L’arte della politica: come spiegare l’attuale catastrofe in Europa?


di Filippo Rosenthal .

Gli osservatori, ma anche i cittadini comuni notano sempre di più il degrado del livello dei leader nei loro paesi evocando l’assenza dell’esistenza di veri leader politici. Le élite occidentali sono del tutto impreparate per una nuova era di rivalità tra grandi poteri. Le ragioni vengono dalla loro ideologia, dalla loro formazione.

Le élite occidentali sono impreparate alla realtà del mondo. Il sociologo e analista Frank Furedi espone in Spiked le basi dell’attuale struttura elitaria: “Improvvisamente il mondo sembra un posto molto pericoloso. Dopo decenni di apparente stabilità, sono riemerse grandi rivalità di potere”; “Le ipotesi del dopo Guerra Fredda sono tutte messe in discussione”; “Nel frattempo, le tensioni economiche di lunga data tra Cina e Stati Uniti stanno raggiungendo il punto di ebollizione, minacciando gli accordi di sicurezza esistenti nel Pacifico”. La pandemia di Covid-19, l’interruzione degli scambi economici e delle catene di approvvigionamento globali, il conflitto in Ucraina e l’attuale crisi energetica hanno colto di sorpresa le élite occidentali.

Mentre l’Europa è immersa in una crisi energetica senza precedenti, gli Stati Uniti, essendo un paese con notevoli risorse, possono superare più facilmente l’attuale crisi. L’Europa è in una posizione diversa. Non ha praticamente risorse naturali proprie e c’è confusione nell’Unione Europea, soprattutto perché non può uscire dalla posizione satellitare di Washington. “L’Europa soffre da vent’anni di un profondo disorientamento. Il modello su cui è stato costruito negli anni Cinquanta – il trittico immaginato da Jean Monnet: pace, federalismo e mercato – si è infranto contro la realtà del XXI secolo”, scrive La Croix. Questo quotidiano, come Spiked, crede che la radice del problema sia l’assenza di leader forti e capaci di agire.

Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, tenta di prendere il posto della leadership in Europa, ma non ci riesce, rileva il New York Times. Commentando il suo recente discorso a Praga, dove ha annunciato i piani della Germania per svolgere un ruolo maggiore in Europa, i media in lingua inglese hanno scoperto che “il tentativo di Olaf Scholz di presentare una prospettiva grandiosa è fallito”, presentando “la sua incapacità di riempire un vuoto un continente affamato di leadership”.

Emmanuel Macron nel ruolo di leader europeo esemplare non è affatto all’altezza. “Emmanuel Macron crolla a terra dopo aver perso la presa sul parlamento”, “i prossimi cinque anni ora sembrano molto diversi per il presidente francese che era posizionato per essere il leader più potente dell’UE”, titola il Financial Times. Spinge “l’idea di globalizzazione” ma “assolutamente non raggiunge il livello di leader”, scrive The Time, specificando: Sotto Macron, “l’economia del Paese non cresce, e ci sono più contraddizioni nella società”, ” l’autoproclamato unico campione del globalismo sembra pronto a diventare ancora più solo”.

Macron con Sholz

L’arte della politica sembra essere praticamente scomparsa. È evidente che l’establishment politico negli Stati Uniti e nei paesi dell’UE non ha le risorse intellettuali, la chiarezza e l’integrità per guidare sulla scena mondiale. L’arte della politica sembra essere praticamente scomparsa. La visita di Nancy Pelosi a Taiwan è stata indicativa di un atto incredibilmente sconsiderato che illustra perfettamente come i politici americani di alto livello abbiano perso ogni impegno per la diplomazia. Con il conflitto in Ucraina, la posizione dogmatica e autoritaria dell’Ue con il Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen e il seguito di altri leder politici di altri paesi, a parte l’Ungheria, tradisce questa debolezza delle autorità politiche europee.

Che fine ha fatto lo statista nel mondo occidentale? Nel suo nuovo libro Leadership: Six Studies in World Strategy, l’anziano diplomatico americano Henry Kissinger lamenta la mancanza di un ponderato senso politico nei tempi contemporanei e la mancanza di serietà intellettuale tra i leader occidentali contemporanei. Critica le università per aver prodotto “militanti e tecnici” piuttosto che leader. Henry Kissinger è preoccupato per la coorte contemporanea di diplomatici e specialisti di affari esteri formati nelle università angloamericane perché “molti di loro sono intrisi dell’ideologia del globalismo” che considera la geopolitica una preoccupazione antiquata e superata che appartiene ai cattivi vecchi giorni del periodo tra le due guerre. Questa prospettiva è ampiamente comunicata agli studenti di relazioni internazionali di prestigiose università.

Una doxa cieca guida politici e diplomatici occidentali. “L’idea che, in un mondo globalizzato, la geopolitica sia irrilevante si basa sulla convinzione che la rivalità tra le grandi potenze sarà mitigata dalla cooperazione economica”, analizza Frank Furedi, dando una fonte a questo ragionamento: “Questo punto è stato chiarito dall’ex presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, che sosteneva che la geopolitica era stata sostituita dalla geoeconomia”.

L’intera casta politica ei diplomatici dell’Occidente vedono la politica e gli eventi nel mondo secondo questo paradigma. Questi esperti di diplomazia vedevano, ad esempio, nell’integrazione europea una soluzione per offrire una “soluzione alla guerra” permanente. Alcuni studiosi ed esperti di politica internazionale occidentale sono arrivati ​​al punto di affermare che la guerra è diventata obsoleta.

