L’arma dei “diritti umani” (utilizzata da USA e suoi alleati)


di Carla Stea (*)


La “democrazia” capitalista indiana condanna al suicidio centinaia di migliaia di agricoltori poveri

La “dittatura” comunista cinese solleva 700 milioni di cittadini cinesi dalla povertà: eppure l’India è adorata dagli esperti occidentali, mentre la Cina è demonizzata e sanzionata

“Il primo diritto umano è il diritto alla vita.” Wang Yi , ministro degli Affari esteri e consigliere di Stato della Repubblica popolare cinese

Dodici anni fa Jomo Kwame Sunderam , Segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali, presentò il 2008 “Economic and Social Survey of Asia and the Pacific”, in una conferenza stampa, rivelando a pagina 124 il fatto sconcertante che:

“Con risorse limitate, gli agricoltori dipendono dal denaro preso in prestito per acquistare semi e altri input per coltivare la loro terra. Un calo del reddito agricolo potrebbe portare all’indebitamento. In India, ad esempio, il disagio nelle aree rurali si riflette nell’elevato numero di suicidi da parte di agricoltori: 86.922 nel 2001-2005 (Government of India, 2007) “.

C’era pochissimo – anzi praticamente nessuna copertura da parte della stampa o indagine ufficiale su questo fatto orribile fino al 2014: in un articolo di Jonathan Kennedy intitolato: “Nuove prove di epidemia di suicidio tra gli agricoltori ‘emarginati’ dell’India” afferma:

“Nel 2010, 187.000 indiani si sono suicidati, un quinto di tutti i suicidi globali … L’ultima ricerca statistica rileva forti legami causali tra le aree con il maggior numero di suicidi e le aree in cui gli agricoltori impoveriti stanno cercando di coltivare colture che soffrono di fluttuazioni dei prezzi a causa dell’India passaggio relativamente recente all’economia di libero mercato “. “Spesso si dimentica che oltre 833 milioni di persone – quasi il 70% della popolazione indiana – vivono ancora nelle zone rurali. Gran parte di questi abitanti rurali non ha beneficiato della crescita economica degli ultimi vent’anni. In effetti, la liberalizzazione dei prezzi dei prodotti agricoli(e l’introduzione di colture OGM) ha portato a una crisi nel settore agricolo che ha spinto molti coltivatori di piccole colture a indebitarsi e in molti casi al suicidio “.

Proteste contro gli alimenti OGM della Monsanto

Questo per quanto riguarda il paradiso capitalista che Trump promette al leader socialista della Corea del Nord Kim Jung Un .

Il 22 febbraio 2014 Ellen Barry sul New York Times ha titolato: “Dopo che gli agricoltori si suicidano, i debiti cadono sulle famiglie in India”, con vedove impoverite chiamate “puttane”. Nel giugno 2014, AP titolava: “Le ragazze violentate e assassinate rivelano orribili rischi per i poveri dell’India”: L’UNICEF stima che quasi 594 milioni – quasi il 50% della popolazione indiana – defecano all’aperto, con la situazione particolarmente acuta nelle aree rurali impoverite come come il distretto di Badaun dell’Uttar Pradesh …. Il rapimento, lo stupro di gruppo e il linciaggio di due ragazze adolescenti mentre andavano a liberarsi lo scorso martedì hanno aggiunto una nuova dimensione terrificante alla loro dura prova quotidiana “.

Infine, sei anni dopo, all’interno della mascherata che rendeva possibile la colpa del Covid-19 come causa della disperazione, il New York Times ha deliberatamente confuso i fatti e ha affermato: “Lockdown Sows Death Among India’s Farmers”, affermando:

“L’India ha uno dei tassi di suicidio più alti al mondo. Nel 2019, un totale di 10.281 agricoltori e braccianti agricoli sono morti per suicidio in tutto il paese, secondo le statistiche del National Crime Records Bureau. Togliersi la vita è ancora un crimine in India e gli esperti hanno affermato per anni che i numeri effettivi sono molto più alti perché la maggior parte delle persone teme lo stigma della denuncia. “

Questa scarsa attenzione agli orrori subiti dagli indigeni indigeni, spesso ignorata anche dalle agenzie specializzate delle Nazioni Unite, contrasta grossolanamente con la schiacciante attenzione su apparenti abusi dei diritti umani di cui la Cina è accusata dai media occidentali e all’interno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

L’attuale primo ministro indiano Modi proviene dal partito politico implicato nell’assassinio del Mahatma Gandhi, il grande leader dell’indipendenza dell’India dalla Gran Bretagna. È chiaro che Modi è determinato a restituire l’India alle mani occidentali che l’hanno ridotta in schiavitù fino al 1947. Modi è un servitore molto obbediente nel compiacere gli ex padroni dell’India. Una breve descrizione della politica genocida della Gran Bretagna nei confronti dell’India coloniale è fornita nel capolavoro di Susan Butler: “Roosevelt e Stalin, Ritratto di una partnership”, (pagina 327, edizione Knopf): nel libro si descrivono i crimini di genocidio commessi dal governo coloniale Britannico nei confronti della popolazione bengalese, culminati con il sequestro di tutte le scorte alimentari ed i mezzi per la sussistenza e la repressione più dura che portò allo sterminaio di oltre il 13% della popolazione del Bengala. Un crimine sempe coperto ed occultato dalle fonti britanniche.

