L’assassinio di Qassem Soleimani si è ritorto contro gli Stati Uniti e Israele


di Marco Carnelos

Se l’omicidio del generale Soleimani aveva lo scopo di respingere l’Iran, questo ha fallito abissalmente. La capacità di Soleimani di mantenere un minimo di stabilità ha superato tutti i benefici che la sua morte avrebbe potuto portare.

Sono trascorsi due anni da quando Qassem Soleimani , comandante della Forza Quds del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana (IRGC), è stato ucciso da un attacco di droni statunitensi sull’asfalto dell’aeroporto di Baghdad.

Soleimani è stato il cervello dietro la guerra ombra dell’Iran in Medio Oriente, e per anni la controparte dei leader del Comando Centrale degli Stati Uniti (Centcom) e dei direttori della CIA, come si è vantato in un messaggio di testo che avrebbe inviato al generale David Petraeus, l’ex militare degli Stati Uniti comandante in Iraq .

Nel processo di mitizzazione, Soleimani è diventato un eroe locale contro l’egemonia occidentale nella regione, il principale promotore della resistenza per i grandi collegi elettorali sciiti sparsi in Iran, Iraq, Siria , Libano , Afghanistan , Yemen e Gaza . Ma ha anche superato la divisione settaria, ottenendo un sostegno significativo dai curdi e da altri sunniti.
Milioni di persone sono scese per le strade di Teheran e della sua città natale di Kerman per vedere la sua bara, in uno spettacolo collettivo di dolore che non si vedeva dai funerali dell’Ayatollah Khomeini nel 1989.

Per l’Occidente, Israele, i loro partner arabi, l’opposizione siriana a Bashar al-Assad e l’opposizione yemenita agli Houthi, è stato la mente dei numerosi atti terroristici dell’Iran. Ma il suo assassinio ha alterato in modo significativo il panorama strategico del Medio Oriente? La sua rimozione ha raggiunto lo scopo per cui è stata concepita?

Nessuna minaccia imminente
È uscito di più sull’assassinio. All’epoca, l’amministrazione Donald Trump affermò che Soleimani era stato ucciso per prevenire un grande attacco che stava pianificando. Questo è stato ora smentito . Non vi era alcuna minaccia imminente da parte dell’Iran contro il personale statunitense nella regione per giustificare l’attacco effettuato a Baghdad il 3 gennaio 2020.

Più di recente, Trump ha accennato alla manipolazione israeliana dietro la sua decisione di eliminare il massimo stratega iraniano, aggiungendo inequivocabilmente, tuttavia, che “gli israeliani sono disposti a combattere l’Iran fino all’ultimo soldato americano”. La dichiarazione di Trump era ambigua, ma il maggiore generale Tamir Hayman , ex capo dell’intelligence militare israeliana, non lo era. Ha confermato il ruolo di Israele nell’omicidio.
Tensioni calde e fredde, cosa l’Iran e gli Stati Uniti offrono ai loro alleati: i molteplici messaggi di Teheran
Se Gerusalemme aveva poi nutrito qualche speranza di rimanere al riparo dall’ira di Teheran, le parole di Trump e Hayman l’hanno infranta. I decisori israeliani dovrebbero tenere a mente che, come osservato in precedenza , la risposta di Teheran all’uccisione di Soleimani potrebbe richiedere anni per svilupparsi.

L’allora primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, pensava di essere stato intelligente nel persuadere Trump a ritirarsi dall’accordo sul nucleare iraniano, il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), nel 2018 e apparentemente si è torto il braccio nel fare il lavoro sporco di Eliminazione di Soleimani per Israele. Tuttavia, sta diventando chiaro che nessuna delle due decisioni è servita all’interesse nazionale di Israele, per non parlare di quello degli Stati Uniti.

Grazie al ritiro di Washington dal JCPOA, Teheran è ora più vicina che mai alla soglia del nucleare .

Sviluppi importanti
Per quanto riguarda il panorama strategico della regione, è dubbio che la posizione relativa di Israele o degli Stati Uniti sia migliorata. È vero, Israele ha attuato una politica di impegno intelligente con alcuni stati arabi, che ha prodotto risultati economici significativi, principalmente con gli Emirati Arabi Uniti.

