L’Artiglieria Ucraina ha colpito con pesanti obici il centro di Donetsk


Dopo che la Russia ha ritirato le sue truppe dal confine ucraino, le forze armate ucraine hanno lanciato potenti attacchi sul territorio della repubblica di Donetsk. Quindi, secondo i dati a disposizione della redazione di Avia.pro, poche ore fa il centro e la periferia di Donetsk sono stati colpiti con armi pesanti.

È noto che l’esercito ucraino stava usava mortai da 82 mm., inoltre, dopo un breve bombardamento della stessa Donetsk, le forze ucraine hanno iniziato a lanciare attacchi alla periferia della capitale della DPR, dove presumibilmente erano concentrate forze significative delle milizie popolari.

“Alle 07:30 nel villaggio di Peski, le truppe ucraine hanno aperto il fuoco sul villaggio di Zhabunki. Tre granate GNL sono state sparate attraverso il DPR. Alle 08:03, l’insediamento di Staromikhaylovka è entrato nel mirino dei bombardamenti dell’artiglieriaa: 12 proiettili sono state sparate da un mortaio da 82 mm. Il bombardamento è stato condotto dalle posizioni delle forze armate ucraine a Krasnogorovka ”, ha detto il Centro comune per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco.

Non ci sono commenti ufficiali da parte delle forze armate ucraine su questo punto, tuttavia, un po ‘prima si è saputo che l’esercito ucraino aveva trasferito circa 70 veicoli corazzati oltre a quelli già presenti nel Donbass, inclusi carri armati, BMP-2 e veicoli corazzati.
Fonte: avia.pro/news/vsu

Traduzione: Sergei Leonov

Distruzioni nel Donbass


Nota: Il governo di Kiev sostiene la necessità di reintegrare le province orientali di Donetsk e Lugansk nell’Ucraina. Tuttavia i residenti delle due province si chiedono come sia possibile reintegrarsi e tanto meno riconciliarsi con gli ucraini che da 6 anni passano il tempo bombardando i loro concittadini. Il tributo di sangue è stato pagato dal popolo del Donbass che è rimasto vittima dei bombardamenti con un alto numero di vittime e di feriti fra la popolazione civile, palazzi sventrati e scuole distrutte dall’artiglieria. La stragrande maggioranza della gente del Donbass vede ormai impossibile una reintegrazione con l’Ucraina e manifesta la sua preferenza a restare del tutto autonomi dalla gestione del governo di Kiev.

Nota. Luciano Lago

14 Commenti
  • La soluzione
    Inserito alle 16:47h, 01 Maggio Rispondi

    A questo punto visto l’insistenza non c’è altro modo di radere al suolo quel che resta dell’Ucraina.

    • Franco
      Inserito alle 10:16h, 04 Maggio Rispondi

      Salve, amici.
      E’ la prima volta che commento. Premesso che tutti i popoli sono fratelli, e che tutti gli uomini vogliono la pace e che le guerre le vogliono i governi; vorrei ricordare a coloro che postano commenti anti ucraini/filo russi, che gli ucraini hanno ragioni storiche per odiare la Russia o meglio il governo russo. Documentatevi sul Holodomor, l’olocausto ucraino del 1933, la crudeltà di Stalin fu tale che gli ucraini accolsero i nazisti come liberatori. Personalmente, ho visitato l’Ucraina è ho parlato con persone filo russe e filo ucraine, e l’unica soluzione per cessare le violenze è la diplomazia: Putin vuole i porti sul Mar Nero per la sua flotta ? che lo permettano. Le province del Donbass vogliono l’autonomia ? che la diano senza separarsi dall’Ucraina!