Secondo il dottor Sashi Tharoor, ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite,”Churchill ha tanto sangue sulle mani quanto Hitler.”

Forse, perché l’India sta ora seguendo gli ordini del suo ex schiavista, l’imperialismo occidentale, l’orribile numero di suicidi dei loro contadini indigenti, il degrado delle donne (innumerevoli stupri di gruppo e omicidi di ragazze impoverite) ricevono poca attenzione nei corridoi del potere alle Nazioni Unite, incluse in risoluzioni generali sdentate che difendono i diritti delle donne.

Al contrario, la Cina è diventata il capro espiatorio dei media occidentali che, trascurando gli orribili abusi dei diritti umani di milioni di indiani impoveriti, versa incessanti lacrime di coccodrillo fino alla nausea sulla condizione degli uiguri in Cina e dei “manifestanti innocenti” ad Hong Kong.

Enormi prove prodotte da Bashir Ja’afari,Ambasciatore della Siria presso le Nazioni Unite, documenta il fatto che ogni anno l’Arabia Saudita finanzia il viaggio di 5mila uiguri da Xingjiang, in Cina, al pellegrinaggio alla Mecca in Arabia Saudita, durante il quale vengono indottrinati all’estremismo islamico e al jihad. Questi uiguri sono ospitati per un mese in più rispetto agli altri pellegrini, fino a quando la loro esperienza nel jihad non è completata, e vengono quindi restituiti in Cina allo scopo di fomentare movimenti separatisti e commettere azioni terroristiche, che il governo cinese sta tentando di impedire e da cui il Il governo cinese sta tentando di proteggere la sua popolazione. I campi di rieducazione, che sono i mezzi apparentemente “antidemocratici” con cui la Cina sta tentando di reintegrare questi “candidati della Manciuria” nella società cinese, sono l’attuale obiettivo della preoccupazione occidentale per le apparenti “violazioni dei diritti umani” in Cina, mentre l’Occidente stesso sta distogliendo l’attenzione dal gravi violazioni interne dei diritti umani che si verificano impunemente all’interno di questi stessi arroganti paesi occidentali. (Il pubblico strangolamento di George Floyd è solo un esempio di questa atrocità in corso, che si verifica in modo massiccio e impunemente).

Estremisti uiguri cinesi, indottrinati dall’Arabia Saudita e sostenuti (e sobillati) da USA e GB per destabilizzare la regione del Xinjiang cinese, abitata da minoranza islamica

La Cina è un paese enorme, composto da 56 nazionalità. È molto probabile, e forse indiscutibile, che ci siano interessi stranieri ostili nel fomentare la disintegrazione della Cina, un crescente potere economico socialista erculeo, e ridurlo alla tragica debolezza e miseria a cui erano stati i quindici paesi che un tempo facevano parte dell’Unione Sovietica. condannato.

I jihadisti uiguri certamente adempiono la loro missione, già nel 2013 c’è stato un attentato terroristico nel centro di Pechino e conseguenti azioni estremiste violente altrove in Cina. I cinesi sofisticati, beneficiando di una civiltà vecchia di 5.000 anni, hanno riconosciuto le politiche geostrategiche ostili alla base di questa nuova piaga del terrorismo nel loro paese e ora hanno preso provvedimenti per impedire che questa orribile epidemia causasse ulteriori esplosioni caotiche sul loro territorio. I campi di rieducazione nello Xingjiang sono misure difensive e non hanno provocato epidemie di suicidi, così come le politiche economiche di libero mercato nell’India capitalista, “la più grande democrazia del mondo”.

Il discorso del presidente degli Stati Uniti Trump all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 22 settembre 2020 è stata una dichiarazione palese e sfacciata di palese ostilità nei confronti della Cina, ora la più grande sfida del mondo alla pretesa di “grandezza” degli Stati Uniti. L’attacco costante alla Cina, con la fabbricazione di violazioni dei diritti umani contro il paese che ha sollevato 700 milioni di persone dalla povertà, (mentre gli Stati Uniti stanno spingendo milioni di persone nella povertà, con i loro investimenti di trilioni di dollari in armi nucleari, mentre il popolo americano lo sta in un numero enormemente crescente di persone che muoiono di fame, senzatetto e prive delle attrezzature e delle risorse mediche che potrebbero contenere e controllare la diffusione del Covid -19) è così vistosamente ipocrita che dovrebbe essere ovvio anche a un osservatore occasionale.

