L’arcivescovo Hanna rifiuta la normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele



L’arcivescovo cristiano ortodosso, Atallah Hanna, della Chiesa di Gerusalemme, ha dichiarato ad Al Mayadeen che “l’accordo fa parte dei piani volti a liquidare la causa palestinese”, sottolineando che “le cospirazioni contro la causa palestinese non si sono fermate, ma i cospiratori ignorano la volontà del popolo palestinese”. .
L’arcivescovo Atallah Hanna, presidente dei vescovi Sebastia della Chiesa greco-ortodossa di Gerusalemme, ha dichiarato il proprio rifiuto alla normalizzazione e all’accordo Emirati-Israele.

L’arcivescovo Hanna ha detto ad Al Mayadeen che “l’accordo fa parte dei piani diretti a liquidare la causa palestinese”, sottolineando che “le cospirazioni contro la causa palestinese non si sono fermate, ma i cospiratori ignorano la volontà del popolo palestinese”. .

Lo stesso arcivescovo ha commentato che “alcuni arabi si sono sottratti alle proprie responsabilità nei confronti della causa palestinese”, osservando che “quanto sta accadendo ha lo scopo di aiutare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a rimanere alla Casa Bianca e aiutare il primo ministro Benjamin Netanyahu a rimanere primo ministro. “.

Il vescovo Hanna ha affermato che “né gli Stati Uniti, né (Israele), né alcuna forza bruta possono minare la nostra volontà”, aggiungendo che ” si è passati dalla fase di normalizzazione alla fase di coinvolgimento globale nel progetto sionista-americano”. .

Ha spiegato che “si sbaglia” chi pensa che il suo rapporto con l’occupazione gli garantirà la conservazione del trono “, sottolineando che” dire che l’accordo ha portato alla sospensione del piano di annessione è una grossa bugia “.

Il vescovo Hanna ha indicato che “è diventato un peccato che le divisioni tra i palestinesi rimangano, e la casa palestinese interna deve essere riparata”, avvertendo che “nei prossimi giorni potremmo assistere a passi di normalizzazione da altri paesi nel contesto della cospirazione contro il Popolo palestinese “.

Hanna ha dichiarato: “Se noi palestinesi non difendiamo la nostra Gerusalemme e i nostri luoghi santi, non ci possiamo aspettare che altri intraprendano questa missione”.

Palestinesi manifestano contro l’acordo

Il vescovo ha fatto riferimento all’esplosione che ha scosso il porto di Beirut pochi giorni fa e ha detto che “l’esplosione di Beirut ci ha scossi tutti e le sue scosse di assestamento hanno raggiunto Gerusalemme e il mondo intero”, e ha rivolto il suo cordoglio alle famiglie dei martiri. che hanno perso la vita in questa tragedia.

Hanna ha assicurato che il Libano “ha abbracciato la causa palestinese dal 1948, e siamo fedeli al Libano e ciò che fa male al Libano fa male anche a noi”, e ha invitato “tutte le fazioni libanesi a superare le differenze e lavorare per iniziare la ricostruzione”.

L’autorità religiosa ha sottolineato che i cristiani in Libano e Palestina “sono una componente essenziale del Levante”, sottolineando che “tutti i cristiani e i musulmani libanesi devono parlare la lingua dell’unità, della patria e dell’amore”.

Nota:

Rifiuto degli accordi e tradimento della causa palestinese sono state le reazioni prevalenti di diversi paesi arabi fra cui Siria, Iraq, dalla stessa Palestina attraverso il presidente della entità Palestinese, oltre che messaggi durissimi di condanna degli accordi sono stati trasmessi dall’Iran cme dalla Turchia e da altri paesi mussulmani.
Gli Emirati Arabi sono definiti come una monarchia ereditaria prostituita agli interessi di americani e sionisti che non rappresenta nè il mondo arabo nè i popoli credenti nella fede mussulmana e nella fede cristiana, i cui luoghi santi sono stati usurpati dall’occupazione israeliana, illegale ed arbitraria.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione e nota: Luciano Lago

3 Commenti

  • eusebio
    14 Agosto 2020

    Ancora una volta gli arabi hanno calato le braghe davanti ai sionisti, l’unico paese islamico che ha minacciato gli EAU è stato l’Iran, il quale li può spianare a furia di missili in poche ore.
    Agli altri paesi arabi non frega niente che i sionisti espiantino gli organi ai giovani palestinesi che uccidono in massa https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-israele_continua_ad_espiantare_organi_di_giovani_palestinesi_uccisi/13944_14213/ probabilmente non reagiranno nemmeno quando i sionisti faranno saltare in aria la Moschea di Al Aqsa per costruire il terzo tempio.

  • Hannibal7
    15 Agosto 2020

    Questa cosa dell’espianto degli organi davvero non la sapevo…ho letto l’articolo correlato….e sono stato avvolto da una sensazione di tristezza mischiata ad odio profondo….questa è la gente che ogni anno a gennaio mi frantumano i genitali con la ricorrenza dell’olocausto….a questa gentaglia la storia non ha insegnato proprio un cazzo….che li colga presto l’olocausto nucleare

    • atlas
      15 Agosto 2020

      completamente d’accordo caro amico

      e non solo, da Musulmano preferisco i cristiani ai salafiti di hamas. I primi sono se stessi, i secondi sono giudeizzati

      i terzi, i wahhabiti, sono sionistizzati. In Arabo ‘zibla’, immondizia

Inserisci un Commento

*

code