  • antonio
    Inserito alle 17:21h, 01 Maggio Rispondi

    maiali, poi vorrebbero un incontro in Vaticano, emblematico, la rat line

  • antonio
    Inserito alle 17:24h, 01 Maggio Rispondi

    deve finire il Nordstream 2, poi il Norstrem1 sarà chiuso e i cani cacheranno dal freddo, il generale inverno farà crepare un pò di criminali , non serve combatterli con le armi son già morti come i nazi e i mussolinetti sul Don nel 42,
    non sprecate cartucce , creperanno nella loro diarrea congelata

  • eusebio
    Inserito alle 18:56h, 01 Maggio Rispondi

    Sinceramente non si capisce che aspetti la Russia ad arrivare fino al Dnepr con i carri armati, forse qualche migliaio di morti tra i civili del Donbass.
    Tanto il North Stream 2 glielo bloccheranno lo stesso, come pure distaccheranno la Russia dallo SWIFT, ormai è palese che non si fermeranno finchè non avranno destabilizzato il paese riportando al potere un quisling come Eltsin controllato dagli oligarchi sionisti come Kodorkovsky e affini.
    Visto che la Russia dovrà comunque fare affidamento solo sull’appoggio della possente economia cinese, meglio prepararsi a conviverci imitandola, nazionalizzando i grandi gruppi finiti in mano agli oligarchi e recuperando peso demografico con l’annessione dell’Ucraina russofona orientale e meridionale.
    Meglio diventare un nemico dichiarato del defunto impero anglosionista tipo Iran e Venezuela, organicamente nella sfera di influenza cinese, che fingere di essere una democrazia liberale trattata da cenerentola dall’occidente.

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 19:38h, 01 Maggio Rispondi

    Questo significa che anche l’ultima tregua, traballante e temporanea, non sta funzionando.
    L’aggressione ukro-atlantista continua e la dimostrazione di forza russa non è servita a molto.

    Cari saluti

    • Hannibal7
      Inserito alle 21:52h, 01 Maggio Rispondi

      Proprio vero egregio sig.Orso
      La Russia ha ritirato (forse non del tutto) le proprie truppe dal confine ucraino nel tentativo di placare le ultime tensioni
      Ma pare che ciò non sia servito
      Eppure gli ucraini,secondo me,pur essendo alquanto stolti,sanno benissimo che il loro esercito non può competere con le forze russe
      Questo mi porta a pensare che effettivamente si sentono appoggiati a pieno da Washington…il che non porta nulla di buono
      Indubbiamente la Russia è sotto attacco…

  • antonio
    Inserito alle 21:48h, 01 Maggio Rispondi

    L’ Europa andrà con Putin, se non truccano le elezioni prossime in Germania, Francia e Italia
    ecosì pure il Medioriante e la Turchia
    , gli yankees faranno le festicciole da soli coi sionisti saltando nelle piazze

  • Hannibal7
    Inserito alle 22:00h, 01 Maggio Rispondi

    Putin dovrebbe reagire
    Ha promesso che i russi abitanti del Donbass saranno difesi dagli attacchi ucraini nazisti
    O forse si aspetta uno spargimento di sangue tra i civili???
    Io non sono d’accordo
    Io sono per il SI VIS PACEM PARA BELLUM

  • Gio
    Inserito alle 22:50h, 01 Maggio Rispondi

    ANCORA NN AVETE CAPITO NIENTE,LA RUSSIAAAA È ACCERCHIATA DA TUTTE KE PARTI,HA PWRAO IN KIBIA APPENA È ENTRATO ERSOGAN,IN SIRIA IDWM,IN ARMWNIA UDEM,IN UCRAINA SARÀ LA STESSA COSA,NN PUÒ FAR NUENTEEEE,L UNICO MODO È CHE DOVEVA FORMARE UN ALKEANZA TIPO NATO,COMPOSTA DA CINA E IRAN,E CHE SI SAREBBERO DIFESI A VICENDA,ORMAI È LA FINE ANCHW X LA RUSSIA

    • mauriz
      Inserito alle 23:02h, 01 Maggio Rispondi

      problemi di grammatica?

