"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’arsenale di Hezbollah che spaventa Tel Aviv

da Redazione

Cresce la preoccupazione delle forze di difesa israeliane per quanto si sta determinando sulla linea di confine a nord. I timori arrivano da due aspetti correlati: uno è la possibilità che l’esercito siriano possa riprendere il controllo della regione al confine, al momento assediata da diversi gruppi estremisti; l’altro è che i nuovi sviluppi in Siria potrebbero consentire ad Hezbollah di ritornare alla ribalta nella scena libanese. Negli ultimi dieci anni Hezbollah ha mantenuto il cessate il fuoco lungo il confine israelo-libanese, sin dalla guerra del 2006.

La milizia libanese ha, negli ultimi anni, perfezionato la tecnica e le capacità militari al punto da essere equiparata ad un vero e proprio esercito, probabilmente in vista di una futura battaglia contro le Forze d’occupazione israeliane (Israeli Occupation Forces – Iof ndr). Non che una nuova guerra tra Israele e Libano sia dietro l’angolo, ma il timore verso la crescente potenza militare sciita, considerata da Israele una seria minaccia, ha indotto l’Iof a non abbandonare mai l’ipotesi di un attacco preventivo.

Ciò che preoccupa di più Israele è l’enorme arsenale missilistico di cui è dotato Hezbollah. Un arsenale stimato tra le 80mila e le 100mila unità, composte per lo più da razzi a corto raggio con capacità fino a 40 km. La milizia libanese possiede, inoltre, un sostanziale numero (più di mille) di missili a lungo raggio che possono raggiungere oltre i 300 km con carico pesante – tra i 200 ed i 300 kilogrammi, secondo dichiarazioni dei media israeliani.

Molti dei siti strategici dell’Iof – tra cui il reattore nucleare di Dimona, centrali elettriche, aeroporti, così come diverse basi militari israeliane incluso l’aerodromo dell’Air Force israeliana e le stazioni di emergenza – sono “sotto il tiro” dell’arsenale libanese. Sulla base di tale scenario si è aperto un importante dibattito tra i vertici dell’Iof ed il Ministero della Difesa israeliano.

Al centro del dibattito ci sarebbe la questione in merito alla possibilità di aumentare il numero di razzi e missili delle forze d’Occupazione in vista di un futuro scenario di guerra con Hezbollah. Il nuovo Ministro della Difesa israeliano Avigdor Liberman ha affermato che una eventuale guerra contro le milizie sciite sarebbe molto dura, soprattutto nella regione del nord. Secondo previsioni dell’Iof, la regione del nord – grosso modo delimitata all’interno di un’area situata a circa 40/60 km dal confine – sarebbe pesantemente colpita da migliaia di razzi.

Missili di Hezbollah

L’Iof ha stimato che nei primi cinque giorni di guerra si assisterebbe ad una media di 1000 missili al giorno lanciati contro Israele. Un attacco che provocherebbe migliaia di morti, e causerebbe danni ingenti alle strutture con conseguente evacuazione della comunità rurale.

In tale eventualità, meno azioni dell’Iof significa meno bombe e meno razzi contro Hezbollah. Pertanto Liberman crede che le forze israeliane debbano diversificare le misure a propria disposizione al fine di poter infliggere ad Hezbollah l’offensiva necessaria.

Un alto ufficiale israeliano ha asserito che per rispondere efficacemente alla minaccia di Hezbollah, l’Iof deve aumentare il proprio arsenale di missili e razzi a medio raggio. La proposta avanzata dall’alto ufficiale è che l’Iof in futuro acquisti missili in grado di trasportare testate di oltre 200 kili. In sintesi, l’unica via perseguibile affinché Israele non soccomba è potenziare l’arsenale bellico.

Indipendentemente dal grado di preparazione che le forze israeliane saranno capaci di raggiungere, o dalla potenza militare, ciò che conta è capire che una eventuale guerra con Hezbollah avrebbe pesanti ripercussioni per la popolazione israeliana, non solo dal punto di vista militare ma soprattutto psicologico.

Fonte: Il Faro sul Mondo

*

code

  1. Giorgio 8 mesi fa

    Ho già scritto che Tsahal ha già preso legnate da Hezbollah, che non siano bastate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 8 mesi fa

    Su questo pianeta ci sono più armi che vita. Mi meraviglio che siamo ancora qua. Facciamo miracoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 8 mesi fa

      Certo che la creazione di Israele ha portato una bella violenza in Medio Oriente, se si pensa poi che le pretese degli ebrei si basano su un libro fasullo con profeti fasulli, c’è da arrabbiarsi per davvero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 8 mesi fa

        Israele, un gattone lamentoso con manie vittimistiche preso e messo in mezzo al cortile pieno di cani Rottweiler slegati, e non ha paura, perché?
        Perché è stato messo in quel cortile? Si potrebbe pensare per far salire la pressione dei cani?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ZapBrannigan 8 mesi fa

    mi sono sempre chiesto se Sion sia capace di usare le sue atomiche per contrastare un attacco militare tradizionale, nel senso, sarebbero disposti a farlo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 8 mesi fa

      Si. Lo farebbero, sono dei fanatici.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Renè 8 mesi fa

      L’uso di armi nucleari da parte di Israele pare si chiami “Opzione Sansone,” già minacciata a Nixon che non voleva “aiutare” Israele, consiste nel bombardare l’Europa (!!!) Nixon cedette, sapeva che i sionisti l’avrebbero fatto, ma queste sono leggende…
      Ora per capire che cosa farebbero (faranno) del loro arsenale nucleare gl’israeliani, composto da bombe atomiche e bombe nucleari a fusione, bisogna vedere i loro vettori: i missili Gerico, che sono, secondo la generazione, da “a lungo raggio” a “intercontinentali” possono colpire agevolmente gli USA tutte le Americhe, la Russia, tutta l’Europa… inoltre ci sono almeno due sottomarini di fabbricazione tedesca gentilmente donati da Frau Merkel (non è il suo vero cognome;) modificati per lanciare il missile Popeye che può portare armi nucleari e gli aerei dell’aviazione.
      Dunque dalle armi e dai vettori si deudce che Israele è una nazione di paranoici che vedono nemici ovunque, oppure di mafiosi che vogliono minacciare chiunque.

      Rispondi Mi piace Non mi piace