia ci stetti lì già nel 1998 (me li girai tutti quei centri della Germania e non solo. Salvini ora che è Ministro dell’Interno che fa ? Mi ricordo di averlo incontrato pochi anni dopo, quando era consigliere comunale di Milano nell’associazione di via Padova; avrà cambiato idea ? Perché non li chiude. Colpire in alto è un’altra cosa eh ?) L’Iran della resistenza all’oppressione sionista li finanzia e appoggia in tutto il mondo, la massoneria del PD americ ano pure. Mettetevi…mettiamoci d’accordo…che cosa sono questa gentaglia ? Delinquenti comuni o criminali moderati

    • robyt
      18 ottobre 2018

      L’UCOII prende i soldi dal Qatar, Turchia, Marocco, Sauditi e altri. Quando blocchi quei finanziamenti sparisce tutto. Come vedi già da quando si è insediato il nuovo governo il 4 marzo, hanno abbassato un po’ le ali, perché hanno capito che gli conviene stare in modalità stealth e praticare un po’ di più la taqyja (anche se degli italiani al massimo possono fottere solo i pdioti con le loro belle balle), magari fanno anche un’altra egira e vanno a colonizzare i loro bei paesi.

      Intanto guarda come fanno in Cina.

      • atlas
        18 ottobre 2018

        delle porcate che ha detto questa persona, che anche fisicamente si identifica in ciò di cui parla, salvo solo il fatto che in quella zona, lo Xinjang al confine con l’Afghanistan (i cui Musulmani Ujguri sono molto più di 11milioni), dopo secoli di pace hanno cominciato a fare attentati. Chi ? Addestrati da chi ? Finanziati da chi ? Provocazioni che portano a cosa ? E soprattutto PERCHE’

        • atlas
          18 ottobre 2018

          stesso discorso per la Thailandia e, oggi, anche per la Birmania. Ricordo che nel 2001 a Bangkok ci ritrovammo Cinesi (wahhabiti ?), qualche arabo e dei giudei ai quali, presentandomeli credendo che fossero arabi musulmani poi rifiutai di stringere la mano, nello stesso grande albergo internazionale. Non credendo in genere alle coincidenze credo di avere rischiato la vita; certe situazioni non tollerano che ci si avvicini troppo

        • robyt
          18 ottobre 2018

          “dopo secoli di pace”. Certo certo, l’islam è una religione di pace, lo disse anche bush, obama e il papa.

          • atlas
            18 ottobre 2018

            gran bella gente

  • amadeus
    18 ottobre 2018

    Noi siamo pazzi, matti da legare a tenerci in europa questa gente, bisogna rimandarli ai loro paesi di origine di corsa, senza se e senza ma, attendere ancora é pericoloso, questi ci sgozzeranno tutti, é follia collettiva restare in silenzio e accettare questa situazione pericolosissima in casa nostra, al diavolo l’accoglienza dei miei stivali, fuori subito !!!

  • giannetto
    18 ottobre 2018

    Alla massa islamica si presta benissimo l’applicazione della finestra di Overton. Può essere, in astratto, che la gran massa musulmana ritenga il terrorismo IMPENSABILE (non nel senso di “irrealistico”, visto che è realtà quotidiana, ma in quello di socio-politicamente “inaccettabile”), ma buona parte di essa è gia passata al giudizio più soft di RADICALE. Diffondendosi, lo troverà ACCETTABILE, poiché un popppolo definito dal suo imprintig religioso (e di una religione rivelata per mezzo dell’arcangelo Gabriele 1400 anni fa!!!… Qui ci vorrebbe una pagina di Voltaire, ragazzi!!!) è tra i poppoli più buoi che possiate immaginare… poi dàghela aventi un passo lo troverà RAZIONALE, finché il Verbo arrivi a essere talmente DIFFUSO, che di terrorismo non ci sarà più bisogno perché il Verbo sarà LEGALIZZATO. A quel punto avremo la SOUMISSION di Houellebecq. Ma è vero che ce la saremo cercata, siccome boves popppuli nostri boves alienos fricaverunt, e altro non poteva essere il risultato. I cinesi invece non voglion correre i rischi del pomiciamento. … Ragazzi, per ricambiare con ugual moneta dovremmo resuscitare S. Bernardo che ci contagi una voglia matta di crociate, ma ahimè…. i nostri popppoli non son più definiti da imprinting religioso, ma informatico; i suoi predicatori li trova nelle ONG. Lasciate ogni speranza.

