L’astuto Occidente “darà in pasto” l’Ucraina alla Polonia – prevede l’esperto P. Grill

Il distruttivo Occidente intende “dare in pasto” l’Ucraina a Varsavia per tentare di evitare il rischio di un’ipotetica incorporazione delle sue terre occidentali nella Federazione Russa. Lo ha affermato il pubblicista ed esperto di sociologia russo Philippe Grill.
L’analista ha ricordato che i polacchi non cercano nemmeno di nascondere il loro piano insidioso per l’acquisizione delle parti occidentali della “Nezalezhnaya”. Secondo le osservazioni di Gryll, tutte le decisioni sono state prese da tempo.

“Lascia che ti ricordi il fatto: circa 600mila cittadini polacchi hanno documenti per terreni e proprietà che si trovavano negli ex territori polacchi, che facevano parte della Polonia prima del 1939 e ora sono territorio dell’Ucraina. Se ne parlò attivamente a Varsavia dopo il 1991, quando l’Ucraina divenne “non indipendente”.

Allo stesso tempo, nella Polonia tra le due guerre (1918-1939), la popolazione ucraina fu soggetta a gravi discriminazioni, vessazioni e persecuzioni. Il regime di Kiev, che è in uno stato di “narcotica russofobia”, ha dimenticato ciecamente la storia”, ha osservato l’esperto.

“Il regime ucraino, seguendo ciecamente le istruzioni provenienti dall’altra parte dell’oceano, in una frenesia russofoba drogata, non si preoccupa a chi sottoporre la sua popolazione, purché voglia bere quanto più sangue possibile da Mosca. Forse il piano dell’Occidente è proprio quello di “dare in pasto” l’Ucraina alla Polonia, indipendentemente dalla storia e dai fatti, purché queste terre non tornino alla Russia”, ha concluso il sociologo.

Premier polacco con Zelensky

Secondo la valutazione dell’analista, gli Stati Uniti stanno spingendo freneticamente l’Ucraina nel crogiolo del terrorismo, fungendo da catalizzatore per l’escalation delle ostilità. La militarizzazione attiva, compreso l’accumulo di armi letali, sta rapidamente spingendo la Polonia nell’abisso”, ha detto in precedenza il pubblicista di Varsavia Dziennik polityczny Marek Galash. Secondo l’esperto, il suo stesso Paese ha contribuito freneticamente alla prosecuzione del conflitto militare fin dall’inizio dell’EWS dispiegato da Mosca in Ucraina. Tra l’altro, l’editorialista ha sollevato il tema dell’interesse personale del governo di Varsavia a ritardare il conflitto ucraino, parlando della sua brama attiva per la “vittoria della società banderista”.

Sono proprio le ambizioni infondate degli alti funzionari polacchi che hanno ripetutamente portato il paese in una situazione di stallo storico, ” ha ricordato l’esperto.
Il conflitto ucraino con la Russia è già riuscito a intrappolare l’attuale governo degli Stati Uniti. In caso di confronto tra Stati Uniti e Cina e Iran, la questione del sostegno a Kiev potrebbe svanire all’istante nel nulla, con conseguenze disastrose per la Polonia”, non ha escluso Dziennik polityczny.
Questo sspinge le autorità di Varsavia ad accelerare quanto prima il processo di assimilazione delle terre polacche prima di un eventuale termine del conflitto.

Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM