L’ascesa dell’ordine mondiale cinese


Nel bene e nel male, la Cina sta capitalizzando la crisi di Covid-19 per riscrivere le regole
Di RAVI KANT
“Quando soffiano i venti del cambiamento, alcune persone costruiscono muri e altri costruiscono mulini a vento.” – Proverbio cinese

Il proverbio sopra parla molto della mentalità cinese. In un momento in cui il mondo intero è alle prese con la pandemia di Covid-19, lontano dal bagliore mediatico, la Cina sta capitalizzando sulla situazione. Sta sfruttando questo momento per espandere la sua leadership globale e pubblicizzare il suo modello di governance in tutto il mondo.

I cinesi stanno riscrivendo i codici dell’ordine mondiale internazionale attraverso nuovi punti strategici. I leader cinesi hanno preso provvedimenti decisivi e aggressivi negli ultimi mesi per ottenere un vantaggio su tutte le opportunità strategiche presentate dal resto del mondo, e in particolare dagli Stati Uniti, durante la crisi di Covid-19.

Un mese fa, Pechino ha istituito due nuove stazioni di ricerca nel contestato Mar Cinese Meridionale. Allo stesso tempo, la Cina ha lanciato una campagna per l’applicazione della legge marittima, “Blue Sea 2020”, che si svolgerà dal 1 ° aprile al 30 novembre. Questo ha aumentato le possibilità di scontro nella regione in quanto il progetto prenderà di mira qualsiasi violazione delle leggi cinesi in settori come l’esplorazione petrolifera, l’edilizia costiera marina e l’estrazione in acque profonde.

Nello scenario attuale, questo può essere visto solo come un modo per indirizzare i richiedenti avversari al territorio del mare e condurre operazioni illegali di “applicazione della legge” nelle acque dichiarate dagli stati del sud-est asiatico come la Malesia, l’Indonesia, il Vietnam e le Filippine.

Il comportamento bellicoso della Cina, tra cui manovre militari e dispiegamento su larga scala di risorse militari nella regione, ha aumentato le possibilità di gravi contrapposizioni con altri Stati richiedenti, nonché sollevando seri interrogativi sul fatto che i cinesi rispettino o meno l’ordine internazionale internazionale. Ma, a parte il Mar Cinese Meridionale, stanno anche creando nuovi punti strategici con l’aiuto della tecnologia.

La rivoluzione del 5G
Internet ha avuto un ruolo importante nell’aumentare il soft power e la diplomazia pubblica degli Stati Uniti nel 20 ° secolo. Gli americani erano i principali architetti del sistema, quindi gran parte della standardizzazione o struttura di Internet era determinata da loro, e il resto del mondo doveva seguire le loro regole.

Società statunitensi come Google, Amazon e Facebook hanno aiutato gli americani a controllare gran parte del traffico Internet. Con l’aiuto di questi dati e la National Security Agency, hanno creato il miglior sistema di sorveglianza per proteggere il loro ordine mondiale.

Ma nel febbraio di quest’anno, tra la crisi di Covid-19, il mondo ha visto una nuova Cina. I robot di pattuglia dotati della tecnologia di quinta generazione (5G) vengono impiegati per monitorare l’usura della maschera e la temperatura corporea nei luoghi pubblici. A Wuhan, la città cinese dove fu scoperto per la prima volta il coronavirus che causa Covid-19, centinaia di furgoni senza conducente sono stati usati per disinfettare le strade.
Questi sono alcuni esempi di come la Cina abbia sfruttato le reti 5G ultraveloci e la sua catena di approvvigionamento manifatturiera per combattere il virus e perché il resto del mondo stia ancora lottando per tenere il passo. I cinesi hanno superato l’Occidente in un campo di battaglia tecnologico chiave.
Questa è una chiara dimostrazione dell’efficacia del sistema cinese e di ciò che manca ad altri paesi. La dimostrazione cinese del 5G è un assaggio di come appariranno le future città intelligenti cinesi, nonché una tabella di marcia per il loro ambizioso progetto Silk Road.
Più di un decennio fa, nessuna delle società di telecomunicazioni cinesi si avvicinava agli standard globali nella fornitura di servizi ai propri clienti. Ma oggi sono in competizione con le loro controparti occidentali e in alcune aree sono superiori a loro.