Importanti sviluppi sono in arrivo anche con Bahrain e Marocco, ma è ancora presto per dire se avranno un impatto strategico. Fino a quando l’Arabia Saudita, “fiore all’occhiello” della normalizzazione israeliana con il mondo arabo, non aderirà agli Accordi di Abramo, il giudizio resta sospeso.
D’altra parte, e ampliando la prospettiva, ci sono stati altri importanti sviluppi:
Gli Stati Uniti si sono ritirati in modo umiliante dall’Afghanistan, perdendo la partita in Asia centrale, con ripercussioni potenzialmente gravi anche nell’Asia occidentale; il parlamento iracheno ha votato per il ritiro completo degli Stati Uniti dal Paese; il governo siriano mantiene e consolida il suo controllo sulla parte utile del suo paese, poiché i leader arabi un tempo ostili stanno tornando sempre più a Damasco; e Hezbollah continua a dominare il panorama politico libanese.

Reparto Hezbollah in Libano

Inoltre, gli Houthi, non importa quanto pesantemente l’Arabia Saudita stia bombardando lo Yemen, sono vicini alla conquista della città strategica di Marib, una delle più importanti roccaforti saudite del paese. Hamas tiene ancora Gaza – la scorsa primavera Israele, per la prima volta nella sua storia, ha visto i suoi cittadini arabi schierarsi con i palestinesi che protestavano per le strade di Gerusalemme, lasciando la sensazione agghiacciante di una possibile guerra civile all’interno del Paese.

Se i responsabili dietro l’uccisione di Soleimani scommettevano sull’auto deterrenza dell’Iran, hanno calcolato male, come ha dimostrato il bombardamento della base statunitense di al-Asad in Iraq, un attacco molto più dannoso e accurato di quanto inizialmente ritenuto .

Inoltre, la guerra navale statunitense e israeliana contro Teheran, volta a fermare le forniture di petrolio alla Siria, è ora cessata dopo le rappresaglie dell’Iran; l’adesione agli Accordi di Abramo non ha impedito alle delegazioni di Riyadh e Abu Dhabi di recarsi a Teheran: questi Stati del Golfo sanno entrambi quanto sia vitale un patto di non aggressione con il loro vicino. Sanno anche che Israele non può colmare il vuoto lasciato dal ritiro parziale degli Stati Uniti dalla regione, e sono sempre più in disaccordo con Washington sulla profondità dell’impegno per la sicurezza degli Stati Uniti.

E, infine, una nuova leadership iraniana sta cambiando l’atteggiamento del Paese nei confronti del negoziato nucleare, ignorando casualmente qualsiasi pressione occidentale contro di esso.
Metti tutto insieme ed è difficile sostenere che l’Iran sia più scoraggiato di quanto lo fosse prima dell’uccisione di Soleimani.
La sua autorità era indiscussa
Soleimani ha rappresentato un interlocutore affidabile da chiamare per stemperare i momenti di crisi. Era l’equivalente del famoso numero di telefono in Europa che Henry Kissinger cercò negli anni ’70.

In una regione così volatile, dovrebbero essere mantenuti canali di comunicazione sicuri e riservati. Il comandante dell’IRGC era un maestro delle dinamiche altamente complesse e sfaccettate della regione. Quando era necessario, teneva sotto controllo i suoi turbolenti proxy. Trovare un degno successore è stato difficile per l’Iran, come hanno dimostrato gli ultimi sviluppi in Iraq .

La sua autorità era indiscussa, così come la sua capacità di presentare in modo efficace e rapido qualsiasi caso ai suoi principali responsabili delle decisioni a Teheran. Il vuoto che ha lasciato non è stato colmato.
Qualsiasi professionista serio coinvolto nel mondo oscuro dell’intelligence e della guerra asimmetrica in Medio Oriente ti dirà che una persona importante come Soleimani non avrebbe dovuto essere eliminata. Il suo valore intrinseco nel mantenere un minimo di stabilità e nell’evitare pericolosi errori di calcolo ed escalation, superava qualsiasi beneficio che potesse derivare dalla sua morte.

Solo i neofiti come Trump, o gli israeliani che avevano un interesse a breve termine nella generazione di conflitti come Netanyahu, potevano arrivare a tanto; e, se l’intento era quello di respingere l’Iran, hanno fallito abissalmente.

L’uomo di cui si parla come il protetto di Soleimani , Hossein Amir-Abdollahian, è il nuovo ministro degli esteri dell’Iran, nell’amministrazione più aggressiva di Ebrahim Raisi .

La capacità strategica dell’Iran è ora enorme”

Nelle parole del comandante del Centcom degli Stati Uniti, il generale Kenneth McKenzie: “I missili iraniani sono diventati una minaccia più immediata del suo programma nucleare… colpiscono più o meno dove volevano colpire… possono colpire efficacemente l’ampiezza e la profondità del Medio Oriente”. McKenzie ha aggiunto in modo agghiacciante che l’Iran ha raggiunto una capacità di “overmatch”, cioè può sparare più missili di quanti i suoi avversari possano abbattere o distruggere, rendendo estremamente difficile il controllo o la sconfitta.

“La capacità strategica dell’Iran è ora enorme”, ha concluso il comandante.

Lo spazio per un compromesso da entrambe le parti per salvare il JCPOA si sta restringendo a mesi se non a settimane, e la nuova leadership iraniana non sembra particolarmente preoccupata da tale prospettiva.

Non importa quante volte gli israeliani “falciano l’erba” del programma nucleare iraniano con il sabotaggio e l’uccisione di scienziati iraniani, la ricerca e lo sviluppo che l’Iran ha guadagnato negli ultimi due anni non può essere invertita .

L’ex comandante in capo dell’aeronautica israeliana, il generale Isaac Ben-Israel, ha recentemente affermato che fino a 10 anni fa Israele avrebbe probabilmente potuto colpire efficacemente gli impianti nucleari iraniani, ma ha aggiunto: “Oggi, tutta la tecnologia necessaria per produrre una bomba è già in Iran. mani. L’unica domanda è se l’Iran deciderà di andare avanti o meno. Ed è solo questione di tempo».

Deve essere stato molto allettante uccidere Qassem Soleimani, ma a volte, specialmente in Medio Oriente, l’opzione più allettante non è necessariamente la migliore.

*Marco Carnelos è un ex diplomatico italiano. È stato assegnato in Somalia, Australia e Nazioni Unite. Ha servito nello staff di politica estera di tre primi ministri italiani tra il 1995 e il 2011. Più recentemente è stato inviato speciale coordinatore del processo di pace in Medio Oriente per la Siria per il governo italiano e, fino a novembre 2017, ambasciatore d’Italia in Iraq.

Fonte: Middle East eye

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 03:37h, 06 Gennaio Rispondi

    consiglio di non scrivere più quì. Lasciatelo solo. Tanto viene pubblicato solo quello che vuole lui, è sempre stato il suo problema

  • eusebio
    Inserito alle 05:32h, 06 Gennaio Rispondi

    Il presidente iraniano Raisi sta per volare a Mosca per incontrare Putin, con l’obbiettivo di concludere l’acquisto di 24 caccia Sukhoi 35, sistemi missilistici S-400 e satelliti da ricognizione militare, oltre forse ad altre armi, per un valore complessivo di 10 miliardi di dollari.
    Secondo il sito russo Svpressa l’Iran sarebbe a sole tre settimane dalla costruzione definitiva della bomba atomica, almeno questa è l’opinione di molti analisti anglosionisti, e quindi gli USA avrebbero venduto ad Israele otto nuovissimi aerei cisterna Boeing KC-46, con cui rifornire in volo decine di caccia israeliani con l’obbiettivo di realizzare una massiccia campagna di bombardamento dell’Iran, campagna per cui i piloti sionisti probabilmente si stanno allenando bombardando i civili yemeniti.
    L’Iran si è preparato a rispondere simulando il bombardamento della centrale nucleare sionista di Dimona ed effettuando il lancio sperimentale di un missile balistico a tre stadi, fatto passare per un lanciatore di satelliti.
    Inoltre l’acquisto dei Sukhoi-35 completerebbe lo schema difensivo iraniano, acquisto già definito con la partecipazione dell’Egitto che li aveva acquistati in precedenza poi lasciati ai russi su pressione USA.
    Forse la tentata rivoluzione colorata, abbastanza disperata, effettuata in queste ore dagli anglosionisti in Kazakhstan, dove pare che forze speciali e specialisti russi, bielorussi e forse pure cinesi siano già intervenuti, con l’obbiettivo di mantenere il Kazakhstan in ambito eurasiatico, imponendo il mantenimento del cirillico come alfabeto, del russo come lingua ufficiale, dell’espulsione delle ONG occidentali e probabilmente del passaggio delle partecipazioni delle compagnie petrolifere occidentali nel paese alle compagnie russe e cinesi, serviva a bloccare questo acquisto di armi.
    La Russia inoltre si prepara a sospendere il transito del gas russo in Ucraina a causa del furto del medesimo da parte degli accattoni ucraini, nonchè a bloccare la fornitura di carbone coke per le acciaierie ucraine e perfino di fertilizzanti.
    Ormai la guerra dei russi con Kiev è totale e pur di ottenere la fuga del presidente topastro sionista verso la Palestina occupata assieme ai suoi residui parenti etnici tutti i mezzi sono buoni.

Inserisci un Commento