Ad esempio, in The Remnants of War, John Mueller, un politologo americano nel campo delle relazioni internazionali, ha sostenuto fermamente che i paesi sviluppati hanno generalmente abbandonato la guerra nel modo in cui conducono le loro relazioni con gli altri paesi. Secondo lui, i conflitti militarizzati ora sono solo una questione di “teppisti” e “combattenti residui”. Il conflitto in Ucraina ha sorpreso Olaf Scholz, Emmanuel Macron o Ursula von der Leyen, indirizzandoli verso una logica globalista invece di considerare la forza della geopolitica e l’importanza del ruolo della diplomazia.

Questi politici sono in parte prigionieri della ristretta visione tecnocratica che hanno adottato durante gli anni dell’università. L’establishment occidentale non solo è scarsamente addestrato e istruito su questa visione della politica estera, ha anche adottato, insieme ad altri membri dell’élite dominante, una visione cosmopolita della politica estera che li ha incoraggiati a staccarsi dalla loro nazione.

Di conseguenza, esperti di politica estera e diplomatici, che hanno assimilato questi presupposti globalisti, sono sfortunatamente impreparati ad affrontare le complesse sfide geopolitiche che ora devono affrontare.

fonte: Continental Observer

Traduzione: Luciano Lago

10 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 16:57h, 07 Settembre Rispondi

    La legnosa Von der ca.. dice che le importazioni del gas russo sono arrivate ad appena il nove per cento perché lo importano dalla Norvegia ed altrove al triplo del prezzo, ma allora il gas c’è! ma bisogna pagarlo e in tutti questi anni hanno fregato la Russia pagandolo di meno

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 17:07h, 07 Settembre Rispondi

    ‘E evidente che l’Italia e l’Europa hanno gravi problemi di direzione politica, tanto che diventa un grande uomo uno come Draghi

    • Andrea
      Inserito alle 17:30h, 07 Settembre Rispondi

      Beh, basta vedere la prima foto in alto per capire con chi hai a che fare. Il problema è che questi criminali ci stanno portando alla distruzione

  • eusebio
    Inserito alle 19:49h, 07 Settembre Rispondi

    Viene quasi da pensare che i globalisti apolidi abbiano dato per persa la lotta contro le potenze eurasiatiche e abbiano deciso di ritirarsi in Nord America facendo il deserto in Europa e Ucraina per non lasciare niente alle potenze vincitrici Russia e Cina.
    Quanto ci metteranno i popoli europei a capire che i loro governi quisling devono essere rovesciati, come auspicano i russi?

  • Natalino
    Inserito alle 20:55h, 07 Settembre Rispondi

    Beh! Io non la vedo cosí disperata. Basta solo pensare alla grande iniziativa del “price cap” e se non basta. guardare la faccia dei personaggi per capire che il milieu politico europeo ha intrapreso la via corretta per il successo……………..del disastro.
    IL PRICE CAP suona un po come l’esproprio proletario, dove uno entra in un supermarket é paga la merce al prezzo che vuole o non la paga prorpio come ai bei tempi del colonialismo quando molte materie prime non si pagavano.
    E se non basta aggiungiamoci le rassicurazioni di Draghi e Cingolani. Dove il primo forte dei dati sulle dinamiche del mercato del pesce rionale di Centocelle ( analisi un poco articolata e difficoltosa ma haimé altro non sa analizzare) ci dice che Putin si deve ritirare dall’Ucraina e lasciarla in mano alla NATO salvo essere sderenato dalle sofferenze e dalle privazioni del popolo italiano. iL secondo peró con cipiglio bellicoso manda a dire a Peskov che lui é ministro di un governo di una repubblica sovrana che non prende ordini da Putin ma da un solo padrone. Io ne conto almeno 3 o 4. Ma tant’é una volta sverginati, dove entra un caz.zo ne possono entrare anche altri senza che siano percepiti.

  • Cesare
    Inserito alle 03:09h, 08 Settembre Rispondi

    Questo Filippo Rosenthal o è in malafede o è un ingenuo pazzesco.Dire che “La pandemia di Covid-19, l’interruzione degli scambi economici e delle catene di approvvigionamento globali, il conflitto in Ucraina e l’attuale crisi energetica hanno colto di sorpresa le élite occidentali.” e’ dire che sono persone in buonafede e senza un programma di schiavizzazione e di asservimento dei popoli dettati dai loro padroni usurai oligarchi globalisti nazi-comunisti.Informate questo Rosenthal che il WEF(World Economic Forum di Schwab) dei banchieri ha detto “non avrai nulla e sarai felice” e stiamo andando in quella direzione esatta prima con i lockdown carcerieri con distruzione della piccola impresa e poi con la crisi creata appositamente nel gas che rovinerà quasi tutti.Se non fermiamo questi demoni saranno guai veri

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:07h, 08 Settembre Rispondi

    E’ il trionfo dello scemo!… tipico di ogni impero in dissoluzione…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • antipatizzante
    Inserito alle 10:22h, 08 Settembre Rispondi

    L’obiettivo della “crisi” è la dissoluzione degli Stati nazionali del Continente europeo che lasceranno il posto agli Stati Uniti d’Europa. E’ una crisi voluta e pilotata. Nella stessa ottica va letta l’ossessione antirussa che è alimentata per creare il nemico esterno e comune.

  • Luca
    Inserito alle 11:30h, 08 Settembre Rispondi

    Siamo lontani anni luce da principi formulati a Ventotene. Mi era capitato di paragonare l’EU ad un condominio con condomini molto dissimili in disomogenea interessata convivenza , ora direi che è solo una fredda unione finanziaria . Dove ci porterà?

    • Giorgio
      Inserito alle 07:58h, 09 Settembre Rispondi

      Dove ci porterà ???
      Semplice ….. miseria, guerra e morte …..
      ma in un continente (l’Europa) distrutto e immiserito …. mi pare difficile che l’elite potrà continuare a banchettare impunemente !

Inserisci un Commento