Una società che è uno dei principali contendenti nelle relazioni USA-Cina è Huawei. In meno di un decennio è diventata la più grande azienda al mondo di apparecchiature per telecomunicazioni. Ha costruito quasi il 70% delle reti 4G africane e ha preso il comando nella corsa allo sviluppo della telefonia mobile di quinta generazione.
Secondo una classifica compilata da IPlytics, Huawei è in testa ai brevetti 5G, con oltre 3.000 domande di brevetto depositate nel 2019, di cui 1.200 sono state concesse. Sta giocando un ruolo decisivo nella definizione degli standard 5G end-to-end. Quindi, attualmente, è semplicemente impossibile escludere la Cina dal processo di definizione di standard globali per il 5G.
Entro la fine di quest’anno, la Cina punta a costruire e gestire almeno 600.000 stazioni 5G in tutto il paese. Tutte le 300 città a livello di prefettura in Cina dovrebbero essere coperte da una rete 5G entro la fine del 2020, secondo il Ministero della tecnologia industriale e dell’informazione.
Economia automatizzata
L’idea alla base della rapida espansione dei servizi 5G in Cina è di testare e riavviare l’economia attraverso l’automazione industriale e liberare il nuovo potenziale di consumo per compensare l’impatto della pandemia.
Secondo il World Economic Forum, la connettività intelligente abilitata dal 5G fungerà da catalizzatore per la crescita socio-economica nella Quarta Rivoluzione Industriale. La Cina vuole essere la fiaccola di 4IR rendendo la sua economia totalmente basata sull’automazione.
La metà di tutti i robot industriali venduti in Cina sarà prodotta entro il 2020. Nel 2014 i cinesi hanno avviato una campagna per un’economia automatizzata con l’obiettivo generale di sostituire gradualmente il lavoro manuale con i robot. Le province altamente industrializzate di Jiangsu, Zhejiang e Guangdong sono le prime a introdurlo su vasta scala.
Attualmente, la Cina sta lavorando a un livello di guerra per essere un’economia completamente automatizzata nell’ambito del suo programma di punta “Made in China 2025”.
Con l’economia globale ancora in subbuglio a causa della pandemia di Covid-19, la Cina è in una posizione unica per guidare la successiva ripresa. Secondo un rapporto dell’Accademia cinese delle scienze sociali, la Cina si concentrerà maggiormente sul suo vasto mercato interno e sulle tecnologie coltivate in casa e sul miglioramento della vita dei suoi cittadini. I cinesi stanno riorientando la loro strategia da un’economia manifatturiera a basso costo verso tecnologie più avanzate come aerei, telecomunicazioni, realtà virtuale e intelligenza artificiale.

Manovre navali nel Mar Cinese meridionale

Nel frattempo, la Cina ha mantenuto la sua politica monetaria abbastanza normale, il che indica chiaramente che i solidi fondamenti dell’economia interna rimarranno invariati nel medio e lungo termine, nonostante il rallentamento a breve termine dovuto alla pandemia. I cinesi hanno spazio politico sufficiente per sostenere una crescita economica stabile, se necessario.
Vi è una forte indicazione che la Cina avrà una ripresa a forma di V, in gran parte grazie alla sua forte catena di approvvigionamento e alla maggiore attenzione del governo sulla creazione di domanda fornendo liquidità in eccesso attraverso tagli ai tassi di interesse.

Ma per il resto del mondo, la buona notizia deve ancora arrivare. Il Fondo monetario internazionale ha recentemente affermato che le prospettive economiche globali sono peggiorate dalla sua ultima previsione. Gli Stati Uniti potrebbero scivolare nella recessione per almeno due trimestri e alcuni paesi dovranno affrontare una crisi di solvibilità e avranno bisogno di svalutazioni del debito piuttosto che solo di rinvii di pagamenti.

La risposta degli Stati Uniti alla crisi di Covid-19 è stata tutt’altro che soddisfacente, mentre il successo della Cina nella lotta contro il virus e la sua diffusione nei confronti delle nazioni povere potrebbero darle l’opportunità di riempire le scarpe della superpotenza rivale. Ma sarebbe immaturo supporre che non ci sarà alcun cambiamento nell’ordine globale.

Fonte: Asia Times
Traduzione: Luciano Lago

11 Commenti

  • Teoclimeno
    12 Maggio 2020

    La politica odia i vuoti. Gli anglo-sionisti arretrano ed al contempo il Dragone cinese avanza.

  • radice
    12 Maggio 2020

    Penso che non sia da augurarselo un predominio cinese nell’ordine internazionale.

  • eusebio
    12 Maggio 2020

    Questo è il momento buono per la Cina per colpire definitivamente e a morte l’imperialismo USA, accelerando il suo programma di riarmo il quale non avendo basi all’estero nè una pletora di agenzie di intelligence come gli USA (ben 17 per un costo di 80 miliardi di dollari) pur essendo fermo ad un terzo di quello USA (250 miliardi dollari contro 750) sta portando la Cina in grado di sfidare sul piano aeronavale gli USA, con un possibile confronto nel mar cinese meridionale.
    La corsa al riarmo può essere sostenuta molto agevolmente dalla Cina in quanto con la sua colossale industria e i milioni di ingegneri, informatici, fisici etc può fare enormi econome di scala che gli USA non possono fare in quanto il suo sistema industriale è stato smantellato e delocalizzato dalla finanza apolide.
    Per paradosso l’apparato militare-industriale che sostiene l’impero è ormai avulso dal contesto nazionale americano, fa più gli interessi della sua classe dirigente finanziaria, per cui se i cinesi mandano gli USA in bancarotta cancellando la sovrastruttura imperiale, consegnando l’Europa alla Russia e il medio oriente all’Iran fa anche gli interessi del popolo americano che smetterà di pagare le tasse e morire in guerra per gli interessi dell’impero, e potrà vedere i suoi soldi investiti in industrie ed infrastrutture.

    • radice
      13 Maggio 2020

      La Cina non consegnerà l’Europa alla Russia. Se la prenderà lei e scaricherà la Russia al momento buono. E noi diventeremo provincia di Pechino con la sua idea di libertà.
      Non ci sono forze politiche pro-russe in Europa in grado di favorire l’avvicinamento. Mentre ci sono quelle cinesi già all’opera da anni (in Italia vedi 5 stelle e vaticano). Non capisco come si faccia a presentare la Cina come liberatore. La cura all’imperialismo USA sarà peggiore del male

      • avatar
        13 Maggio 2020

        La Russia a implorato a lungo l’Europa ad avere bune relazioni con loro,il popolo russo in realta simpatiza l’Europa il problema sono i americanii che speravano di sottomettere l’orso in giro di poco tempo poi con le vaste risorse trovate li chiudere ermeticamente la Cina

  • Josey Whales
    13 Maggio 2020

    Radice, sunto breve ma realistico, certi scervellati non capiscono, come in realta
    sia proprio il modello di societa’ cinese ,il piu’ apprezzato dalle elite finanziarie.
    Certi idioti , non considerano chi era il padrino di Conte, ovvero il card. Silvestrini
    il ministro ombra degli esteri del vaticano per decenni, il responsabile della normalizzazione
    dei rapporti tra Cina COMUNISTA, e vaticano, il leder e creatore assieme all altra
    carogna del gesuita card. Martini , del gruppo di s.Gallo, il gruppo che ha tirato fuori
    dal cilindro l altro gesuita bergoglio.
    Certi dementi credono che aver affidato a Conte il governo sia stata ,una scelta casuale
    fatta per trovare un accordo tra 5s e salvini, scegliendo quello che gli idioti credono sia un semplice avvocaticchio
    di provincia., e credono che affidare il sistema 5g proprio ai cinesi, mestri nell uso di tali tecnologie per scopi di
    controllo sociale, sia addirittura stata una scelta indipendente e coraggiosa da parte dell italia.
    Il cavallo che le elite hanno scelto di cavalcare non e’ piu il bolso e sfiatato cavallo usa., ma il cavallino cinese.
    Ma i poveri scemi credono ai loro calcificati scenari ideologici.
    Certi idioti non hanno capito che il modello preferito di societa’ dalle elite e’ proprio quello cinese, ovvero economia di mercato, con zero diritti civili ,massimo controllo dello stato sui cittadini, messi al guinzaglio, e controllati col 5g,
    la Cina e’ il paese che si e’ portato piu’ avanti nelle politiche di controllo sociale, ma certi imbecilli la invocano , come se fosse la salvezza in arrivo che ci liberera’ .

  • Josey Whales
    13 Maggio 2020

    Ma il massimo della comicita’ lo si legge da tale esusebio del benfica,
    Il quale ipotizza che la Cina mandera’ in bancarotta gli usa, e dopo aver speso trilioni per acquisire la supremazia militare, scalzera’ gli usa per poi donare le aree sulle quali avra’ conquistato
    la supremazia geopolitica econmica a russia ed iran.
    Qui si riconosce un idea di fondo bacata e millenaristica , una specie di arrivano i nostri, un idea da manichei
    scervellati alla perenne ricerca dei buoni che arrivano a salvare il mondo dai cattivi.
    E certo , la cina e’ in missione per conto dell altissimo, ci mancherebbe, saremo salvati tutti da confucio o da lao tzu

  • Federico Lovo
    13 Maggio 2020

    i soliti commenti di sinofobi ed anticomunisti da 4 soldi. Che pena. Ma poi questi sfasati lo hanno fatto un confronto tra l’approccio americano e quello cinese nelle relazioni internazionali ?

    • Teoclimeno
      15 Maggio 2020

      Egregio Signor FEDERICO LOVO, dai loro commenti sembrerebbe proprio, che non abbiano fatto nessun confronto. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • Marco
    13 Maggio 2020

    Josey. Stai a vedere che ci salva zio Sam che ci ha sempre ammazzato, in particolare negli ultimi 30 anni con la NATO e la UE. Ci salviamo con rapporti paritari integrandoci nel continente euroasiatico.

    • Teoclimeno
      15 Maggio 2020

      Egregio Signor MARCO, sono completamente d’accordo con Lei. Aggiungerei che prima di parlare male della Cina si incominciasse a liberare lo Stivale dai ratti invasori anglo-sionisti. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Inserisci un Commento

*

code