    • atlas
      Inserito alle 02:59h, 02 Maggio Rispondi

      ehm, gio di merda, cercate di leggere tutto e bene, visto che vi piace avia.pro

      https://avia.pro/news/v-donbasse-uzhe-650-tankov-opolchencev-1300-bronemashin-i-500-artilleriyskih-orudiy

      ci sono già 650 carri armati della milizia, 1.300 veicoli corazzati e 500 pezzi di artiglieria nel Donbass (!)

      tradotto bene:

      le forze combinate dell’LDNR possono facilmente organizzare un blitzkrieg delle forze armate ucraine e persino trasferirsi a Kiev.

      Secondo i dati forniti dagli osservatori che monitorano la situazione nel Donbass, le forze combinate delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk hanno inaspettatamente trasferito 650 carri armati nella zona di demarcazione, una cifra 1,5 volte superiore a quella in servizio delle forze armate ucraine. Dove un numero così elevato di veicoli corazzati pesanti è in servizio con LPR e DPR, tuttavia, secondo gli analisti, in caso di vero conflitto nel Donbass, le milizie non solo distruggeranno la maggior parte delle forze armate. dell’Ucraina, ma potrebbe anche iniziare l’assalto a Kiev.

      Oltre a 650 carri armati, e questo numero è probabilmente calcolato solo approssimativamente, il DPR e l’LPR sono armati con 1.300 veicoli corazzati (veicoli corazzati, veicoli da combattimento della fanteria, BRDM, ecc.), 500 pezzi di artiglieria e circa 260 unità di lancio multiplo di sistemi a razzo. Tenendo conto del fatto che le milizie saranno sulla difensiva, le forze armate ucraine subiranno le maggiori perdite e qualsiasi contrattacco da parte del LPNR porterà non solo alla sconfitta dell’esercito ucraino, ma potrebbe persino mettere in pericolo la capitale ucraina .

      “Le forze armate di Donetsk e Lugansk sono ora due potenti eserciti di terra, completamente indipendenti l’uno dall’altro e strettamente raggruppati secondo le regole dell’esercito russo. Le forze di Donetsk sono un po ‘di più, il resto sono nella regione di Lugansk, un po’ meno. Secondo gli osservatori hanno a disposizione 650 carri armati, 1.300 veicoli corazzati, 500 cannoni e circa 260 mezzi di sistemi di artiglieria a razzo, tra cui Grad e Smerch. Per fare un confronto: l’esercito ucraino ha ora 450 carri armati pronti al combattimento, che è 1,5 volte meno”, riporta il quotidiano Soha.

      Secondo gli esperti, sono le forze chiaramente superiori del LPNR che stanno frenando le Forze Armate dell’Ucraina dall’inizio dell’offensiva, per non parlare del fatto che se il Donbass chiede aiuto alla Russia, Kiev può perdere la guerra nella regione in pochi giorni.

      CHI CAZZO GLIELE DA QUESTE ARMI

      state sempre a fare i disfattisti di merda, senza fiducia

      LAVROV LO HA DETTO PIU’ VOLTE CHIARAMENTE CHE LA RUSSIA VUOLE EVITARE UN CONFLITTO ‘DIRETTO’ CON L’UKRAINA, perchè non la caga nemmeno, non ci si mette nemmeno; l’esercitazione/mobilitazione era per la nato

      per l’Ukraina di merda basteranno Lugansk e Donetzk: avamposto militare russo, certo

      E BASTA CON QUESTA IGNORANZA. Ma vi credete che nel mondo sono tutti dei Mattarella/Renzi/Berlusconi ?

      • Hannibal7
        Inserito alle 08:43h, 02 Maggio Rispondi

        Ciao Atlas
        L’articolo di Avia-pro l’ho letto proprio poco prima di entrare qui su Controinformazione
        Molto interessante…e direi che quelle armi sono russe ovviamente…o sbaglio?….
        La Russia non vuole entrare in conflitto diretto con l’Ucraina ma arma i separatisti del Donbass, giustamente secondo me…una specie di battaglia per procura
        Ti offro il mio aiuto, le mie armi pur non entrando di fatto nel conflitto
        Astuto
        Giusto quello che hanno fatto gli ameri-CANI in Siria ma in modo più diciamo “pulito”
        Saluti né

Inserisci un Commento