I manifestanti sempre più frustrati e instabili contro il razzismo e la disuguaglianza in Occidente vengono denigrati e maltrattati – o assassinati, mentre i manifestanti anticomunisti a Hong Kong sono esaltati. Il carattere orwelliano di questo lavaggio del cervello è tragico e un esempio di ciò che un brillante psichiatra di Cambridge, Massachusetts mi ha detto di recente: “Ho concluso che la specie umana non sa come prendersi cura di se stessa e, di conseguenza, può non sopravvivere. “

Introducendo l’apertura del Dibattito Generale delle Nazioni Unite, il Segretario Generale Antonio Guterres ha sottolineato: “Ci stiamo muovendo in una direzione molto pericolosa. Il nostro mondo non può permettersi un futuro in cui le due maggiori economie dividano il globo in una Grande Frattura, ciascuna con le proprie regole commerciali e finanziarie e capacità di Internet e di intelligenza artificiale. Una simile divisione rischia di trasformarsi inevitabilmente in una divisione geostrategica e militare. Dobbiamo evitarlo a tutti i costi. “

*Carla Stea è Research Associate del Center for Research on Globalization (CRG) e Corrispondente Global Research presso la sede delle Nazioni Unite, New York.


La fonte originale di questo articolo è Global Research

6 Commenti

  • rossi
    27 Settembre 2020

    Più paesi si staccano dall’occidente e costruiscono insieme un’alternativa e meglio è… anzi è l’unica strada percorribile…. Purtroppo l’India sta procrastinando quel momento anche se, a mio avviso, pende più verso l’eurasia che verso l’ammerica, ma le do delle attenuanti: essendo come una piramide rovesciata che stà in equilibrio sulla punta senza precipitare e frantumarsi solo per miracolo dei sui 45 milioni di Dei, i dirigenti Indiani devono barcamenarsela con evoluzioni circensi da paura, l’ultima parola ad Amartya Sen che profetizza grande sventura per l’India che non salta definitivamente sul treno dell’integrazione euroasiatica…. mi riucuorano gli ultimi accordi stipulati tra la Russia e l’India…. l’India dovrebbe fare come la Russia e dichiarare vietati gli ogm….

  • Roy
    27 Settembre 2020

    Parlateci dei Laogai cinesi,poi parleremo di una Cina altruista e costruttiva.Sino a quando esisteranno queste tipologie di trattamenti dettate dal Partito comunista cinese si potra’ parlare solo di una Cina crudele dal colore rosso sangue

    • atlas
      28 Settembre 2020

      senza andare ai democratici usa e getta, dove più di 80 milioni di persone umane dormono in strada sfamati solo da organizzazioni pseudo-religiose caritatevoli e senza diritto ad alcuna minima assistenza sanitaria, parlaci ad es. dell’operaio itali ano della fiat a T’orino, territorio democraticizzato e ormai internazionale, che si alza tutte le mattine presto nella nebbia d’inverno, all’umidità calda ed appiccicosa d’estate dopo essersi nutrito col vitto dell’eurospin, per farsi macellare nelle catene d’ingranaggio tecniche e materialiste. Parlaci invece dei delinquenti che se ne stanno in collegio con socialità, biblioteche, teatro, cinema, campi da calcio, stanze di socialità per giocare a carte etc.

      parlaci del cittadino onesto umiliato ed afflitto che in democrazia deve lavorare come uno schiavo per mantenere stranieri vagabondi e suinocrati parassiti in parlamento

  • silvia
    28 Settembre 2020

    Ma la Cina non e’ piu’ comunista, almeno economicamente

  • atlas
    28 Settembre 2020

    l’arabia saudita wahhabita, quindi giudeizzata, converte chi si vuole fare convertire, probabilmente per denaro, al wahhabismo contro l’Islam

    il Governo cinese, a maggioranza idolatra, più ne elimina di questi traditori e meglio fa per l’Islam. Paradossalmente

  • Aureliano71
    29 Settembre 2020

    L’India è popolata da quasi un quinto della popolazione mondiale, non sorprende che abbia un quinto dei suicidi.
    Questi popoli profondamente arretrati vanno educati al controllo delle nascite, che è stata la chiave della rinascita cinese.
    Siamo troppi, in troppi non lo capiscono e ai paesi con i più alti tassi di natalità andrebbe imposto un blocco commerciale e delle frontiere, unica soluzione perché le loro popolazioni imparino ad autoregolamentarsi..

Inserisci un Commento

*

code