L’ascesa e la crescita dell’estrema destra in Germania


di MK BHADRAKUMAR
La classe politica in Germania è sbalordita dai risultati di un sondaggio YouGov pubblicato venerdì secondo cui il 20% degli elettori tedeschi darebbe il proprio voto all’AfD (Alternativa per la Germania) di estrema destra, rendendolo il secondo partito più forte dietro al centro- destra CDU (28%) e davanti all’SPD del cancelliere Olaf Scholz (19%). Non c’è dubbio che si tratti di un terremoto politico.

Dato il sistema rappresentativo proporzionale della Germania – che è diverso da quello degli Stati Uniti o del Regno Unito, dove anche la politica è irritabile ma è protetta dal sistema di voto del primo arrivato – è ragionevole stimare che l’attuale coalizione “a semaforo” tra il L’SPD di centrosinistra, i Verdi (che hanno votato il 15%) e i neoliberisti Liberi Democratici o FDP (7%) non hanno più un mandato per governare, dopo solo un anno e mezzo di mandato.

Nelle elezioni generali del 2021, l’SPD aveva vinto il 25,7%, l’FDP l’11,5% e il Partito dei Verdi il 14,8% dei voti. Questa precipitosa caduta della coalizione in soli 18 mesi introduce incertezze politiche in un momento in cui l’economia è in profonda recessione, la guerra in Ucraina è a un punto critico e l’ascesa dell’estrema destra AfD, che tra l’altro copre l’intera estrema destra giusto spettro dai nazionalisti democratici ai neonazisti, di per sé significa un cambiamento fondamentale nella politica tedesca dalla seconda guerra mondiale, con conseguenze importanti.

Il 20% è già una soglia importante in un sistema politico frammentato come quello tedesco e ci sono osservatori politici che stimano il potenziale esterno dell’AfD a circa il 30%. Finora, una coalizione con l’AfD è stata un tabù per i due partiti principali CDU e SPD. Nella situazione in via di sviluppo, la CDU si trova di fronte a una scelta di Hobson: un ritorno alla “grande coalizione” con l’SPD (per la quale non c’è appetito, dato il sordido record del periodo 2005-2009 e 2013-2021 sotto il cancelliere Angela Merkel.) L’alternativa sarà una coalizione con l’estrema destra AfD, che plausibilmente potrebbe diventare inevitabile a un certo punto.

In realtà, nella politica europea nel suo complesso, questa è la tendenza attuale: l’estrema destra che arriva dal freddo. È successo di recente in Svezia e ora sta accadendo in Finlandia. Il punto è che l’AfD ora è in movimento e una volta che avrà sfondato la barriera di vetro del 20 per cento, diventerà progressivamente difficile per i partiti centristi escluderlo dalla politica mainstream come partner di coalizione.

Esponenti AfD

La recessione in Germania dovrebbe essere lunga, il che garantisce quasi che, almeno nel breve periodo, il ciclo economico funzioni a vantaggio dell’AfD. L’immigrazione è un’altra questione che contribuisce alla base di appoggio di AfD. Secondo i dati ufficiali, il numero di richieste di asilo in Germania è aumentato dell’80% tra gennaio e marzo 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Altre due questioni che agitano l’opinione pubblica sono la disapprovazione per il sostegno di Scholz all’Ucraina e la rabbia per le sue politiche energetiche. Scholz e SPD si sono posizionati dalla parte dell’Ucraina. Ora, questo è un cambiamento nella politica e la questione continua a dividere le persone. L’AfD, che è euroscettico e sostiene il miglioramento delle relazioni con la Russia, sta sfruttando il fatto che circa un terzo dei tedeschi non è d’accordo con le politiche Ucraina/Russia di Scholz.

Questo importa? Lo fa. Con l’economia in recessione – e la Germania che trascina con sé l’intera Eurozona – è probabile che l’ondata di AfD smorzi l’entusiasmo per aver versato più denaro e materiale in Ucraina. Ad esempio, solo il 28% degli intervistati nell’ultimo sondaggio sostiene la consegna di aerei da combattimento tedeschi all’Ucraina. Secondo un rapporto di Deutsche Welle, “Nel complesso, il sostegno alle consegne di armi all’Ucraina sta diminuendo, solo una minoranza ritiene che le consegne di armi dovrebbero essere intensificate. La richiesta di diplomazia sta crescendo: il 55% ora afferma che i tentativi del governo tedesco di raggiungere negoziati per porre fine ai combattimenti dovrebbero essere intensificati”.