  • redfifer
    18 ottobre 2018

    Fintanto che il terrorismo sfigura i popoli non crederò mai a questo pseudo-terrorismo, quando invece andrà a colpire chi comanda e da ordini crederò nel terrorismo e finora non ho visto vittime tra politici né figure altolocate, per cui e per quanto mi riguarda questi terroristi o non sanno quali sono gli obiettivi primari o sono agli ordini di chi evitano di colpire, essendo questi i mandanti.

    • giannetto
      18 ottobre 2018

      Premessa: do per buona l’informazione. Se dunque è vero che un anonimo “lupo solitario” ha bruciato un’anonima ragazzina di 14 anni, questo NON è pseudo-terrorismo, ma terrorismo coi fiocchi, opera di un fanatico decerebrato e schizoide, camuffato di Allahu Akbar. Ma vogliamo guardar in faccia le cose come stanno, senza fare i saputi a vanvera? Non riuscite ad immaginare che il fanatismo religioso è come la lebbra e produce contagiosamente dei mostri , nella massa dei baluba dis-integrati? – Siccome è roba che sta sotto gli occhi, non riuscite a vederla? Infatti arzigogolate sulla cacca. – Voi sareste capaci di pensare che anche la stitichezza del mio cane trova la sua metafisica “ratio essendi” in un complotto giudaico (invece vi assicuro che ha avuto un blocco intestinale sentendo un muezzin). –
      Ma non ne avete abbastanza di ste solfe?
      – Lo sfondo psichico dell’ebraismo è la paranoia, d’accordo, ma lo sfondo psichico dell’Islam è la schizofrenia. Non ci siete ancora arrivati? Sembra di no.
      – Che il nostro Redfifer non creda in questo “pseudo-terrorismo” (tanto pseudo- che la bimbetta ha preso fuoco non pseudo…olé! ) è opinione sua… Non si rende neppur conto che quel demente ha acceso il fiammifero su una ragazzina presumo a lui ignota (non era niente di personale, per carità!)…
      – E’ vero che non poteva essere un “obiettivo primario”. (magnifico cliché linguistico!… complimenti!).. nondimeno era un…. “essere umano”. O no? Quale sottile spiegazione “ideologica” il nostro Redfifer ci dà di tale piromania sportiva? La attendo.

      – …. Manca al coro che s’aggiunga la voce del nostro muslim-borbonico, rivelandoci che gli stupri di massa commessi qualche natale fa a Colonia ( su donne qualunque del germanico Volk) erano pure quelli perpetrati da ebrei camuffati (come Clouzot) da musulmani……. Ma bastaaaaaaa con ste stronzate!!! – Meno scolastica e più canocchiale di Galileo, please!!…

      • atlas
        19 ottobre 2018

        a leggerti mi è venuto sonno. Mi addormento pensando alla mia ragazzina in Tunisia che presto rivedrò sempre se vuole il mio Allah. Non preoccuparti per la tua che non se la piglia nessuno …

        • giannetto
          19 ottobre 2018

          @ all’Atlas postumo – A me a leggerti viene invece da ridere. Adesso di più, pensando alla tua minorenne tunisina che prega il suo dio con il culo pizzuto. Spero per te che sia un “joli spéctacle”. – Di me non preoccuparti, visto che di me non sai nulla e puoi fare solo ciance gratuite, pisciando fuori dal vaso, come sempre. – Concentrati piuttosto sul contenzioso dinastico tra i Borboni delle Due Sicilie e i Borboni di Spagna. – Aggiornami: a che punto stan le cose? Avete sistemato il patto di famiglia in previsione della prossima Restaurazione?

          • atlas
            19 ottobre 2018

            minorenne a 27 anni ? Se la tua è minorata non posso farci nulla. Io ti conosco leggendoti e tu non sei falso, scrivi sempre ciò che pensi

            cioè tu sei proprio così. Quindi ritengo difficile che una femmina, degna di tal nome, accetti di coricarsi con te

          • atlas
            19 ottobre 2018

            mi spiego meglio e mi ripeto: i lineamenti delle donne Tunisine sono molto diversi, per razza, a quelli barbari delle tue parti e sicuramente non li conosci. Stai dunque tranquillo, nessun Arabo te la violenterà, hanno di meglio (anche se penso lei lo desidererà),

            forse qualche rumeno …

Inserisci un Commento

*

code