Allo stesso modo, c’è una crescente polarizzazione delle opinioni tra i tedeschi sulla loro identità “europea”. Come ha sottolineato un commentatore, forse è solo una coincidenza numerica che il 18% che è totalmente in disaccordo con l’idea di un’identità europea sia lo stesso numero delle cifre attuali dei sondaggi per l’AfD. Più probabilmente, si tratta di una sovrapposizione. Paradossalmente, il numero di eurofobi ed euroscettici sta aumentando allo stesso modo, con questi ultimi che hanno un netto vantaggio al 56% rispetto al 41% di eurofobi! Ciò può alla fine mettere l’UE in una trappola, poiché i bassi livelli di approvazione dell’UE rendono più difficile per gli Stati membri accettare un’ulteriore integrazione e, tuttavia, è necessaria un’ulteriore integrazione per rendere l’UE più efficace. Il quadro generale è che il tipo di integrazione dell’UE attraverso la porta di servizio che si sta verificando potrebbe non funzionare più.

Il potenziale futuro dell’AfD è significativo poiché nel sistema basato sulla rappresentanza proporzionale della Germania, non ha bisogno di ottenere la maggioranza assoluta per governare. A breve termine, tuttavia, in Germania si profila uno stallo politico, aggravato anche dal fatto che la sinistra si sta riducendo e potrebbe anche non ottenere il minimo del 5% di voti richiesto per entrare nel prossimo parlamento. Quanto ai Verdi, anche loro sono impantanati, con la loro reputazione offuscata da uno scandalo di nepotismo, che si irradierà a lungo (dato che i Verdi sono una comunità molto unita e d’ora in poi lotteranno per usare il potere di argomenti morali, che è stato un elemento chiave nella loro ascesa politica.)

Inoltre, mentre erano al potere, anche se lo scorso anno, i Verdi hanno staccato la spina dal nucleare e hanno guidato la transizione della Germania verso l’energia rinnovabile a una velocità vertiginosa, il che sta producendo un contraccolpo tra gli elettori. Una legge per costringere i proprietari di case a cambiare i loro sistemi di riscaldamento da gasolio e gas a pompe di calore, a partire dal prossimo gennaio, è stata una fioritura, dal momento che i costi per le famiglie sono potenzialmente paralizzanti, che variano tra £ 15.000 e £ 40.000, a seconda delle dimensioni di la casa. I proprietari di case più poveri sono per lo più di classe medio-bassa e si dà il caso che siano anche la parte dell’elettorato più aperta all’estrema destra.

Basti dire che, per un futuro prevedibile, i Verdi non saranno in grado di sostituire i partiti tradizionali. Pertanto, si sta aprendo un enorme divario nel panorama ideologico al centro politico. A dire il vero, le cose si stanno muovendo in una direzione tale che l’AfD potrebbe diventare un giorno indispensabile nella formazione di un governo federale a Berlino.

Ahimè, tutti i discorsi sulla Germania come la prossima superpotenza accanto alla Cina si sono dissipati. Sembra ormai un sogno lontano. La centrale elettrica europea è allo sfascio. La crisi ucraina ha rovinato la festa. Ma poi, l’élite al potere tedesca deve essere in gran parte incolpata per questo, avendo svolto un ruolo dubbio in Ucraina sin dal cambio di regime nel 2014, specialmente nel complotto per sovvertire gli accordi di Minsk che prevedevano l’autonomia regionale per il Donbass all’interno di un’Ucraina federata.

Fondamentalmente, le élite tedesche non sono state in grado o non hanno voluto capire che l’economia del loro paese e la prosperità della nazione sono state costruite sulle forniture energetiche illimitate a buon mercato dalla Russia e sulle potenzialità del crescente mercato russo per l’industria high-tech tedesca. Gli uccelli stanno tornando a casa per appollaiarsi.

Fonte: Indianpunchline

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus